Suonare questo strumento manterrà il tuo cervello sano

Suonare questo strumento manterrà il tuo cervello sano

Il pianoforte ha molti fan in tutto il mondo. Ciò non sorprende perché la pratica di questo strumento può essere utile, soprattutto tra gli anziani. Uno studio getta nuova luce su come le persone anziane imparano a suonare il pianoforte. Mostra in che misura questa attività preserva a lungo termine le funzioni cognitive e le capacità motorie.

• Leggi anche: Soluzioni per ridurre il consumo di zucchero tra i giovani

• Leggi anche: Il numero di casi di cancro al seno è in aumento tra le donne canadesi di età inferiore ai 50 anni

Gli autori di questo studio, pubblicato sulla rivista Brain Sciences, sono arrivati ​​a questa osservazione dopo aver condotto un esperimento su 86 volontari, la cui età media era di 72,5 anni. Erano tutti sani e non presentavano grossi problemi neurologici o motori. Alcuni di loro avevano suonato il pianoforte in passato, ma erano ancora dei principianti.

I ricercatori hanno valutato la memoria di lavoro e la capacità di apprendimento dei partecipanti chiedendo loro di eseguire diverse sequenze di azioni. Durante l'esperimento, i volontari dovevano premere i tasti del pianoforte in un ordine specifico, che veniva visualizzato sullo schermo. Dovevano completare questo compito nel modo più rapido e preciso possibile, senza fermarsi.

I risultati hanno rivelato due fatti sorprendenti. I partecipanti miglioreranno rapidamente, prima di raggiungere un plateau. Ciò indica che le loro abilità miglioravano man mano che si esercitavano.

“Il livello delle richieste cognitive e motorie dipende dalla fase di apprendimento, attraverso il nostro esperimento, abbiamo dimostrato che le richieste aumentano in modo significativo durante il processo di apprendimento e alla fine raggiungono un plateau”, ha affermato Florian Worcisch, ricercatore post-dottorato presso l'Università di Hannover. co-firmatario dello studio su Psychopost.

READ  Il direttore delle comunicazioni di Biden si dimette

Inoltre, Florian Worcić e colleghi hanno osservato che il comportamento visivo dei volontari si evolve in base al loro livello di padronanza del compito da svolgere. I loro occhi si muovevano sempre meno man mano che si allenavano, suggerendo che avevano bisogno di meno informazioni visive man mano che progredivano.

“Durante il processo di apprendimento, le sequenze di movimento sono sempre più integrate nella memoria procedurale [la mémoire des automatismes, ndlr.] L’informazione esplicita perde la sua importanza. I ricercatori hanno spiegato nel loro studio che dopo un certo periodo di tempo i partecipanti spesso non sono più in grado di ricordare chiaramente la sequenza motoria.

Nel complesso, questo studio mostra quanto occorre al nostro cervello per apprendere un’abilità motoria come suonare il pianoforte. Questo anche quando raggiungiamo un certo livello di padronanza. I compiti resi automatici dall’apprendimento ci stimolano a livello cognitivo, anche se tendiamo a pensare diversamente. Ecco perché è importante incoraggiare la pratica del pianoforte in età avanzata per ritardare l’inizio del declino cognitivo. Questa attività richiede non solo di prestare attenzione ai suoni, ma anche di spostare lo sguardo sullo spartito e le dita su tasti specifici. Non c'è niente di meglio per dare un nuovo aspetto al tuo cervello.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *