Xi ha detto a Blinken che Cina e Stati Uniti dovrebbero essere “partner, non concorrenti”.

Xi ha detto a Blinken che Cina e Stati Uniti dovrebbero essere “partner, non concorrenti”.

Il presidente cinese Xi Jinping ha detto venerdì al segretario di Stato americano Antony Blinken che i due paesi dovrebbero “essere partner, non concorrenti”, anche se “molte questioni” devono ancora essere risolte.

• Leggi anche: La società madre di TikTok non ha intenzione di vendere l'app nonostante l'ultimatum degli Stati Uniti

• Leggi anche: Blinken in Cina: ecco perché i rapporti tra Pechino e Washington restano tesi

Da mercoledì Antony Blinken sta effettuando la sua seconda visita in Cina in meno di un anno. Durante i suoi incontri ufficiali, ha discusso diverse questioni controverse tra i due paesi, come la Russia, Taiwan e il commercio.

Accogliendo il capo della diplomazia americana nella Sala del Popolo di Pechino, Xi Jinping ha dichiarato che i due paesi hanno “fatto progressi” dall'incontro con il suo omologo Joe Biden a novembre, secondo l'emittente pubblica CCTV.

“I due paesi dovrebbero essere partner, non concorrenti”, ha affermato Xi, anche se “molti problemi devono ancora essere risolti e si possono ancora compiere ulteriori sforzi”.

“Speriamo che anche gli Stati Uniti possano avere una visione positiva dello sviluppo della Cina”, ha aggiunto il presidente cinese. “Quando questo problema fondamentale sarà risolto… le relazioni potranno stabilizzarsi, migliorare e andare avanti”, ha aggiunto.

Stamattina, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha avvertito Anthony Blinken che le molteplici pressioni degli Stati Uniti sulla Cina potrebbero portare a un “deterioramento” delle relazioni tra i due paesi.

Il capo della diplomazia cinese ha sottolineato che la questione di Taiwan, l’isola di 23 milioni di abitanti che Pechino rivendica e che Washington sostiene militarmente, è “la prima linea rossa da non oltrepassare” nelle relazioni sino-americane.

READ  Una festa totalmente sbagliata alla Laval High School
Problema di Tik Tok

Da parte sua, Antony Blinken ha descritto le sue discussioni, durate più di cinque ore e mezza, con Wang Yi nel complesso diplomatico Diaoyutai, circondato da giardini, come “approfondite e costruttive”.

Venerdì sera il ministro degli Esteri incontrerà i giornalisti presso l'ambasciata americana a Pechino.

La Cina critica gli Stati Uniti per le loro molteplici pressioni riguardanti il ​​Mar Cinese Meridionale, Taiwan, il commercio o le sue relazioni con la Russia, che si sono rafforzate dopo l’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Pechino si oppone inoltre alle restrizioni statunitensi sulle esportazioni di tecnologie avanzate verso la Cina, compresi i semiconduttori.

Un altro argomento di contesa più recente: la rete di social media TikTok è minacciata di divieto negli Stati Uniti se non taglia i legami con la sua società madre cinese, ByteDance.

Washington afferma di sospettare che l’app venga utilizzata per spiare gli americani, raccogliere informazioni personali e anche servire la propaganda cinese. TikTok nega categoricamente queste accuse.

Nonostante queste tensioni, le relazioni tra le due potenze hanno “iniziato a stabilizzarsi” dopo il vertice Xi-Biden di novembre, ha detto Wang Yi, avvertendo che “elementi negativi” persisteranno.

“I legittimi diritti di sviluppo della Cina sono stati ingiustificatamente soppressi e i nostri interessi fondamentali sono messi in discussione”, ha detto Wang, riferendosi alle restrizioni statunitensi nel settore tecnologico.

“errori aritmetici”

Ha chiesto: “La Cina e gli Stati Uniti dovrebbero continuare a muoversi nella giusta direzione verso la stabilità o tornare nella direzione del deterioramento?” Fai finta di chiedertelo.

Da parte sua, Antony Blinken ha espresso a Wang Yi le sue preoccupazioni riguardo al presunto sostegno della Cina alla “base industriale della difesa russa”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller.

READ  Droni americani disarmati stanno sorvolando Gaza per aiutare a trovare gli ostaggi

Se le aziende cinesi non forniscono armi direttamente alla Russia, Washington le accusa di fornire attrezzature e tecnologie a duplice uso a questo paese, facilitando gli sforzi di riarmo.

Il Segretario di Stato americano ha affermato che gli Stati Uniti e la Cina dovrebbero essere “il più chiari possibile nelle aree in cui non siamo d'accordo, se non altro per evitare malintesi ed errori di calcolo”.

Il viaggio di Anthony Blinken in Cina è un segno di un relativo calo degli attriti tra Pechino e Washington, peggiorati sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Quest’ultimo promette ancora una volta di assumere una posizione dura contro la Cina se vincesse le elezioni presidenziali di novembre.

Mentre cerca di raggiungere una maggiore stabilità tra le due maggiori economie del mondo, Joe Biden cerca di mantenere la pressione sul gigante asiatico.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *