La squadra di Navalny accusa la Russia di nascondere il suo corpo per “coprire” gli “assassini”

La squadra di Navalny accusa la Russia di nascondere il suo corpo per “coprire” gli “assassini”

Mosca | Sabato i parenti di Alexei Navalny hanno descritto le autorità russe come “assassini” che cercano di “coprire le proprie tracce” rifiutandosi di consegnare il suo corpo. Nonostante le accuse dell'Occidente e le marce in onore dell'opposizione, il Cremlino resta in silenzio.

• Leggi anche: Circa un centinaio di persone sono state arrestate durante le manifestazioni pro-Navalny

• Leggi anche: Navalny: È stato avvelenato, imprigionato ed è morto sotto Putin

Nonostante la dura repressione e gli avvertimenti, sabato centinaia di russi hanno partecipato a piccole marce in diverse città per onorare questo famoso critico del Cremlino, morto il giorno prima all'età di 47 anni in una prigione nell'Artico russo. Da venerdì la polizia ha arrestato 231 persone durante questi eventi, secondo l'ONG specializzata OVD-Info.

Le autorità sono in allerta a un mese dalle elezioni presidenziali, che vedranno la riconferma di Putin in assenza di opposizioni.

La squadra di Alexei Navalny ha detto che le autorità rifiutano di restituire i resti di sua madre, sostenendo che la causa della sua morte non è stata determinata.

“È chiaro che gli assassini vogliono coprire le loro tracce. Ecco perché non hanno consegnato il corpo di Alexei e lo hanno persino nascosto a sua madre”, ha scritto su Telegram.

L'avvocato difensore, venuto ad incontrare gli inquirenti, lo ha informato che era stato effettuato un nuovo esame istologico [avait] La portavoce del defunto, Kira Iarmysh, ha scritto che i risultati “dovrebbero essere resi noti la prossima settimana”.

Ha aggiunto: “Mentono chiaramente e fanno tutto il possibile per evitare di dover consegnare il corpo”.

Il portavoce ha osservato in un video online che la madre dell'opponente, Lyudmila Navalnaya, si è recata sabato, con un avvocato, nella colonia penale IK-3 nella regione artica di Yamal, e che è stato consegnato un “documento ufficiale” che conferma la morte . per lui.

READ  L'ex governatore del New Jersey Chris Christie, in corsa per la Casa Bianca

ha detto MIO Yarmysh, che, come molti dissidenti, andò in esilio, fuggendo dal carcere. “La sua morte è avvenuta il 16 febbraio alle 14:17 ora locale, secondo il documento ufficiale.”

Gioielliere

Venerdì le autorità penitenziarie russe hanno annunciato in un breve comunicato stampa che il famoso attivista, detenuto per tre anni, è morto nella colonia penale dove stava scontando una pena detentiva di 19 anni.

Hanno spiegato che l'uomo di 47 anni, la cui salute era stata indebolita dall'avvelenamento e dalla prigionia, si sarebbe “sentito male dopo aver camminato” e avrebbe perso conoscenza. Hanno confermato che era stato fatto tutto per rianimarlo e che le cause della morte erano “in fase di determinazione”.

Da allora non sono trapelati dettagli e Vladimir Putin non ha detto una parola sulla scomparsa di questo importante personaggio politico, una morte che avviene un mese prima delle elezioni presidenziali previste dal 15 al 17 marzo, che vedranno rinnovata la carica di maestro del Cremlino 2018. Assenza di qualsiasi opposizione.

Questo è stato decimato dalla repressione, soprattutto da quando è iniziato l’attacco russo all’Ucraina due anni fa.

Da parte loro, i paesi occidentali hanno denunciato all’unanimità la “responsabilità” del regime russo.

Il presidente americano Joe Biden, che è stato “smascherato”, ha accusato il suo omologo russo di essere “responsabile”. È un messaggio che è stato raggiunto da tutti i leader occidentali.

Molte delle accuse pronunciate venerdì dal Cremlino erano “totalmente inaccettabili”.

Vladimir Putin resta in silenzio, pur essendo informato. Sabato è apparso in televisione ad un evento del Gruppo Gazprom.

“Non arrenderti”

D’altro canto il ministero degli Esteri cinese, alleato del Cremlino, non ha commentato questa “questione interna della Russia”.

READ  Un’ondata di caldo senza precedenti colpisce l’Asia

Sebbene le autorità russe abbiano taciuto sulle circostanze della morte dell'oppositore e i media ufficiali abbiano appena menzionato la sua morte, hanno comunque messo in guardia la popolazione da qualsiasi manifestazione.

Nonostante gli arresti, sabato i russi hanno manifestato in diverse città, deponendo fiori, soprattutto sui memoriali dei dissidenti vittime della repressione politica durante l'era sovietica.

Sabato a mezzogiorno la polizia ha arrestato una quindicina di moscoviti durante un raduno ai piedi di un monumento commemorativo della repressione sovietica, ha riferito il media indipendente russo Sota.

Poco dopo, i giornalisti dell'AFP hanno assistito a un nuovo arresto lì. Ma nel primo pomeriggio i curiosi, sotto stretta sorveglianza della polizia, hanno potuto avvicinarsi al memoriale lasciando lì fiori e messaggi.

“Non arrendetevi!”, “Non dimenticheremo mai, non ci arrenderemo mai, la Russia sarà libera”, si leggeva sulle foglie sparse tra i fiori ai piedi del “Muro del lutto” vicino al viale Sakharov, un luogo tradizionale di manifestazioni dell'opposizione e di una strada che porta il nome del dissidente sovietico Il famoso.

“In buona salute”

Alexei Navalny stava scontando una pena detentiva di 19 anni per “estremismo” in una remota colonia penale nell’Artico, in condizioni estremamente difficili. I processi contro di lui sono stati ampiamente denunciati come un mezzo per punirlo per la sua opposizione a Vladimir Putin.

Giovedì l'avversario ha partecipato via video a due udienze davanti al tribunale della regione di Vladimir e non si è lamentato del suo stato di salute, secondo l'agenzia di stampa ufficiale RIA Novosti.

Sua madre ha detto di aver visto suo figlio lunedì “in buona salute e di umore felice”, in un messaggio su Facebook riportato dal quotidiano Independent. Novaja Gazeta.

La sua scomparsa priva l'opposizione della sua figura di riferimento, diventata fredda dopo anni di repressione.

READ  Secondo quanto riferito, fino a 10 pazienti sono morti dopo che un'infermiera ha sostituito le gocce di fentanil con acqua
repressione

La prigione non ha indebolito la determinazione di Alexei Navalny. Durante le udienze in tribunale e nei messaggi trasmessi attraverso la sua squadra, non ha mai smesso di insultare Vladimir Putin.

Al suo processo con l’accusa di “estremismo”, ha fortemente criticato “la guerra più stupida e insensata del ventunesimo secolo”.H Century”, riferendosi all’attacco russo all’Ucraina iniziato il 24 febbraio 2022.

E in un messaggio al n. 1Qualunque Lo sfidante, che la sua squadra ha trasmesso in febbraio, aveva indetto manifestazioni in tutta la Russia durante le elezioni presidenziali.

Molti oppositori sono stati imprigionati o costretti all’esilio negli ultimi anni e la repressione è aumentata dal 2022.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *