Scopri una cavità gigante nella Via Lattea

Secondo uno studio pubblicato mercoledì, gli astronomi della Via Lattea hanno scoperto una cavità gigante circondata da due nebulose, le nuvole di Perseo e Toro, che sono apparse dopo l’esplosione di almeno una stella gigante.

• Leggi anche – Catalogo PHANGS-MUSE: Immagini inedite di Young Star Galassie

Le nubi molecolari di Perseo e Toro, come vengono chiamate, sono state studiate a lungo, per la loro vicinanza alla Terra (tra 500 e 1000 anni luce), che è un filo di paglia sulla scala della nostra Via Lattea, che ha un diametro di 80.000 anni luce.

Ma anche perché ospita vivai di stelle, che si sono formati grazie alla miscela di gas e polveri molecolari che compongono queste nubi. Infine, perché queste nebulose sembravano essere collegate da una specie di filo. Poi la nota è stata ignorata a causa della loro distanza dal nostro pianeta.

“La cosa divertente di queste due nuvole è che scopriamo che sono ben collegate, non nel modo in cui immaginiamo, ma attraverso un enorme divario”, ha detto all’AFP il ricercatore Shmuel Bialy dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

Informatica e imaging all’avanguardia

Questa è la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di progettare una mappa 3D di una tale struttura, chiamata “Per-Tau Shell”, con l’aiuto di tecniche computazionali e di imaging avanzate, in particolare una mappa dei gas molecolari con l’area più grande, disegnato utilizzando i dati del telescopio spaziale europeo Gaia.

Bisogna immaginare “una specie di sfera con un interno vuoto”, secondo Mr. Bialy, una “super bolla”, come la chiama lui, di circa 500 anni luce di diametro (circa 4,7 milioni di miliardi di chilometri), il cui guscio esterno sarebbe essere formato in parte dalle nuvole Perseo e Toro.

READ  Xbox Game Pass prevede una grande fine per quest'anno

L’interno della cavità contiene poca polvere, “ma a una densità molto bassa rispetto a quella delle nuvole”, ha detto all’AFP l’astrofisico e fisico Torsten Enslin, assistente professore al Max Planck Institute for Astrophysics in Germania.

Lo studio, che appare in Astrophysical Journal Letters, è stato scritto insieme all’autore principale Shmuel Bialy. È uno degli scienziati che, nel 2019 e nel 2020, ha realizzato la prima mappa 3D delle nuvole di polvere vicino al nostro sole. Questo grazie ai dati di Gaia sulla posizione e le caratteristiche di oltre 5 milioni di stelle in questo “sobborgo” solare.

E la collega di M Bialy, Kathryn Zucker, astrofisica e borsista post-dottorato, ha firmato mercoledì un secondo studio sull’argomento per spiegare come gli scienziati hanno usato bene questa mappa, aiutati da algoritmi sviluppati in parte sotto la sua direzione.

“Questa è la prima volta che siamo stati in grado di utilizzare viste 3D reali, non simulate, per confrontare la teoria con l’osservazione e stimare quali teorie funzionano meglio” per spiegare da dove provenissero questa cavità gigante e le nuvole che si sono depositate sulla sua superficie, ha detto. in una dichiarazione. Dal Centro di Astrofisica.

“Pensiamo che sia stato a causa di un’esplosione di supernova, un’enorme esplosione che ha spinto questi gas e ha formato queste nuvole”, afferma Bialy, il cui studio suggerisce uno scenario di supernova multiple. Secondo questa teoria, una o più stelle sono esplose alla fine della loro vita e hanno gradualmente spinto indietro la maggior parte del gas in cui si sono bagnate per formare questa cavità, tra 6 e 22 milioni di anni fa.

“Ora stiamo osservando la cavità nella sua fase finale, dove ha già rallentato (dilatato) e ha permesso la formazione di nuvole” per Perseo e Toro, afferma il signor Bialy. Ora intende concentrarsi sui gruppi di stelle più giovani che appaiono lì.

READ  22.000 ore di gioco per costruire la squadra dei tuoi sogni senza pagare in FIFA 21

Per quanto riguarda il professor Enslin, si aspetta “molte altre strutture da scoprire” come quelle di Bir Tau. “Questa bolla è probabilmente una delle tante”, spiega, aggiungendo che, nonostante le sue dimensioni, occupa poco spazio nella mappa 3D prodotta dal suo dipartimento. Resta da esplorare e battezzare…

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *