Collegamenti tra Cina e Stati Uniti | Anthony Blinken avverte del rischio di “deterioramento”

Collegamenti tra Cina e Stati Uniti |  Anthony Blinken avverte del rischio di “deterioramento”

(Pechino) – La Cina ha messo in guardia venerdì dal rischio di un “deterioramento” delle relazioni con gli Stati Uniti durante la visita del segretario di Stato americano Anthony Blinken a Pechino, con l'obiettivo di calmare le divergenze tra le due principali potenze mondiali.


Da mercoledì, Blinken ha effettuato la sua seconda visita in Cina in meno di un anno per cercare di allentare le tensioni tra le due maggiori economie del mondo.

È chiaramente diminuito rispetto alla sua precedente visita di giugno. Ma le controversie continuano ad avvelenare le relazioni, in particolare le restrizioni statunitensi sulle esportazioni di tecnologie avanzate verso la Cina, compresi i semiconduttori.

Anche il social network TikTok rischia di essere bandito negli Stati Uniti se non taglia i legami con la sua società madre cinese ByteDance. Washington sospetta che l’app venga utilizzata per spiare gli americani, raccogliere informazioni personali e servire anche la propaganda cinese.

TikTok nega categoricamente queste accuse.

Prima del suo viaggio, Antony Blinken aveva dichiarato che avrebbe sollevato questioni delicate con i suoi interlocutori cinesi, come le pratiche commerciali della Cina e il sostegno di Pechino a Mosca e persino a Taiwan.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato venerdì che i rapporti tra le due potenze “hanno cominciato a stabilizzarsi”, avvertendo del permanere di “elementi negativi”.

Pressioni “irragionevoli”.

“Le relazioni stanno affrontando ogni tipo di difficoltà. I ​​legittimi diritti di sviluppo della Cina sono stati ingiustificatamente soppressi e i nostri interessi fondamentali sono messi in discussione”, ha detto Wang Yi, riferendosi alle restrizioni statunitensi nel settore tecnologico.

READ  Esercitazioni militari cinesi accompagnate da un'ondata di disinformazione a Taiwan

“La Cina e gli Stati Uniti dovrebbero continuare a muoversi nella giusta direzione verso la stabilità o tornare nella direzione del declino?” fingeva di chiedersi Wang Yi.

Prima delle discussioni con il suo omologo, Blinken ha sottolineato che sarebbe stato “molto chiaro e molto diretto” con lui, affermando che sperava di “fare progressi sulle questioni su cui i nostri due presidenti erano d’accordo”.

Blinken ha affermato che i due paesi dovrebbero essere “il più chiari possibile nelle aree in cui ci sono disaccordi, anche solo per evitare malintesi ed errori di calcolo”.

Il capo della diplomazia americana è arrivato mercoledì in Cina, facendo tappa per la prima volta a Shanghai e atterrando nel tardo pomeriggio di giovedì a Pechino.

Pechino non ha annunciato alcun incontro tra il signor Blinken e il presidente cinese Xi Jinping. Durante la precedente visita del capo della diplomazia statunitense nel mese di giugno, era stato annunciato che all'ultimo minuto sarebbe stato organizzato un incontro tra i due uomini.

Taiwan e Ucraina

Il viaggio di Blinken, che si concluderà venerdì, è un segnale dell'allentamento degli attriti tra Cina e Stati Uniti, peggiorati sotto l'ex presidente Donald Trump, che ha nuovamente promesso di adottare una linea dura contro Pechino se avesse vinto le elezioni di novembre.

Anche se il presidente Joe Biden cerca di raggiungere una maggiore stabilità tra le due maggiori economie del mondo, continua a premere.

Si prevede che Blinken inviti alla moderazione, poiché il 20 maggio a Taiwan verrà insediato il nuovo presidente.

L'arcipelago sarà probabilmente uno dei temi delicati che verranno sollevati quando il Congresso degli Stati Uniti ha dato il via libera martedì ad un pacchetto di aiuti militari da 95 miliardi di dollari destinato agli alleati di Washington come Taipei.

READ  Macron è ancora in testa, e le corna sono dietro a Le Pen e Pecres

Dovrebbe anche sollevare le preoccupazioni degli Stati Uniti riguardo alle pratiche commerciali della Cina, che Washington considera anticoncorrenziali, una questione chiave per il presidente Joe Biden in questo anno elettorale.

La volontà del governo di Joe Biden di cooperare con la Cina è in netto contrasto con gli sforzi per isolare la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Se i cinesi non forniscono armi direttamente alla Russia, Washington li ha accusati nelle ultime settimane di fornire a questo paese attrezzature e tecnologie a duplice uso, facilitando gli sforzi di riarmo, i più importanti dai tempi dell’Unione Sovietica.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *