Adolescente uccisa nello spogliatoio: nessuna accusa contro l'agente di polizia americano dietro il grilletto

Adolescente uccisa nello spogliatoio: nessuna accusa contro l'agente di polizia americano dietro il grilletto

Un agente di polizia statunitense che ha ucciso un'adolescente con un proiettile vagante mentre era intervenuto in un negozio dove stava cercando un vestito per il suo quindicesimo compleanno se ne andrà senza accuse penali, si è conclusa questa settimana un'indagine del Dipartimento di Giustizia.

“Ogni perdita di vite umane è una tragedia, e i miei pensieri vanno soprattutto alla famiglia di Valentina Orellana Peralta, che ha tragicamente perso la vita e il cui unico coinvolgimento in questo incidente è stato il trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato”, ha detto. Il procuratore generale Rob Bonta, secondo CBS News.

Dopo un'indagine durata anni, il Dipartimento di Giustizia ha stabilito che le accuse penali non sarebbero state appropriate contro l'agente di polizia che ha causato la morte dell'adolescente a causa di un proiettile vagante mentre interveniva in un negozio di alimentari di North Hollywood. Vicino a Los Angeles, il 23 dicembre 2021.

Quel giorno, la giovane adolescente cilena stava facendo shopping con la madre in preparazione al suo quindicesimo compleanno, una tradizionale festa latina che segna il passaggio dall'infanzia all'età femminile.

Solo che, nello stesso momento, una persona “armata” all'interno del negozio avrebbe aggredito un altro cliente, tanto che sul posto è stato chiamato il Dipartimento di Polizia di Los Angeles (LAPD).

In questo contesto, un agente avrebbe aperto il fuoco tre volte sulla sospettata, Danielle Elena Lopez, 24 anni, prima che un proiettile vagante colpisse l'adolescente, che stava provando dei vestiti in un camerino con sua madre.

“All'improvviso abbiamo sentito un'esplosione che ci ha gettato a terra… Non sapevo che gli avessero sparato. Il suo corpo si è afflosciato. Ho provato a scuoterla, ma il suo corpo si è afflosciato”, ha detto sua madre Soledad Peralta, che abbracciò il corpo di sua figlia.

READ  Ucraina: Putin è "pronto" al dialogo, accoglie con favore un "approccio equilibrato" all'Africa

Tuttavia, il Dipartimento di Giustizia non ha stabilito che le accuse penali fossero giustificate nel contesto “caotico, tragico e devastante” delle due morti, secondo le parole del capo della polizia di Los Angeles Michel Moore.

La famiglia dell'adolescente non ha ancora reagito alla notizia di giovedì, pochi giorni dopo la tragedia, chiedendo che tutti gli agenti coinvolti fossero mandati in “prigione”, secondo l'Agence France-Presse.

“L'unica cosa che voglio è giustizia per mia figlia. Non avrò pace finché tutti questi criminali non saranno in prigione, ognuno di loro”, ha detto Juan Pablo Orellana, il padre della vittima, in una conferenza stampa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *