Uccisione di Khasugi: Trudeau non è migliore di Biden

In risposta alla domanda della NBC sulle misure che intendeva prendere contro il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, per uccidere il giornalista Jamal Khashoggi, Justin Trudeau ha mormorato una risposta che non significava nulla: diritti umani, blah blah, diritti degli oppositori, blah. – blah – blah – diritti delle donne – blah – blah – blah.

Ha aggiunto che il Regno dell’Arabia Saudita è “un paese con cui abbiamo a che fare”. E si ripaga bene.

Tra le altre cose, abbiamo venduto carri armati per un valore di 14 miliardi di dollari alla Guardia Nazionale saudita che ha il compito di difendere la famiglia reale da qualsiasi tentativo di ribellione.

Ottawa con il principe bin Salman e rabbia

Ottawa ha suscitato un agghiacciante indignazione da parte del principe e una risposta sproporzionata dall’Arabia Saudita quando il ministro per gli Affari globali, Chrystia Freeland, in un tweet dal Paese, ha chiesto che le attiviste per i diritti delle donne incarcerate fossero rilasciate “immediatamente”. È inaccettabile per noi parlare con loro in questa melodia … e attraverso un’altra donna diversa da quella!

Il principe ereditario arrabbiato ha ordinato l’espulsione dell’ambasciatore canadese, l’arresto degli investimenti sauditi in Canada, la vendita dei direttori del governatore del regno di tutti i loro beni canadesi e la partenza di 15.000 studenti sauditi dalle università canadesi.

Justin è rimasto in silenzio da allora. Tuttavia, la Rapid Action Force (RIF), l’unità speciale del principe ereditario responsabile della soppressione dei dissidenti all’estero, è particolarmente attiva in Canada. Ottawa preferisce guardare dall’altra parte e, soprattutto, non dire nulla.

READ  Sentimenti tra i musulmani Il governo austriaco mostra una mappa dell'Islam nel paese

Agenti MBS attivi in ​​Quebec e Ontario

Qui in Quebec, il famigerato oppositore del regime saudita, Omar Abdulaziz, che ha parlato quotidianamente al telefono con Khashoggi, è stato sottoposto a intercettazioni illegali. Sulla scia di queste obiezioni, Mohammed bin Salman avrebbe deciso di eliminare Khashoggi.

Anche agenti sauditi sono venuti a Montreal per cercare di riportare Abdulaziz in Arabia Saudita, dove sono in prigione due dei suoi fratelli e dozzine di suoi amici.

L’ex capo dell’intelligence saudita Saad al-Jabri ha accusato Muhammad bin Salman di voler assassinarlo in Ontario, 13 giorni dopo l’uccisione di Khashoggi. Alla squadra del RIF assegnata per ucciderlo è stato vietato di entrare in Canada all’aeroporto di Toronto. Riyadh accusa Al-Jabri di appropriazione indebita di miliardi di dollari di fondi pubblici.

Poche settimane fa, un altro dissidente saudita residente a Montreal è scomparso dopo aver visitato l’ambasciata del suo paese a Ottawa. Ahmed Abdullah Al-Harbi, 24 anni, è riemerso in Arabia Saudita. Al suo arrivo in Canada nel 2019, Al-Harbi stava lavorando a diversi progetti contro il regime saudita con altri attivisti. Secondo Omar Abdulaziz, le autorità saudite sono ora in grado di conoscere tutti i dettagli di queste operazioni. Harbi era un agente segreto, un informatore pagato o un avversario che doveva sedersi a mangiare per salvare la sua vita e quella delle persone a lui vicine?

Public Safety Canada e RCMP rifiutano di commentare qualsiasi cosa relativa alle attività del governo saudita contro gli oppositori del regime che vivono qui.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *