Tour mondiale da solista | Sosta a Montreal per un giovane pilota

Partenza anticipata da Goose Bay, Labrador. Piccola pausa per fare pipì su Sept-El on the road. Atterraggio a mezzogiorno all’aeroporto di St Hubert, di fronte all’hangar della National Air School, accolto da getti d’acqua. Zara Rutherford ha così completato un’altra tappa del suo tour mondiale, partito una settimana prima in Belgio, con tappe in Gran Bretagna e Groenlandia.


Mary Tyson

Mary Tyson
Giornalismo

La diciannovenne pilota belga spera di essere la prima donna a girare il mondo da sola. Ma ha uno scopo in più: incoraggiare le ragazze a lanciarsi nell’avventura del volo, che siano piloti, tecnici o ingegneri.

“Incoraggerai i giovani ad entrare in questo tipo di campo”, ha affermato Maya Kantin, presidente del Comitato per la vita studentesca presso la Scuola nazionale di aeronautica (ENA). A 19 anni ha pilotato il suo aereo. Dimostra che non ci sono limiti né problemi. Nell’ambiente maschile, le donne sono in grado di fare lo stesso e realizzare cose belle. ”

Zara Rutherford ha sempre amato lo STEM.

FOTO FRANÇOIS ROY, STAMPA

Vip, appassionati di aviazione, studenti e insegnanti dell’ENA, oltre a bambini e adolescenti dagli occhi brillanti, hanno accolto il giovane pilota.

“Non c’erano molte ragazze interessate a questo”, ha detto la giovane donna durante una piccola conferenza stampa quando è arrivata a Saint-Hubert. Non potevo parlarne con i miei amici, non ne erano interessati. ”

Con i suoi genitori pilota, Zara Rutherford era appassionata di aviazione e ha iniziato a volare in tenera età. Ma al di fuori della sua cerchia familiare, non vedeva molte donne pilota.

FOTO FRANÇOIS ROY, STAMPA

L’aereo Zara Rutherford è un piccolo aereo Shark costruito in Slovacchia. La sua velocità può raggiungere i 130 chilometri all’ora.

Più giovane, sognava di fare il giro del mondo da sola, ma non vedeva come realizzare questo progetto, è troppo complicato e troppo costoso. Ma quando ne ha parlato ai suoi genitori, hanno subito intrapreso il progetto.

I preparativi erano già complicati e alcuni dettagli sono stati sistemati all’ultimo minuto. Così, solo una settimana dopo, l’entourage del giovane pilota ha contattato l’ENA per la tappa di Montreal.

La fondazione non ha esitato un attimo.

“Il messaggio che trasmette è esattamente quello che vogliamo: far progredire le carriere delle donne nel settore dell’aviazione”, afferma il direttore dell’ENA, Pascal Deseletes. È difficile attirare le donne nel mondo dell’aviazione: in ENA siamo il 10 o l’11% di ragazze. Vorremmo che fosse 50-50 alla fine. ”

Sottolinea che anche il Politecnico di Montreal, “la migliore scuola di ingegneria in termini di partecipazione delle ragazze”, ha solo circa il 30% di studentesse.

Tour dell’ENA

Durante la sua sosta di 24 ore nell’area di Montreal, Zara Rutherford incontrerà in particolare gli studenti dell’ENA, con grande gioia di Mr. Désilets.

“Questo è un evento importante che incoraggerà gli studenti, in particolare gli studenti del primo anno. È qui che abbiamo il maggior numero di abbandoni”.

La scomparsa di Zara Rutherford è un faro di speranza per un’altra squadra.

Zara Rutherford ammette che a volte aveva dei timori riguardo al volo da sola, specialmente quando attraversava la Groenlandia.

Non era razionale. Mi sono detto che se è successo qualcosa, questo è il posto peggiore per farlo. Ma ho cercato di non pensarci. ”

FOTO FRANÇOIS ROY, STAMPA

Gli idrovolanti hanno salutato l’aereo al suo arrivo all’aeroporto di St. Hubert.

Dopo Montreal, Zara andrà a New York. Successivamente, scenderà gradualmente verso l’America centrale prima di risalire la costa occidentale americana fino all’Alaska. Passa quindi attraverso la Russia prima di scendere a sud-ovest, attraverso la Cina, per raggiungere l’Indonesia. Si dirigerà poi in India e in Medio Oriente, e infine in Europa. Spera di completare il suo viaggio all’inizio di novembre.

In una conferenza stampa, un ragazzo le ha chiesto cosa intendesse fare dopo.

Lei ha risposto: “Dormi per due settimane”.

Ha aggiunto che ha intenzione di tornare a scuola nel settembre 2022, possibilmente all’università in ingegneria elettrica.

Pascal Désilets ha altri piani per loro.

“Abbiamo 24 ore per convincerla a iscriversi all’ENA!” Vai avanti.

Segui i progressi del giovane pilota

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *