La Russia sospende l’accordo sulle esportazioni di grano dell’Ucraina

Sabato la Russia ha sospeso un accordo sulle esportazioni di grano dai porti ucraini, vitali per l’approvvigionamento alimentare mondiale, dopo un attacco di droni alle sue navi in ​​Crimea che Mosca ha attribuito all’Ucraina e alla Grande Bretagna.

• Leggi anche: L’esercito russo accusa Londra di essere coinvolto nelle esplosioni del gasdotto Nord Stream

• Leggi anche: La Russia afferma di aver respinto un attacco di droni ucraini alla sua flotta in Crimea

• Leggi anche: Giornalista russo ucciso nei media statali in Crimea

L’accordo sul grano, concluso a luglio sotto gli auspici delle Nazioni Unite e della Turchia, ha consentito l’esportazione di diversi milioni di tonnellate di grano bloccato nei porti ucraini dall’inizio del conflitto a febbraio. Questo blocco ha causato l’impennata dei prezzi dei generi alimentari, suscitando timori di carestia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha intensificato le sue critiche all’accordo nelle ultime settimane, osservando che le esportazioni dalla Russia, un altro importante produttore di grano, stanno soffrendo a causa delle sanzioni.

Mosca ha giustificato questo commento con un intenso attacco di droni che sabato mattina ha preso di mira le navi militari e civili della flotta russa del Mar Nero di stanza nella baia di Sebastopoli in Crimea.

“Alla luce dell’atto terroristico compiuto dal regime di Kiev con la partecipazione di esperti britannici contro le navi della flotta del Mar Nero e le navi civili impegnate nella sicurezza delle rotte del grano, la Russia sospende la sua partecipazione all’attuazione di un accordo annunciato da il ministero della Difesa russo sul telegramma “Esportazione di prodotti agricoli dai porti ucraini”.

READ  Il primo ministro delle Fiji annuncia il dispiegamento di 50 soldati nelle Isole Salomone

Di fronte alle accuse, la difesa britannica ha risposto condannando “informazioni false” volte a “distogliere l’attenzione”, mentre un funzionario ucraino ha sottolineato che la “negligenza delle forze russe nel maneggiare gli esplosivi” è stata la causa dell’incidente.

Secondo le autorità russe, l’attacco è avvenuto nelle prime ore di sabato mattina con “nove droni e sette droni navali autonomi”, che hanno causato “lievi danni” alla nave dragamine e il boom di contenimento nella baia di Sebastopoli.

La Crimea, che la Russia ha annesso nel marzo 2014, funge da base logistica per la sua offensiva in Ucraina. Strutture militari e civili sono state prese di mira più volte negli ultimi mesi.

“La preparazione per questo atto terroristico e l’addestramento del personale militare del 73° Centro operativo speciale navale ucraino sono stati effettuati da specialisti britannici con sede a Ochakov, nella regione di Mykolaiv in Ucraina”, ha detto il ministero della Difesa russo a Telegram.

Mosca ha anche accusato Londra di essere coinvolta nelle esplosioni che a settembre hanno distrutto i gasdotti russi Nord Stream 1 e 2 nel Mar Baltico e ha promesso di deferire la questione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“La Russia ha chiesto ripetutamente un’indagine congiunta sugli attacchi (…) Il fatto che i paesi occidentali abbiano respinto questa proposta lo conferma: hanno qualcosa da nascondere”, ha affermato in una nota la portavoce diplomatica russa Maria Zakharova.

Il ministero della Difesa britannico ha denunciato la “storia inventata” della Russia per “distogliere l’attenzione dalla sua risposta disastrosa all’invasione illegale dell’Ucraina”.

Un consigliere del ministro dell’Interno ucraino, Anton Gerashchenko, ha confermato su Telegram che “a causa della negligente manipolazione di esplosivi nel Golfo di Sebastopoli, quattro navi da guerra della flotta russa del Mar Nero, tra cui una fregata e una nave da sbarco, sono esplose”.

READ  Estremamente raro: Blue Shark Attacks Diver

Poco prima dell’annuncio della sospensione dell’accordo sul grano, il ministro dell’Agricoltura russo ha nuovamente criticato il testo in televisione, accusando i paesi dell’UE di monopolizzare le esportazioni ucraine che dovrebbero tornare nei paesi poveri. Il centro di coordinamento in Turchia ha precedentemente negato queste accuse.

“L’accordo sul grano, sfortunatamente, non solo ha risolto i problemi dei paesi bisognosi, ma li ha piuttosto esacerbati”, ha affermato Dmitry Patrushev, promettendo la consegna gratuita fino a 500mila tonnellate di grano russo.

Sul campo, sabato l’esercito ucraino ha annunciato combattimenti nelle regioni di Luhansk e Donetsk a est, incluso vicino a Bakhmut, l’unica area in cui le forze russe sono avanzate nelle ultime settimane, e bombardamenti in diverse altre regioni.

I separatisti filo-russi che combattono dalla parte di Mosca e Kiev hanno annunciato un nuovo scambio di prigionieri che coinvolgerà circa 50 persone per parte.

Sul fronte meridionale, i giornalisti dell’AFP hanno assistito a battaglie di artiglieria nel villaggio di Kobzartsy, l’ultima città sul versante ucraino prima della linea di contatto con i russi.

“Potrebbe andare storto lì. Ma sappiamo che soffrono più dalla loro parte che dalla nostra”, ha sottolineato il soldato ucraino, Oleksich, sulla ventina.

Le due parti in questa regione si stanno preparando per la battaglia di Kherson, la capitale della regione, dalla quale le autorità di occupazione hanno evacuato decine di migliaia di civili, in quelle che l’Ucraina ha definito “deportazioni”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.