Taiwan organizza esercitazioni militari e accusa Pechino di aver pianificato un’invasione

(Città di Fenggang) Martedì l’esercito di Taiwan ha condotto esercitazioni di artiglieria a fuoco vivo per simulare la difesa dell’isola contro un’invasione cinese che Taipei accusa di complottare.

Aggiornato alle 6:12.

Ambra Wang
Agenzia media francese

Un corrispondente dell’AFP sul posto ha visto l’inizio delle operazioni nella contea di Pingtung (sud) dopo le 0:40 GMT con razzi e fuoco di artiglieria. Lu Wei Jie, un portavoce dell’Ottavo Corpo dell’esercito di Taiwan, ha detto che le esercitazioni sono terminate intorno all’1:30 GMT.

I militari hanno detto che erano stati schierati diverse centinaia di soldati e circa 40 obici. Giovedì è prevista una nuova esercitazione.

Le prove di martedì hanno attirato molti spettatori.

“Dovremmo adottare contromisure contro il blocco della terraferma”, ha detto Qin, che non ha fornito il suo nome. E condurre esercitazioni militari farà loro sapere che Taiwan è pronta. Spero che entrambe le parti dimostreranno un po’ di moderazione”.

La Cina ha lanciato la sua più grande esercitazione militare, aerea e marittima intorno a Taiwan la scorsa settimana in risposta alla visita della presidente della Camera Nancy Pelosi, il più alto funzionario statunitense a visitare l’isola indipendente da decenni.

Martedì il ministro degli Esteri di Taiwan Joseph Wu ha accusato in una conferenza stampa a Taipei dopo le esercitazioni di Taiwan che Pechino “ha utilizzato le proprie esercitazioni militari e la propria tabella di marcia per prepararsi all’invasione di Taiwan”.

“La vera intenzione della Cina è quella di cambiare lo status quo nello Stretto di Taiwan e nell’intera regione”, ha aggiunto.

“Conduce esercitazioni militari su larga scala e lanci di missili, nonché attacchi informatici, campagne di disinformazione e coercizione economica per demoralizzare le persone a Taiwan”, ha affermato.

READ  COP26 | Seguiranno "Nessun grande cambiamento", si rammarica Greta Thunberg

La Cina considera Taiwan, con una popolazione di circa 23 milioni di abitanti, come una delle sue province, che non è ancora riuscita a riunificarsi con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese (1949).

Lu e Wei Jie hanno confermato lunedì che le esercitazioni taiwanesi erano già programmate e che non erano in risposta alle manovre cinesi in corso.

L’isola, separata dalla Cina continentale da uno stretto largo 180 chilometri, organizza regolarmente esercitazioni militari che simulano un’invasione cinese.

Biden ‘non preoccupato’

Le esercitazioni di Taiwan arrivano dopo che la Cina ha ampliato le sue esercitazioni navali e aeree congiunte intorno all’isola lunedì.

Hanno pagato un avvertimento, come al solito, da Pechino.

Qualsiasi tentativo di opporsi al flusso della storia e alla riunificazione con le forze armate incontrerà inevitabilmente una forte opposizione da parte dell’intero popolo cinese. “Sarebbe una sopravvalutazione delle tue capacità, essere sconsiderato e destinato a fallire”, ha detto martedì il portavoce degli affari esteri cinese Wang Wenbin durante una conferenza stampa.

L’esercito cinese ha confermato martedì la continuazione delle esercitazioni, che includono unità aeree e navali.

L’Eastern Theatre Command dell’Esercito popolare di liberazione ha dichiarato in una dichiarazione che stava conducendo esercitazioni in tutta l’isola “concentrandosi sul blocco congiunto e sulle operazioni di supporto”.

L’esercito taiwanese ha dichiarato di aver individuato martedì 45 aerei e 10 navi cinesi che operavano nello Stretto di Taiwan, 16 aerei che attraversavano la linea centrale, una demarcazione non ufficiale tra Cina e Taiwan che Pechino non riconosce.

Joseph Wu non ha mancato di ringraziare i suoi alleati occidentali durante la sua conferenza stampa, inclusa Nancy Pelosi, per aver resistito alla Cina.

READ  Il volo 752 si schianta in Iran | Il risultato di "totale disprezzo per la vita umana", conclude l'analisi di Ottawa

Ha detto: “Manda anche un chiaro messaggio al mondo che la democrazia non soccomberà al bullismo della tirannia”.

Taiwan ha affermato che nessun aereo da guerra o nave cinese è entrato nelle acque territoriali di Taiwan – entro 12 miglia nautiche dalla terraferma – durante le esercitazioni di Pechino.

Ma la scorsa settimana, l’esercito cinese ha rilasciato un video di un pilota dell’aeronautica che filmava la costa e le montagne dell’isola dalla sua cabina di pilotaggio, mostrando quanto sia vicino alla costa taiwanese.

Ha anche sparato missili balistici contro la capitale taiwanese Taipei durante le esercitazioni della scorsa settimana, secondo i media statali cinesi.

La portata e l’intensità delle esercitazioni della Cina, così come il suo ritiro dai negoziati internazionali sul clima e sulla difesa, hanno fatto arrabbiare gli Stati Uniti e altri paesi occidentali.

Ma Pechino lunedì ha difeso il suo comportamento, definendolo “risoluto, forte e appropriato” di fronte alle provocazioni statunitensi.

“(Noi) stiamo solo lanciando un avvertimento ai responsabili” di questa crisi, ha detto Wang Wenbin, promettendo che la Cina “spezzerà risolutamente l’illusione delle autorità taiwanesi di ottenere l’indipendenza attraverso gli Stati Uniti”.

Tuttavia, Washington ha considerato basso il rischio di un’escalation da Pechino. “Non sono preoccupato, ma sono preoccupato per il fatto che siano molto difficili. Non penso che stiano facendo più di quello che stanno facendo”, ha detto lunedì il presidente Joe Biden.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.