Repubblicani “falsi elettori elettorali” | Trump non è incriminato nel procedimento del Michigan

Repubblicani “falsi elettori elettorali” |  Trump non è incriminato nel procedimento del Michigan

(Washington) – Un rapporto che cita un investigatore ha rivelato mercoledì che l'ex presidente Donald Trump e molti dei suoi stretti collaboratori sono tra i cospiratori non imputati presi di mira da procedimenti penali nel sistema giudiziario del Michigan (Nord) per aver tentato di invertire i risultati delle elezioni del 2020. , media statunitensi.


Il procuratore generale del Michigan Dana Nessel ha avviato un procedimento nel luglio 2023 contro 16 “falsi elettori repubblicani”. Quindici si sono dichiarati non colpevoli il 16H Ha accettato di collaborare con la Pubblica Accusa in cambio del ritiro delle accuse contro di lui.

Oltre a queste 16 persone, l'indagine riguarda diversi “cospiratori non incriminati”, tra cui Donald Trump, il suo ex avvocato personale Rudy Giuliani, il suo ultimo capo dello staff della Casa Bianca, Mark Meadows, nonché uno dei suoi ex avvocati, Gina. Ellis ha detto all'agente speciale Howard Schock durante un'udienza preliminare a Lansing, nel Michigan.

I quattro sono anche tra le 19 persone prese di mira dai procedimenti giudiziari in Georgia (sud-est), un altro stato chiave, per tentativi illegali di invertire i risultati delle elezioni del 2020.

L'agente Schock, interrogato dall'avvocato di uno dei presunti elettori fraudolenti, ha risposto “sì” alla domanda se ciascuna di queste quattro persone fosse considerata un “cospiratore”.

Secondo la tradizione legale americana, i pubblici ministeri non rilasciano i nomi dei cospiratori fino a dopo il processo.

Secondo il procuratore generale Nessel, nel dicembre 2020, i 16 imputati si sono incontrati “segretamente” nel seminterrato della sede statale del Partito repubblicano per firmare documenti comprovanti che erano legittimi elettori dello stato del Michigan.

READ  Afghanistan | Uomini e donne possono mangiare di nuovo insieme nei ristoranti di Herat

Questi certificati falsi sono stati poi inviati al Senato americano per sostituire i certificati degli elettori democratici del Michigan, Stato vinto nel 2020 dal candidato democratico Joe Biden e non dal presidente repubblicano uscente.

Negli Stati Uniti, il presidente è scelto a suffragio universale indiretto, e ogni stato assegna i suoi elettori, il cui numero dipende principalmente dalla sua popolazione, al candidato che arriva per primo.

Questo piano per sostituire i falsi elettori con elettori di Joe Biden in sette stati chiave è al centro della cospirazione di cui Donald Trump è stato accusato nei procedimenti federali a Washington e nei procedimenti giudiziari in Georgia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *