Il giudice ha messo in dubbio gli sforzi di Trump per mantenere segreti i colloqui durante l’attacco del 6 gennaio

L’avvocato di Donald Trump giovedì ha chiesto a un giudice federale di bloccare la trasmissione di migliaia di documenti al Congresso sulle azioni dell’ex presidente nell’assalto al Campidoglio del 6 gennaio, ma il giudice non sembrava convinto delle sue argomentazioni.

• Leggi anche: USA: sconfitti in Virginia, i democratici salvano il New Jersey

• Leggi anche: Trump indulge in ‘Tomahawk chop’ che è considerato un insulto agli indigeni

Il miliardario repubblicano vuole mantenere segreti questi documenti, compresi gli elenchi delle persone che lo hanno visitato o contattato quel giorno, sostiene una commissione parlamentare.

Questa “Commissione speciale” della Camera è stata costituita per valutare il ruolo svolto da Donald Trump nell’attacco condotto dai suoi sostenitori alla sede del Congresso, quando i funzionari eletti hanno confermato la vittoria di Joe Biden.

Donald Trump, che nega ogni responsabilità per l’attentato, ha denunciato un “gioco politico” e si rifiuta di collaborare. È andato in tribunale in nome del privilegio del ramo esecutivo di mantenere riservate le sue comunicazioni, anche in caso di citazione da parte del Congresso.

“I precedenti presidenti hanno il diritto di invocare questo privilegio”, ha affermato giovedì il suo avvocato, Justin Clark, durante un’udienza a Washington.

Ma il giudice Tanya Chutkan ha risposto: “La persona migliore per giudicare se la giurisdizione dell’esecutivo si applica al ramo esecutivo o meno”, osservando che l’attuale inquilino della Casa Bianca Joe Biden aveva autorizzato gli Archivi nazionali a consegnare questi documenti al Congresso.

“Non stiamo parlando di estratti conto o documenti contabili per il tuo cliente prima che diventasse presidente (…) ma di note sui suoi scambi quando la gente ha rotto le finestre ed è entrata in Campidoglio”, ha detto, riferendosi a battaglie legali passate.

READ  L'uccisione di George Floyd | Il giudice apre la strada a una dura sentenza contro Derek Chauvin

“Stiamo parlando di documenti che sono essenzialmente legati all’esercizio del potere”, ha detto il giudice Schutkan.

Tuttavia, ho fatto una deroga all’avvocato sul numero di documenti richiesti: “Sono d’accordo con te (…) Alcune richieste sembrano molto vaghe, ma altre sono molto specifiche per gli eventi del 6 gennaio”.

Al termine dell’udienza, il giudice ha promesso di emettere la sua decisione “rapidamente”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *