38 giorni in modalità sopravvivenza Amazon

Antonio Senna stava sorvolando enormi distese di verde smeraldo dell’Amazzonia brasiliana nel suo Cessna 210 quando il motore solitario si fermò “improvvisamente”.

La caduta era inevitabile, ma ne uscì illeso, essendo riuscito ad atterrare in un disastro in uno spazio vuoto.

Ma questo brasiliano di 36 anni non ha davvero risparmiato fino a 38 giorni dopo, alla fine di un incredibile viaggio di “soli” 28 chilometri a piedi nel cuore della giungla, nello stato del Pará, con pochissimo cibo. E in balia di tigri, caimani e altri anaconda.

Alla fine di questo viaggio visse in un immenso isolamento, perdendo 25 chilogrammi, ma soprattutto imparò una “grande lezione”: questa rapina gli avrebbe permesso di rifornire una miniera di minatori illegali, ma si rese conto della ricchezza della zona , la biodiversità di questa fragile foresta che ha preservato porta frutti per la vita.

L’intero corpo gocciolava di carburante e il pilota è sceso dall’aereo il più velocemente possibile portando con sé “tutto ciò che poteva essere utile”: uno zaino, tre borracce, qualche giro, una corda e un kit di sopravvivenza contenente un coltello, una torcia elettrica e due accendini.

28 gennaio

Subito dopo, l’aereo è esploso. Era il 28 gennaio.

Durante i primi cinque giorni, Antonio Cena ha sentito gli elicotteri delle squadre di soccorso sorvolare l’area in cerca di lui. Ma è rimasto invisibile dall’alto e la vegetazione era molto fitta.

“Ero devastato, pensavo che non ne sarei mai uscito e che sarei morto”, ha detto all’Afp nella sua casa di Brasilia.

Grazie al GPS del suo cellulare, ancora funzionante, riuscì a trovare la sua posizione e così decise di camminare sempre verso est, per orientarsi nella posizione del sole. In questa direzione, il GPS ha indicato piste di atterraggio che potrebbero indicare una presenza umana.

READ  Biden non è Franklin Delano Roosevelt, ma ...

“C’era l’acqua, ma non c’era quasi niente da mangiare. Ero debole, in balia dei predatori”, racconta il pilota, che ricorda il ciclo della sopravvivenza nelle dure condizioni che aveva seguito.

Frutta e uova

Per il cibo, scegli i frutti che mangiano le scimmie. La sua unica porzione di proteine: tre uova di tenamo dalla gola bianca, una specie di uccello amazzonico.

Attraversa paludi e foreste con una vegetazione estremamente fitta, con orchidee selvatiche in cima agli alberi.

“Non sono mai andato in un posto dove la foresta fosse così pura e nessuno l’ha toccata. Ho scoperto che in Amazzonia non c’è solo una foresta, è come se ci fossero 4 o 5 foreste intrecciate”, spiega.

Nato a Santarem, il centro della navigazione fluviale nel nord del Brasile, si definisce facilmente un “Amazzone” di puro zucchero, che ama la sua regione.

Ma questo non gli ha impedito di lavorare per i “Garimpeiros”, i minatori d’oro che contaminano i fiumi con il mercurio, che si stima siano almeno 20.000 in Amazzonia.

“Ho dovuto mantenermi”, spiega. Un pilota dal 2011, con 2.400 ore di volo accumulate in Brasile, ma anche all’estero, in particolare in Ciad, ha dovuto risolvere il rifornimento illegale di mine in aereo.

Il suo ristorante a Santarem ha chiuso a causa della pandemia di Coronavirus che ha ucciso 345mila persone in Brasile.

Esistenza umana

All’età di trentacinque annie Nella manifestazione odierna, Antonio Cena scopre finalmente il primo segno dell’esistenza umana: il suono di una sega.

E quando quel rumore ruppe di nuovo il silenzio della foresta il giorno successivo, iniziò a camminare nella sua direzione, che lo condusse al campo dei raccoglitori di noci.

READ  Sette bambini sono stati rapiti da un orfanotrofio per un riscatto

Maria Jorge dos Santos Tavares, che da cinquant’anni raccoglie noci con la sua famiglia, ha chiamato sua madre per dirle che era vivo.

“Mi hanno dato cibo e vestiti puliti. Sono persone straordinarie”, dice il pilota.

“Il fatto che le persone che lavorano in armonia con la natura lo abbiano salvato”, dice, “è stato magico”.

Da allora Antonio Senna si è ripromesso di “non lavorare mai più per i cercatori d’oro”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *