Un corteo simbolico a un anno dall’esplosione nel porto di Beirut

(Beirut) Il corteo funebre è partito domenica sera dal porto di Beirut per sfilare nei quartieri limitrofi nel centro della capitale libanese, a pochi giorni dal primo anniversario di una devastante esplosione che ha ucciso più di 200 persone.


In segno di solidarietà con le famiglie delle vittime che hanno organizzato questa manifestazione, decine di persone si sono radunate all’ingresso del porto, alcune donne vestite di nero e con alte torce.

Un fotografo dell’AFP ha notato che tre “bare simboliche” ricoperte di rose e portate a spalla, precedute da mogli, sorelle e madri, portavano l’immagine di una vittima.

“C’è stato il nitrato di ammonio”, recitava un cartello.

La processione è stata accompagnata da un tumulto nei vicini quartieri di Gemmayzeh e Mar Mikhael, che sono stati devastati dall’esplosione.

“Queste bare sono simboliche per ricordare alle persone che abbiamo portato le bare delle nostre vittime e martiri”, ha detto all’AFP Ibrahim Hoteit, portavoce dell’associazione familiare.

“È nostro diritto raggiungere la verità e accedere alla giustizia”, ​​ha sottolineato.

Foto di Anwar Amr, Agence France-Presse

Fu preceduta da mogli, sorelle e madri, recanti l’immagine della vittima, e dal porto uscirono tre “bare simboliche” ricoperte di fiori e portate a spalla.

Infatti, migliaia di persone sono scese in piazza mercoledì per commemorare il primo anniversario dell’esplosione del 4 agosto 2020, in lutto per le 214 persone uccise in una tragedia mai provata.

L’esplosione di diverse centinaia di tonnellate di nitrato di ammonio, stoccate da anni nel porto – “senza precauzione” dallo stesso governo – ha ferito più di 6.500 e distrutto interi quartieri.

READ  Washington chiede di "evitare la militarizzazione" dell'Artico

Nonostante l’entità della tragedia, l’inchiesta locale è in stallo, anche se gli ex ministri sono nel mirino della giustizia.

Con il pretesto dell’immunità di cui godono questi funzionari per il loro ufficio pubblico, la classe dirigente è accusata di aver fatto di tutto per silurare le indagini ed evitare accuse.

“La criminalità continua, aumenta le immunità”, ha scritto uno striscione alzato domenica sera al corteo.

Helen Atta ha perso il fratello gemello Abdo Atta. Aveva 38 anni.

Ha criticato lo psicologo: “Ogni giorno il dolore è più forte, alla luce dell’ingiustizia che incombe su questo tema, dell’inerzia dei responsabili e della loro voglia di sfuggire alla giustizia”.

“Un anno dopo, sembrava che non fosse successo nulla”, ha detto malinconicamente. “Ogni libanese deve essere in strada ogni giorno finché giustizia non sarà fatta”.

Alla manifestazione ha partecipato anche un’associazione che rappresenta le famiglie dei dispersi dalla guerra civile (1975-1990).

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *