In Polonia, gli ucraini in età da combattente temono che gli venga negato il passaporto

In Polonia, gli ucraini in età da combattente temono che gli venga negato il passaporto

(Varsavia) Centinaia di ucraini si sono radunati davanti all'ufficio passaporti di Varsavia, chiuso mercoledì, arrabbiati dopo la decisione di Kiev di sospendere i servizi consolari per gli uomini espatriati in età da combattimento.


Il giorno precedente, le autorità ucraine avevano annunciato che avrebbero impedito “temporaneamente” l’accesso ai servizi consolari agli uomini di età compresa tra i 18 e i 60 anni all’estero. Mentre Kiev cerca di mobilitare più soldati contro l’esercito russo, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba considera ingiusta la situazione degli uomini che viaggiano all’estero quando i cittadini muoiono al fronte.

E in Polonia, che ospita centinaia di migliaia di ucraini – rifugiati arrivati ​​dopo l’invasione russa, ma anche espatriati che vivono nel paese da molto tempo – la rabbia sta crescendo tra coloro che si sentono ingiustamente presi di mira.

“Questa è una battaglia contro coloro che stanno disertando l'esercito”, ha detto Maxime, un camionista di 38 anni venuto a ritirare i suoi documenti.

“Non ci chiedono perché abbiamo viaggiato all’estero… Perché dovrei opporre resistenza (all’esercito) se partissi legalmente? “, racconta all'Afp.

Alcuni hanno trascorso la notte in fila davanti agli sportelli chiusi dell'ufficio di emissione dei documenti, cosa che ha provocato la chiusura per un “errore tecnico” senza indicare una nuova direttiva da Kiev.

“Destinato a passare”

L’uomo d’affari Pavlo Lyachenko (35 anni) ha detto: “Lo Stato mi ha messo in una situazione disperata”. Ha detto all'AFP di aver ricevuto un messaggio di testo che informava che il suo passaporto era pronto, ma ora teme che gli venga rifiutato.

READ  Israele: O'Toole trasferisce l'ambasciata canadese a Gerusalemme

È scoppiata una discussione: le donne hanno accusato un gruppo di uomini di aver ostacolato l'ingresso e di aver impedito loro di presentare la domanda.

Man mano che la folla cresceva, è stata chiamata per precauzione la polizia polacca e il loro ruolo si è limitato a chiacchierare con le persone in fila.

Diana Petrenko, vicedirettrice dell'ufficio, ha confermato all'AFP che “i documenti non sono stati rilasciati per ragioni tecniche”, ma si è rifiutata di fornire dettagli sulla natura specifica del problema.

Kiev ha confermato martedì che la sospensione del rilascio dei documenti si applica solo alle nuove domande.

L'ambasciatore dell'Ucraina in Polonia, Vasyl Zvarich, ha confermato mercoledì all'AFP che tutte le domande ricevute prima del 23 aprile verranno elaborate.

Tuttavia, il signor Lyachenko, che ha viaggiato all'estero molto prima che iniziasse la guerra, non è rassicurato.

“Penso che il nostro Stato stia semplicemente spingendo le persone ad arrivare al punto che tutti dobbiamo attraversare”, crede.

Con poche eccezioni, dopo l’invasione russa alla maggior parte degli uomini non è più stato permesso di lasciare l’Ucraina.

Secondo i media ucraini, centinaia di migliaia di uomini in età lavorativa hanno beneficiato di protezione temporanea nei paesi dell’Unione Europea dall’inizio della guerra.

“Dovere verso il Paese”

La sospensione dei servizi consolari, avvenuta più di due anni dopo l'invasione russa e in un momento in cui Kiev fatica a reclutare personale per il fronte, è vista come una misura per costringere gli uomini a tornare nel Paese.

Kiev ha recentemente adottato una controversa legge sulla mobilitazione militare, con l’obiettivo di facilitare il reclutamento nell’esercito e punire chi resiste, e ha anche ridotto l’età minima per le reclute da 27 a 25 anni.

READ  Gli abitanti del Quebec sono rimasti bloccati a Cuba a causa di un problema di rete al Sunwing

“Il soggiorno all'estero non solleva il cittadino dai suoi doveri verso la patria”, ha dichiarato martedì Kuleba.

Secondo il suo ministero, la sospensione dei servizi consolari costituisce una misura temporanea e necessaria per “risolvere i problemi tecnici” legati all’attuazione della nuova legge.

Bogdan, un camionista ucraino che rifiuta di rivelare il suo cognome, dice di essere bloccato fuori da un ufficio passaporti a Varsavia per il secondo giorno consecutivo.

“Ho percorso 700 chilometri per prendere il passaporto perché ho ricevuto un sms che mi diceva che potevo venire a prenderlo”, si lamenta il 27enne.

“Non ci danno i passaporti”, si preoccupa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *