Due persone sono morte in una sparatoria sulla spiaggia vicino a Cancun

Due sospetti spacciatori di droga sono stati uccisi giovedì in una sparatoria tra bande rivali su una spiaggia vicino a Cancun, una località turistica sulla costa caraibica del Messico, ha detto la polizia.

“Non ci sono feriti gravi”, ha aggiunto l’accusa in una nota, osservando che lo scontro è scoppiato “tra gruppi in competizione di piccoli contrabbandieri” su una spiaggia di Puerto Morelos.

“Nessun turista è stato gravemente ferito e nessuno è stato rapito”, ha detto il direttore della sicurezza regionale Lucio Hernandez Gutierrez.

La sparatoria è scoppiata sulla spiaggia di un hotel di lusso.

I turisti e il personale sono stati portati in salvo quando è scoppiata la sparatoria, secondo l’account Twitter del direttore della NBC Universal Mike Sington, che afferma di essere sul posto presso il resort Hyatt Ziva Riviera Cancun.

Questa è la seconda volta in meno di due settimane che un’importante area turistica messicana subisce violenze attribuite al traffico di droga.

Due giovani turisti stranieri, un tedesco e un indiano, sono stati uccisi in una sparatoria il 21 ottobre a Tulum, sempre sulla costa caraibica della penisola dello Yucatan. Feriti due tedeschi e una donna olandese.

L’accusa ha detto che i turisti sono stati vittime di uno “scontro” tra due gruppi rivali di spaccio di droga.

Quindicesima economia mondiale, uno dei 10 paesi più visitati al mondo per la sua massiccia offerta turistica e culturale, il Messico (quasi due milioni di chilometri quadrati) è anche in luoghi con tassi di criminalità molto alti.

Nel 2020, nonostante la pandemia, sono stati ufficialmente registrati più di 36.000 omicidi, la maggior parte dei quali legati a regolamenti di conti tra bande rivali legate al traffico di droga.

READ  Esercito degli Stati Uniti Ora sono consentite code di cavallo, trecce e orecchini

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *