Gli ucraini hanno riconquistato la terra dopo essere stati colpiti dalle bombe

Di fronte a una situazione di stallo su più fronti, compresa la diplomazia, l’Ucraina passa all’offensiva. Le forze ucraine sono state in grado di reclamare alcune delle aree di territorio perse dai russi, secondo l’intelligence statunitense.

Il Pentagono ha confermato martedì che l’esercito ucraino sta conducendo contrattacchi che gli hanno permesso di riconquistare il territorio. “Vediamo sicuramente fatti non confermati che dimostrano che gli ucraini non solo si difendono bene […]Ma stanno anche compiendo sforzi per riconquistare le terre che i russi hanno conquistato nei giorni scorsi”, ha confermato un alto ufficiale degli Stati Uniti in una conferenza stampa.

Ha osservato che per la “prima volta” dall’inizio della guerra, la capacità di combattimento dell’esercito russo dispiegato in Ucraina è scesa al di sotto del 90%. Alcuni suoi soldati soffrono di congelamento per la mancanza di attrezzature adeguate contro il freddo, come descritto da questo funzionario, che ha chiesto di non essere identificato, per motivi di sicurezza. Le truppe hanno anche problemi a fornire cibo, carburante e persino equipaggiamento personale. »

Il portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, John Kirby, ha testimoniato alla CNN che l’esercito ucraino “è ora, in determinate situazioni, all’offensiva”. Sappiamo che hanno contrattaccato […], soprattutto nei giorni scorsi a Mykolaiv, grande città dell’Ucraina meridionale. “Vedemmo [ces gains territoriaux] Ha aggiunto che l’aumento degli ultimi giorni “è nell’interesse dell’Ucraina.

L’esercito ucraino ha anche lanciato un contrattacco a Izyum, una cittadina a sud-est di Kharkiv, che era stata occupata dalle forze russe nel tentativo di collegarsi con le aree filo-russe di Luhansk e Donetsk.

Fonti dell’intelligence statunitense, Lo riporta il quotidiano American Daily New York TimesLa scorsa settimana, è stato stimato che più di 7.000 russi sono stati uccisi dall’inizio della guerra.

READ  indecenza europea | Giornalismo

Inoltre, lo stato maggiore dell’Ucraina ha dichiarato martedì che quasi 300 soldati russi hanno disertato nella regione nord-orientale di Sumy del paese.

“inferno ghiacciato”

Questi guadagni militari furono ottenuti mentre il fuoco dell’artiglieria continuava su molte città ucraine: Kiev, Kharkiv, Mariupol, Odessa, Mykolaiv, Chernihiv, ecc.

Nel sud, il comune assediato di Mariupol ha detto che la città è stata bombardata martedì da “due bombe super potenti”, senza poter dare una valutazione. “Gli occupanti non sono interessati alla città, […] “Vogliono raderlo”, ha detto il consiglio comunale.

I residenti fuggiti da questo disastro hanno descritto all’ONG Human Rights Watch “un inferno ghiacciato, le strade disseminate di cadaveri e le macerie di edifici distrutti” e “migliaia di persone tagliate fuori dal mondo”, sepolte sotto terra, senza acqua. Niente cibo, niente elettricità, niente comunicazioni. Human Rights Watch ha citato il vicesindaco dicendo che più di 200.000 persone sono rimaste a Mariupol. Secondo lui, più di 3.000 civili sono stati uccisi lì, ma il numero esatto dei morti è ancora sconosciuto.

A est, nel Donbass, almeno 124 civili sono stati uccisi nella regione di Luhansk dall’inizio dell’invasione, ha affermato l’amministrazione regionale su Facebook. Martedì, il ministero della Difesa russo ha riferito che i separatisti filo-russi avevano sequestrato dozzine di villaggi nella regione.

A Kiev, che è sotto un nuovo coprifuoco fino a mercoledì, sirene ed esplosioni hanno suonato a intervalli regolari per tutto il giorno. Almeno una persona è stata uccisa martedì in un attacco all’edificio dell’Accademia nazionale delle scienze nel nord-ovest della città, secondo l’AFP. Immediatamente, un ufficiale dell’intelligence militare ucraina ha annunciato l’uccisione di tre droni russi “Kamikaze”.

READ  Un edificio crollato in Florida | Corpo della terza vittima canadese trovato a Surfside

A ovest, nord ed est della capitale non c’è crocevia senza un muro di sacchi di sabbia o ostacoli anticarro. Trincee e postazioni di battaglia erano disposte casualmente dall’asse di tiro più basso possibile, ai piedi delle torri degli edifici o in luoghi liberi.

L’attentato è stato particolarmente intenso martedì alla periferia di Kiev. I combattimenti stavano continuando a Erben e Gostomel, secondo il governatore distrettuale, Oleksandr Pavlyuk. Dall’inizio della loro offensiva, le forze russe hanno cercato di circondare la capitale, inutilmente. “Nel peggiore dei casi, moriremo, ma non ci arrenderemo mai”, ha detto martedì il sindaco di Kiev Vitali Klitschko in una videoconferenza davanti al Consiglio d’Europa.

Impatto diplomatico

Per la prima volta dall’inizio della guerra, il presidente ucraino, Volodymyr ZelenskyMartedì, si è detto pronto a discutere di un “compromesso” su Crimea e Donbass, due regioni rivendicate da Mosca.

In un’intervista con diversi media, Zelensky ha tuttavia osservato che un tale accordo dovrebbe essere ratificato dagli ucraini tramite referendum. “La questione della Crimea e del Donbass è una storia molto difficile per tutti”, ha detto Zelensky, che ha detto di voler parlare direttamente con la sua controparte russa. Ha sottolineato che abbiamo bisogno di “garanzie di sicurezza” e la fine delle ostilità e “non appena questo blocco sarà revocato, parliamone”.

Ma martedì mattina il Cremlino ha affermato che i colloqui in corso non sono stati abbastanza “sostanziali”. Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha rifiutato di dire a cosa stanno lavorando le delegazioni russa e ucraina, “perché… [ces sujets] Il pubblico non può che ostacolare il processo negoziale, che già si sta svolgendo molto più lentamente e meno di quanto vorremmo”.

READ  Processo per omicidio Ahmed Arbery: la difesa è stata turbata dalla presenza di "preti neri"

Secondo il signor Zelensky, “la questione è fermare la guerra ora”.

Martedì, inoltre, il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di nuovo con Vladimir PutinSenza l’accordo di cessate il fuoco richiesto dall’Occidente. Dopo questa ottava telefonata con il leader russo dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, “al momento non c’è accordo, ma il Presidente [Macron] Ancora convinta della necessità di continuare i suoi sforzi, ha spiegato l’Eliseo. Emmanuel Macron ha anche chiamato di nuovo la sua controparte ucraina martedì per assicurargli il suo sostegno. Il presidente Zelensky consegnerà un discorso video mercoledì ai funzionari eletti francesi per chiedere il loro sostegno. Lo stesso ha fatto nei giorni scorsi davanti a eletti italiani, americani, canadesi, britannici, tedeschi e israeliani.

Il prossimo fine settimana vedrà un’intensa attività diplomatica. Giovedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden prenderà parte a un vertice straordinario della NATO, a un incontro del G7 e a un vertice dell’UE a Bruxelles, prima di trascorrere venerdì e sabato in Polonia, il principale paese di arrivo dei rifugiati ucraini.

Quasi 3,5 milioni di persone, per lo più donne e bambini, sono fuggite dall’Ucraina dal 24 febbraio, secondo le Nazioni Unite.

con AFP

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.