Immunità presidenziale per Trump: la Corte Suprema degli Stati Uniti sembra aver venduto la sua anima e questo è preoccupante

Immunità presidenziale per Trump: la Corte Suprema degli Stati Uniti sembra aver venduto la sua anima e questo è preoccupante

Il 4 luglio 1776, tredici colonie britanniche si unirono nonostante le molte differenze per staccarsi dal regime considerato tirannico.

Durante lo sviluppo della Prima e della Seconda Costituzione, queste colonie dimostrarono ripetutamente la loro sfiducia nei confronti della concentrazione dei poteri.

“La forza ferma il potere” di Montesquieu nel 1930 Dallo spirito delle leggi. Gli americani hanno implementato questa idea in modo malato.

Per questo motivo è inconcepibile che avrebbero potuto sostenere la piena immunità richiesta da Donald Trump.

Lentezza selettiva ed esasperante

Dopo aver letto le argomentazioni di entrambe le parti e le domande poste dai giudici della Corte Suprema la scorsa settimana, per la prima volta nella mia carriera, sono rimasto sorpreso da quello che mi sembrava un danno evidente.

Che io sia un giudice conservatore o progressista, di solito mi diverto ad analizzare i loro commenti. Il testo costituzionale contiene molte ambiguità e, man mano che il contesto e gli attori evolvono, di solito riesco a trovare la logica che porta alla decisione.

Ciò che mi preoccupa della questione relativa all’immunità presidenziale è che i giudici conservatori esagerano in modo innaturale su una questione che ha almeno un lato chiaro.

Anche se è possibile che un presidente abbia talvolta bisogno di protezione, il fatto che possa godere di un’immunità completa è un’aberrazione. Vorrei che ci prendessimo il tempo per definire i parametri di questa immunità, ma in questo caso i giudici ritardano.

In effetti, abbiamo dovuto aspettare che gli avvocati di Trump li contestassero finché non avessero accettato di esaminare questo caso. Tuttavia, mesi fa, a dicembre, il procuratore speciale Jack Smith ha esortato la Corte Suprema a esaminare proprio questa questione! Ogni ritardo serve a Trump.

READ  La provincia russa di Kaliningrad non può più importare merci attraverso la Lituania | guerra in ucraina

A soli sei mesi dalla scadenza delle elezioni, i giudici hanno appena iniziato a pensare ed è quasi impossibile per noi completare il processo che determinerà il ruolo di Donald Trump nell’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021.

Problema storico

È inconcepibile che gli americani si rechino alle urne più di tre anni dopo l’accaduto e non sappiano se il candidato repubblicano, che ancora rifiuta di riconoscere la sua sconfitta, sia stato colpevole di aver contribuito all’organizzazione dell’attentato e se le sue azioni o parole costituiva un atto di istigazione.

Quando gli stati hanno invocato l’articolo III del tredicesimo emendamento per escludere Donald Trump dalla lista dei candidati, la Corte Suprema si è mossa rapidamente dall’inizio delle primarie repubblicane. Un lungo ritardo sarà dannoso.

L'attuale suspense è insostenibile e l'esitazione della Corte solleva dubbi. Per coloro che temono l’impatto di un’estrema polarizzazione sulla salute delle istituzioni democratiche, questa lentezza ingiustificata fa temere il peggio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *