Monster Hunter: Il film che ci fa rabbrividire e ridere

Tra Paul WS Anderson e i videogiochi è una storia di odio e amore. Il regista è noto per i suoi potenti adattamenti come Mortal Kombat o The Early Resident Evil, ma viceversa, sta mettendo insieme alcune seduzioni incredibili. Va detto che i videogiochi sono un’area che ha i propri codec, specifici per la riproduzione di un prodotto di videogiochi. Che non corrisponde necessariamente al ritmo di un lungometraggio.

Credito immagine: Konstantin Films

Le mod dei videogiochi tendono a compiacere i fan, mentre cercano di attirare un pubblico che non ha completamente familiarità con i giochi in questione. Ciò si traduce spesso in un film bizzarro, con una sceneggiatura semplificata che infastidirebbe i fondamentalisti, incorporando un servizio di fan che il grande pubblico non capirebbe.

Leggi anche: Sony termina l’acquisto e il noleggio di film e serie PlayStation

E in qualche modo, questi due mondi si incontrano in Monster Hunter. Da un lato si parte con una scena introduttiva, che ci porta a scoprire le barche che navigano sulle dune in mezzo a una tempesta, mentre dopo pochi minuti ci troviamo con un gruppo di soldati dai caratteri intercambiabili, come al solito, che non ti sorprenderai in una situazione disperata. Questo porterà ad alcuni momenti piuttosto folli, come il passaggio in cui la squadra incontra uno sciame di creature ragnatele che li metterà in pericolo.

Scene che sono anche in netto contrasto con il resto del film, che danno la sensazione reale che non sapessimo davvero cosa fare con l’universo di Monster Hunter. Nella migliore delle ipotesi, abbiamo preso alcune idee testuali, che abbiamo messo insieme per provare a fare un film. Dà l’impressione di un film tagliato in più parti, che non hanno niente a che fare l’una con l’altra.

Monster Hunter: Il film che ci fa rabbrividire e ridere

Abbiamo successivamente una breve sintesi dell’universo, e la scoperta del personaggio del tenente Artemide, interpretato da Milla Jovovich, poi il personaggio del tenente Artemide. Tony Ja, attraverso una lunga fase di addestramento e sviluppo della trappola. In mezzo a tutto questo con uno stanco Ron Perlman che cammina in giro in un costume da cosplay, e alla fine la posta in gioco è pienamente contattata.

È vero che il film cerca di essere fedele alle sue origini, cioè di essere un videogioco. Soprattutto con mostri relativamente insensibili alla moderna tecnologia militare, ma vulnerabili a strane armi prodotte da altre creature. Questo crea uno strano contesto, ma in realtà avrebbe funzionato bene se fosse stato sfruttato a dovere. Perché senza essere sorpreso, Monster Hunter perde completamente ciò che sta cercando di fare.

Inizia con buone intenzioni, ma presto si trasforma in un pasticcio nell’organizzazione di pensieri che non funzionano. Cercano di farci capire che il tenente Artemis è una combattente e che deve capire questo universo per uscirne. Sfortunatamente, questo accade con una lunga fase di allenamento che richiede quasi la metà del film, per terminare con una rapida resa dei conti.

Monster Hunter: Il film che ci fa rabbrividire e ridere

L’universo ei suoi personaggi non sono stati sfruttati e noi siamo insoddisfatti. La maggior parte degli eroi è lì solo per litigare a favore di Mila Jovovich, quando non vengono licenziati dopo due o tre visualizzazioni. Ci sono alcuni riferimenti ai giochi qua e là, che sicuramente faranno sorridere i fan, ma a parte l’aspetto dei piccoli mostri e delle armi usate, avremmo potuto incollare un altro nome di licenza al film senza scioccare nessuno.

La storia non è divertente e per tre quarti del tempo non succede quasi nulla. Qualche rissa insignificante poi l’allenamento, un’improbabile parrucca e un paio di creature per uccidere e porre fine all’applauso. Ecco come possiamo riassumere questo film di Monster Hunter, che chiaramente dà un posto selvaggio a un possibile sequel.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *