La morte inspiegabile di 9 escursionisti: mistero risolto?

Da allora la Russia è rimasta sbalordita dalla morte inspiegabile di nove giovani escursionisti a metà inverno del 1959 in un passo remoto nei monti Urali, con spiegazioni che vanno dall’intervento spaziale a un test nucleare fallito.

Uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica Terra e ambiente Dare peso a una teoria più naturale sulla tragedia della squadra, i cui cadaveri congelati e alcuni terribili lividi sono stati trovati sulla montagna innevata.

Il “mistero del Passo di Dyatlov” è continuato anche dopo che un’indagine ufficiale dell’anno scorso ha concluso che gli studenti erano morti in una valanga.

Lo studio indica che una combinazione di fattori ha causato la valanga ritardata, che ha sorpreso i giovani nel sonno con temperature vicine ai -25 gradi Celsius.

“Diverse parti dell’enigma del Passo Dyatlov non verranno mai chiarite, perché non c’erano sopravvissuti”, ha detto Johan Gome, coautore dello studio che dirige il Laboratorio di simulazione delle valanghe presso la Scuola politecnica di Losanna.

Quel che è certo è che la squadra di escursionisti guidata da Igor Dyatlov ha allestito un bivacco la notte del 1 febbraio 1959 sulle pendici del Sikhel acetato, la “Montagna morta”.

Poco dopo la mezzanotte, un evento inaspettato ha spinto i membri della spedizione a tagliare il tessuto della loro tenda per sfuggire ai loro vestiti nel bosco, un chilometro più in basso.

Alcuni dei corpi sono stati trovati con macchie strane o una presa vuota. Altri hanno avuto effetti di traumi interni senza segni esterni. Uno di loro aveva un alto livello di radiazioni nel corpo e la donna era senza lingua.

READ  Francia | Eric Zemmour, un candidato alla presidenza? L'estrema destra è turbata

Un’indagine penale è stata aperta e presto chiusa. Le sue scoperte sono rimaste classificate fino agli anni ’70 e il puzzle ha ispirato numerosi libri, documentari e persino film.

Tra le teorie più bizzarre, c’era un attacco Yeti, un test di armi segrete, una caduta da detriti missilistici o anche una forza psicologica sconosciuta che ha portato gli escursionisti a uccidersi a vicenda.

Johan Guillaume ha appreso la storia nel 2019 da un giornalista che lavorava alla decisione delle autorità giudiziarie di riaprire le indagini. “Davvero stupito”, ha detto Alexander Poserin, specialista in geotecnica al Politecnico di Zurigo.

I pubblici ministeri russi hanno concluso l’anno scorso che il gruppo era morto in una valanga e che la maggior parte dei suoi membri era morta per ipotermia.

Ma non poteva spiegare come questa valanga potesse aver interferito su un pendio di montagna molto debole, come avrebbe potuto essere lanciata diverse ore dopo l’installazione del campo temporaneo e perché alcune vittime avevano riportato ferite insolite in questo tipo di dramma.

I ricercatori hanno costruito un modello per analizzare la valanga nelle condizioni ambientali dell’area.

La loro analisi indica che gli escursionisti hanno allestito il loro campo, scavato una piattaforma per le loro tende, su uno strato di neve fresca. I venti notturni hanno raccolto la neve sulla tavola soprastante. Una valanga può quindi iniziare tra 9,5 e 13,5 ore dopo l’installazione di un bivacco.

Lo studio ha anche simulato le lesioni inflitte, tenendo conto del fatto che gli escursionisti erano sdraiati al momento della valanga e ha riscontrato che questi erano coerenti con i rapporti dell’autopsia.

READ  Un orso attacca una donna attraverso una botola del bagno all'aperto

Gome ha detto all’AFP che “si sentiva un investigatore” con il suo collega, ma ha insistito sul fatto che non avevano affermato di aver risolto l’intero mistero del passaggio di Dyatlov.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *