Studenti rintanati: la polizia di New York interviene nel campus della Columbia University

Studenti rintanati: la polizia di New York interviene nel campus della Columbia University

La polizia di New York è entrata martedì sera nel campus della Columbia University, epicentro del movimento filo-palestinese contro la guerra a Gaza negli Stati Uniti, per espellere i manifestanti che dalla notte prima si erano barricati in un edificio.

• Leggi anche: Studenti rintanati in un edificio della Columbia University

• Leggi anche: Gli studenti filo-palestinesi si rifiutano di lasciare la Columbia University nonostante l'ordine di evacuazione

Un periodo di due settimane di rabbia studentesca americana si diffuse dalle principali università della costa orientale a quelle della California nel sud e nel centro, ricordando le manifestazioni contro la guerra del Vietnam alla fine degli anni '60.

Poco dopo l'una di pomeriggio di mercoledì, decine di agenti di polizia sono entrati nel campus della Columbia University a Manhattan, hanno notato i giornalisti dell'AFP presenti sulla scena. Pochi minuti dopo, un camion della polizia che trasportava una scala si è avvicinato all'edificio occupato e i giornalisti hanno potuto vedere gli agenti scavalcare una finestra per entrare.



Agenzia di stampa francese

Rintanato

Alcune decine di manifestanti sono asserragliati da ieri sera nell'edificio della Hamilton Hall, che altri hanno protetto grazie a una catena umana, mascherine sanitarie sul volto e kefiah in testa.

Il portavoce della Columbia University, Ben Zhang, ha denunciato l'”escalation” e in precedenza aveva minacciato di “espellerli” dall'università accusandoli di “vandalismo, violazione e negazione dell'accesso” alla Hamilton Hall. L'edificio è stato ribattezzato Hind Hall dal gruppo filo-palestinese Desegregate Columbia University, in onore di una bambina di sei anni uccisa a Gaza.

Questo gruppo ha dichiarato: “Non ce ne andremo” e alcuni attivisti si sono accampati nel parco del campus.

Lunedì la presidenza della Columbia University ha avviato una “sospensione” amministrativa degli studenti che si rifiutavano di lasciare questo “villaggio” dove abbondano le tende.

A sei mesi dalle elezioni presidenziali in un Paese polarizzato, il movimento studentesco preoccupa la Casa Bianca.



Agenzia di stampa francese

Joe Biden, presidente di un “fermo” alleato di Israele, ha criticato le rinnovate tensioni nella Columbia University privata che forma l’élite: “Occupare l’edificio universitario con la forza è l’approccio sbagliato” e non rappresenta “un esempio di manifestazione pacifica. ” John Kirby, portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca.

un accordo

Prima del duello tra l’ex presidente Donald Trump e l’uscente Joe Biden, che ha bisogno del voto dei giovani, il leader repubblicano alla Camera dei rappresentanti Mike Johnson ha denunciato “l’assoluta illegalità e il caos nei campus americani” nonché “l’antisemitismo e il fallimento”. Per proteggere gli studenti ebrei”.

Ha chiesto la partenza del presidente colombiano Minouche Shafik.



Agenzia di stampa francese

I manifestanti filo-palestinesi chiedono che le loro università taglino i legami con i loro clienti o con le aziende legate a Israele.

La Colombia rifiuta.

Ma un altro campus del Nordest, la Brown University di Providence, Rhode Island, ha annunciato un accordo con gli studenti: smantellare il campo in cambio di un voto universitario in ottobre per “disinvestire dalle aziende che rendono possibile e traggono profitto dal genocidio a Gaza”.

Lo studente Leo Corzo Clark ha saltato di gioia per questa “grande vittoria per questo movimento internazionale e per il popolo palestinese”.

“ripristino del sistema”

Negli Stati Uniti, immagini di forze dell’ordine che indossano attrezzature antisommossa intervengono brutalmente nei campus universitari si sono diffuse in tutto il mondo.

Dallo scorso fine settimana sono stati arrestati centinaia di studenti, insegnanti e attivisti di quasi due dozzine di università, alcuni dei quali sono stati arrestati o detenuti.



Agenzia di stampa francese

In California, la polizia ha “evacuato e messo in sicurezza” all’alba due edifici dell’Università Cal Poly Humboldt e ha arrestato 35 persone, al fine di “ristabilire l’ordine”, secondo questa istituzione.

All'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, un gruppo di studenti ha rivendicato la responsabilità di aver issato la bandiera palestinese al centro del campus, prima che la polizia issasse nuovamente la bandiera americana, secondo quanto riportato dalla stampa.

Queste nuove manifestazioni filo-palestinesi negli Stati Uniti hanno acceso da ottobre un acceso dibattito tra libertà di espressione e accuse di antisemitismo.

Il paese ha il maggior numero di ebrei al mondo dopo Israele e milioni di musulmani arabo-americani.

La guerra è scoppiata nella Striscia di Gaza a causa dell'attacco senza precedenti lanciato da Hamas il 7 ottobre sul territorio israeliano, che ha portato all'uccisione di 1.170 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un rapporto dell'Agence France-Presse basato su dati ufficiali israeliani . In risposta, Israele ha promesso di distruggere il movimento islamico palestinese e, secondo Hamas, la sua massiccia operazione militare a Gaza ha provocato la morte di 34.535 persone, la maggior parte delle quali civili.

READ  Interessato da una richiesta di consegna | "Mi sento al sicuro" nell'Unione europea, afferma Tikhanovskaya, figura dell'opposizione bielorussa

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *