La guerra in Ucraina | Il bombardamento della più grande centrale nucleare d’Europa e la sua sicurezza garantita

(Kiev) La centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa nell’Ucraina centrale, ha preso fuoco venerdì dopo i bombardamenti delle forze russe e Kiev ha chiesto un cessate il fuoco immediato per evitare il disastro.

Inserito alle 19:38
Aggiornato alle 20:56.

Dafne Rossio
Agenzia media francese

“Dopo il bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhia da parte delle forze russe, è scoppiato un incendio”, ha detto il portavoce Andrei Toze in un video sull’account della stazione su Telegram.

“I vigili del fuoco non possono raggiungere la scena e spegnere l’incendio. I colpi cadono troppo ravvicinati. La prima unità elettrica della stazione è già stata presa di mira. Smettila! Ha continuato in un altro video”.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha esortato la Russia a smettere di prendere di mira l’impianto, che ha sei reattori nucleari e fornisce gran parte dell’energia del paese.

“Se esplode, sarà 10 volte peggio di Chernobyl! I russi dovrebbero fermare immediatamente il fuoco, lasciare passare i vigili del fuoco e consentire l’istituzione di un perimetro di sicurezza”, ha twittato Kuleba, dicendo che le forze russe stavano sparando “da tutte le parti. ”

Le autorità ucraine hanno dichiarato che la sicurezza nucleare della centrale di Zaporizhia è ora “garantita”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky della centrale nucleare.

Giovedì scorso, l’Ucraina ha informato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica che i carri armati e la fanteria russi erano vicino a Enerhodar, a pochi chilometri da Zaporizhia. Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Mariano Grossi, ha chiesto l’immediata sospensione di ogni uso della forza nella regione.

READ  Navi da guerra cinesi e statunitensi nello Stretto di Taiwan

Il 24 febbraio erano già scoppiati combattimenti nei pressi dell’ex centrale di Chernobyl, luogo del peggior incidente nucleare della storia a un centinaio di chilometri a nord di Kiev, che ora è nelle mani delle forze russe.

Il presidente Vladimir Putin, nei commenti trasmessi dalla televisione russa, non ha mostrato alcuna speranza di allentare l’attacco.

“L’operazione militare speciale sta andando rigorosamente secondo il programma, secondo i piani”, ha detto, lodando i soldati russi per la loro “preziosa lotta contro i neonazisti” e i “mercenari stranieri” che secondo lui stanno usando i civili come “scudi umani” in Ucraina.

Impossibile accedere a Facebook in Russia

In Russia, venerdì le pagine Internet di Facebook e molti media indipendenti o stranieri erano parzialmente inaccessibili. Venerdì, la Duma di Stato avrebbe dovuto esaminare un disegno di legge che prevedeva una condanna fino a 15 anni di reclusione per qualsiasi pubblicazione di “notizie false” relative ai militari.

Le forze russe intensificano i loro attacchi contro le principali città dell’Ucraina. Kiev ha accusato Mosca in particolare, giovedì, di aver bombardato una zona residenziale di Chernigov, sulla strada di Kiev, uccidendo 33 persone.

Oltre alle case, “gli aerei russi hanno attaccato due scuole nella regione di Stara Pododovka”, ha scritto il governatore locale Vyacheslav Chaus nel suo account Telegram, pubblicando foto di edifici distrutti.

Le immagini del servizio di emergenza hanno mostrato i soccorritori che trasportavano i corpi.

Giovedì, Vladimir Putin ha inondato le speranze di mediazione del presidente francese Emmanuel Macron, dicendogli al telefono che la Russia “intende continuare la sua lotta senza compromessi contro i membri dei gruppi nazionalisti che commettono crimini di guerra” e ha ribadito la sua richiesta per il disarmo e lo status neutrale dell’Ucraina. Secondo il Cremlino.

READ  Il mondo "trattiene il respiro" in vista di un possibile test nucleare nordcoreano

“Il peggio deve ancora venire”, Putin vuole “controllare” tutta l’Ucraina, ha giudicato il presidente francese dopo questa chiamata, secondo l’Eliseo.

Corridoi umani

I negoziatori russi e ucraini si sono incontrati giovedì al confine tra Polonia e Bielorussia in un secondo tentativo di colloqui, con Kiev che spera in una tregua. “Purtroppo, finora non ci sono risultati attesi per l’Ucraina. C’è solo una soluzione per organizzare corridoi umanitari “per l’evacuazione dei civili, ha scritto su Twitter Mikhailo Podolyak, membro della delegazione ucraina.

Le Nazioni Unite affermano che più di un milione di rifugiati sono già fuggiti dall’Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, diventato un eroe nel suo paese, da parte sua sfidò il maestro del Cremlino ad incontrarlo. Devo parlare con Putin […] Perché questo è l’unico modo per fermare questa guerra.

Ha nuovamente esortato gli occidentali ad aumentare il loro sostegno, a “chiudere i cieli” dell’Ucraina agli aerei russi, e li ha avvertiti: “Se spariamo, Dio ci salvi, sarà Lettonia, Lituania, Russia. Estonia, ecc. Fino a il muro di Berlino, credetemi”.

L’esercito russo sembra aver potenziato la propria potenza di fuoco per accelerare la conquista di città strategiche. E all’alba di giovedì ha preso il controllo della città di Kherson, che ha una popolazione di 290.000 persone, vicino alla penisola di Crimea, dopo pesanti bombardamenti.

Il capo dell’amministrazione regionale di Kherson, Gennady Laguta, ha invitato i residenti di Telegram a rimanere a casa. “I passeggeri in giro per la città sono estremamente pericolosi”, ha avvertito.

A est, a Mariupol, il sindaco ha accusato la Russia di voler assediare la città. L’esercito ucraino ha affermato che questo principale porto ucraino sul Mar d’Azov, luogo chiave per l’avanzata delle forze russe, sta attualmente “resistendo”.

READ  Olimpiadi di Pechino | Dopo gli Stati Uniti, l'Australia ha annunciato il suo boicottaggio diplomatico

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken è arrivato ieri sera a Bruxelles per colloqui con i funzionari della NATO e dell’Unione europea, dopo di che dovrebbe visitare la Polonia, i tre stati baltici e la Moldova.

Quest’ultima, che teme che sarà il prossimo obiettivo di Mosca, ha annunciato giovedì di aver presentato ufficialmente la sua domanda di adesione all’Unione europea, come la Georgia, sull’esempio dell’Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.