Afghanistan | Tre nuovi capoluoghi di provincia cadono nelle mani dei talebani

(Kunduz) I talebani, domenica, hanno consolidato il loro controllo sul nord dell’Afghanistan, catturando altri tre capoluoghi di provincia, tra cui la grande città di Kunduz, in un grande attacco che l’esercito sembra incapace di fermare.




Poche ore dopo, i ribelli, dopo aspri combattimenti, catturarono Kunduz, che assediarono per alcune settimane. Quindi catturarono Sar-e-Pul e poi, alla fine della giornata, Talukan, i capoluoghi di provincia a sud e ad est di Kunduz. Ora controllano cinque dei 34 capoluoghi di provincia dell’Afghanistan.

Secondo Zabihullah Hamidi, residente a Taluqan, capitale della provincia di Takhar, le violenze sono iniziate in mattinata ei talebani hanno finito per prendere il controllo della città “senza troppi combattimenti” mentre funzionari e forze di sicurezza sono fuggite dalla città.

I talebani sono sparsi per la città con le loro bandiere bianche su pickup e Humvee. Qualche scatto in aria per festeggiare [leur victoire] raccontato. “Abbiamo paura e non abbiamo ancora osato lasciare le nostre case”.

Un funzionario della sicurezza ha confermato che le forze afgane e gli ufficiali locali sono fuggiti in una zona vicina.

Foto di Abdullah Sohail, Auxiliary Press

Il ministero della Difesa ha affermato che le forze governative stavano cercando di conquistare aree chiave a Kunduz. Commandos ha lanciato un’operazione di pulizia. Alcuni luoghi, compresi gli edifici della radio e della televisione nazionale, sono stati disinfettati.

“Il governo non ci ha inviato aiuti e questo pomeriggio ci siamo ritirati dalla città”, ha detto.

Zabihullah Mujahid, portavoce dei talebani, ha confermato la cattura di Talukan, sottolineando che “la sicurezza è ristabilita” così come Kunduz e Sar-e-Pul, caduti in mattinata.

READ  L'epidemia li ha sfiniti | Più di 24.000 operatori sanitari minacciano di indire uno sciopero

“I talebani hanno preso il controllo di tutti i principali edifici della città”, ha detto a Kunduz un corrispondente dell’AFP.

La città di circa 300.000 persone, che negli ultimi anni è già caduta due volte sotto gli insorti, nel 2015 e nel 2016, è un crocevia strategico nel nord dell’Afghanistan, tra Kabul e il Tagikistan.

La cattura di Kunduz è stato il principale successo militare dei talebani dall’inizio della loro offensiva a maggio, iniziata con il ritiro delle forze internazionali, che dovrebbe essere completato entro il 31 agosto.

Dopo aver catturato vaste terre rurali, concentrarono i loro sforzi dall’inizio di agosto sui centri urbani, che circondavano molti dei capoluoghi di provincia.

“È un caos completo”, ha detto per telefono all’AFP Abdul Aziz, un residente del centro di Kunduz.

centro nevralgico

A fine giugno i talebani hanno occupato il posto di frontiera di Sher Khan Bandar a Kunduz, al confine con il Tagikistan, centro nevralgico delle relazioni economiche con l’Asia centrale.

Il ministero della Difesa ha affermato che le forze governative stavano cercando di conquistare aree chiave a Kunduz. Commandos ha lanciato un’operazione di pulizia. Alcuni luoghi, compresi gli edifici della radio e della televisione nazionale, sono stati disinfettati.

Foto di Abdullah Sohail, Auxiliary Press

“I talebani hanno preso il controllo di tutti i principali edifici della città”, ha detto a Kunduz un corrispondente dell’AFP.

“La cattura di Kunduz è davvero importante, perché rilascerà un gran numero di combattenti talebani che possono essere mobilitati altrove nel nord”, ha sottolineato Ibrahim Thorial Bahis, consigliere dell’International Crisis Group (ICG).

Dopo Kunduz, anche Sari Pul è caduta nelle mani dei talebani. Sabato avevano già catturato Sheberghan, nell’estremo nord, la roccaforte del famoso signore della guerra Abd al-Rashid Dostum.

READ  Due agenti dell'FBI uccisi in una sparatoria in Florida

Baruena Azimi, attivista per i diritti umani, ha affermato per telefono che i funzionari amministrativi e il resto delle forze armate si erano ritirati in caserma a circa tre chilometri da Sari Pul.

Il portavoce del ministero dell’Interno, Mirwais Stanikzai, ha affermato che i rinforzi, comprese le forze speciali, sono stati inviati a Sar-e-Pul e Sheberghan.

“Le città che i talebani vogliono catturare diventeranno presto i loro cimiteri”, ha aggiunto.

velocità di progressione

L’incapacità di Kabul di controllare il nord del Paese potrebbe essere fondamentale per le possibilità di sopravvivenza del governo. L’Afghanistan settentrionale è stato a lungo considerato una roccaforte anti-talebana, poiché la resistenza contro di loro era più forte quando sono saliti al potere negli anni ’90.

I talebani hanno governato il Paese tra il 1996 e il 2001, imponendo la loro rigida versione della legge islamica, prima di essere espulsi da una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Venerdì i militanti hanno preso il controllo anche della città di Zaranj, capoluogo della provincia di Nimroz (a sud) al confine con l’Iran.

Kandahar (a sud) e Herat (a ovest), la seconda e la terza città più grandi del Paese, sono state attaccate diversi giorni fa, così come Lashkar Gah (a sud), la capitale della provincia di Helmand, una delle sue roccaforti. i ribelli.

La velocità dell’avanzata dei talebani ha sorpreso gli osservatori, così come le forze di sicurezza afghane, nonostante l’aiuto ricevuto dall’aviazione americana.

Gli Stati Uniti hanno intensificato i loro attacchi aerei, ha riconosciuto il comandante Nicole Ferrara, portavoce del comando centrale dell’esercito americano, che ha dichiarato sabato: “Le forze americane hanno effettuato diversi attacchi aerei negli ultimi giorni per difendere il nostro paese. I nostri partner afghani”.

READ  L'avversario russo Alexei Navalny è stato portato dalla prigione in un luogo sconosciuto

I combattimenti ei bombardamenti hanno costretto centinaia di migliaia di afgani a fuggire dalle loro case.

Dodici passeggeri di un autobus sono stati uccisi sabato nell’esplosione di una mina lungo la strada mentre cercavano di fuggire dalla città di Gardez, nella provincia sudorientale di Paktia.

“Ho perso mia madre, mio ​​padre, due fratelli e sorelle, mio ​​marito e altri membri della famiglia”, ha detto Nour Jan.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *