Macron farà uscire la Francia dalla NATO?

Il Pentagono vuole l’aiuto della NATO per la sorveglianza e gli attacchi aerei in Afghanistan. È un’arroganza unicamente audace e americana per il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, il generale Mark Milley, fare una richiesta del genere ai suoi alleati: Biden non li ha consultati nemmeno prima di ritirarsi in un disastro da Kabul in circostanze disastrose e umilianti che conosciamo.

Mi sorprenderebbe che Parigi fosse lì. La Francia non dimenticherà – e non deve dimenticare – gli schiaffi di Biden nella vicenda dei sottomarini australiani.

Vendica la Francia con un gesto figo

Sei mesi prima delle elezioni presidenziali, Macron deve fare un gesto di intelligenza. Reagire assicurandosi che la risposta si adatti agli interessi geopolitici del paese. Altrimenti i suoi rivali, dai nazionalisti ai comunisti, gli salteranno addosso con entrambi i piedi. Si dice che Parigi stia valutando la possibilità di ritirare la Francia dal comando militare integrato della NATO, a cui si è unito nel 2009 sotto Sarkozy dopo un’assenza di 43 anni. Nel 1966, de Gaulle si ritirò da esso “per preservare l’indipendenza della Francia negli affari mondiali”, con grande dispiacere degli americani.

Nel 2003, la Francia ha rifiutato di unirsi agli Stati Uniti nell’attaccare l’Iraq sulla base delle bugie secondo cui Saddam possedeva armi di distruzione di massa. I politici americani erano così indignati che hanno stupidamente costretto il Capitol Restaurant a cambiare il nome delle patatine fritte da “Free Fries” a “Freedom Fries”.

Nel 2019, Macron ha affermato che la NATO era “cerebralmente morta” e sebbene Trump abbia trovato le sue parole “estremamente offensive” le è stato accanto. In effetti, l’alleanza atlantica si sta lentamente disintegrando.

READ  L'FBI sta pubblicando nuove foto di un piantatore di bombe vicino al Congresso

I turchi hanno rapporti migliori con Mosca rispetto ai loro omologhi della NATO. Hanno acquistato un sistema di difesa aerea russo contravvenendo alle politiche dell’organizzazione. Francia e Germania stanno già operando un’unità militare congiunta in parallelo, l’inizio del futuro esercito europeo. La brigata di 6000 persone è sotto il comando dell’European Rapid Response Corps, con sede a Strasburgo.

Gli europei sono dietro Macron, ma fino a che punto?

La Germania si è unita ieri alla Francia nel dare la colpa agli Stati Uniti per aver negoziato il patto segreto con Australia e Gran Bretagna. Berlino ha con la Cina relazioni economiche più importanti di Washington. Le politiche anti-Cina di Trump e Biden non sono ben accolte in Europa.

“Uno dei nostri Stati membri è stato trattato in modo inaccettabile”, ha affermato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen della Germania.

Per mostrare la loro solidarietà alla Francia e il loro dispiacere, gli ambasciatori dell’UE hanno rinviato un incontro commerciale e tecnologico con gli Stati Uniti che sarebbe stato un importante passo avanti per l’alleanza transatlantica.

Il nuovo ritiro francese dal comando integrato della NATO, se si fosse verificato, segnerebbe una svolta cruciale per l’organizzazione, l’inizio della sua eventuale emarginazione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *