I pubblici ministeri federali stanno indagando sulle fughe di notizie del Qatargate

Da quando è scoppiata la vicenda del Qatargate, informazioni apparentemente sensibili sul caso sono state pubblicate quotidianamente sui giornali. Giornali e un settimanale martedì hanno pubblicato dettagli tratti da un rapporto preparato dal giudice istruttore Michel Cleese. In questa nota, Eva Kayli, uno dei vicepresidenti del Parlamento europeo e uno dei principali indagati in questo caso, sembra aver reso una parziale confessione durante una delle prime udienze. Su vari media sono stati pubblicati anche spezzoni di un rapporto della Sicurezza di Stato contenente stralci di conversazioni tra Pier Antonio Panziri, la moglie e la figlia, rintracciati da Lecco e De Tijd.

Secondo altre informazioni diffuse da diversi giorni, pare che Pier Antonio Panzieri e Francesco Giorgi accusi il deputato socialista Marc Tarabella.

La giustizia teme che queste fughe di notizie danneggino le indagini. Gli avvocati dei vari attori in questo caso non esiteranno a invocare una violazione dei diritti della difesa dei loro assistiti, che non avrebbero, di fatto, diritto a un giusto processo, notano Lecco e De Tijd.

I sospetti possono anche tendere a nascondere le prove.

Pierre Antonio Panziri © Unione europea 2019

Il sindacalista Visentini spiega la “donazione in denaro” ricevuta dal sig. Panziri

Il sindacalista italiano Luca Visentini, arrestato dieci giorni fa e poi rilasciato dopo 48 ore nell’inchiesta belga sui sospetti di corruzione che coinvolgono il Qatar, ha ammesso di aver ricevuto un pagamento in contanti da una Ong guidata da un indiziato chiave nel fascicolo. Tuttavia, ha negato qualsiasi pratica illegale. Visentini, che si è dimesso il 15 dicembre dalla carica di Segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati (ITUC, Ituc in inglese), ha spiegato di aver ricevuto una “donazione inferiore a 50.000 euro” dall’ONG anti-impunità guidata dal suo connazionale, il deputato ex europeo Pier Antonio Panziri.

READ  Gli italiani sono sempre eccitati, non gli importa cosa pensano 'Courtois o i belgi'

Quest’ultimo è considerato uno dei principali sospettati del caso. Delle sei persone arrestate a Bruxelles il 9 dicembre (tra cui Visentini, rilasciato due giorni dopo), Panziri era una delle tre persone in custodia cautelare, insieme alla deputata greca Eva Kaili.

Riguardo alla “donazione in denaro” ricevuta da Anti-Impunità, organizzazione che si batte contro gli abusi dei diritti umani, Visentini ha confermato in un comunicato di averla accettata “per la qualità del donatore e per la sua natura non lucrativa”.

“Non mi ha chiesto niente, e io non ho chiesto niente in cambio di denaro, e non sono state poste condizioni per questa donazione”, afferma.

“Questa donazione non era correlata ad alcun tentativo di corruzione, né per influenzare la mia posizione sindacale sul Qatar o qualsiasi altra questione, e non era intesa a interferire con l’indipendenza e l’autonomia di me stesso. E / o CSI”, continua il 53enne -vecchio italiano.

Secondo le sue spiegazioni, parte del denaro è stato versato per rimborsare parte dei costi derivanti dalla sua campagna per la presidenza del CSI. Il signor Visentini è stato eletto a novembre alla guida di questa organizzazione che afferma di essere una federazione di 338 sindacati in tutto il mondo, in 168 paesi e territori.

Mercoledì si deve riunire il Consiglio generale della CIS per decidere se lasciare Visentini o mantenerlo in carica.

Sul Qatar, che ha recentemente visitato, l’italiano ha affermato che la sua posizione “non è cambiata nel tempo”.

“Ho sempre chiarito che la situazione attuale non è ancora soddisfacente e che occorre esercitare maggiori pressioni sul Qatar e sulle aziende che vi operano” per raggiungere lo standard richiesto dall’ILO in termini di tutela dei diritti dei lavoratori.

READ  L'Italia stanzia altri nove miliardi di euro per l'aumento dei prezzi

L’inchiesta aperta dai tribunali belgi nell’estate del 2022 riguarda sospetti di ingenti versamenti di fondi dal Qatar per influenzare la politica europea.

Nel frattempo, l’ex commissario europeo Dimitris Avramopoulos ha dichiarato di aver ricevuto 60.000 euro di “risarcimento” dall’organizzazione non governativa Anti-Impunity, in una dichiarazione rilasciata lunedì all’agenzia di stampa greca ANA.

Il greco era uno dei membri onorari del consiglio di questa ONG, prima di dimettersi l’11 dicembre sulla scia delle rivelazioni.

La Commissione europea ha detto che stava “conducendo ispezioni”.

La decisione se consegnare la figlia di Panziri è stata rimandata all’inizio di gennaio

La figlia dell’ex deputato italiano Pier Antonio Panzieri non sarà estradata in Belgio per il momento a seguito di uno scandalo di corruzione all’interno del Parlamento europeo. Infatti, il tribunale competente della città di Brescia, nel nord Italia, ha rinviato la sua decisione sulla questione martedì fino al 3 gennaio, secondo le agenzie di stampa ANSA e Adnkronos. I giudici avrebbero accolto la richiesta della difesa di verificare prima le condizioni di detenzione in Belgio. La figlia di Pierre Antonio Panzeri è soggetta a un mandato d’arresto europeo emesso dal Belgio. Le autorità giudiziarie la accusano di essere a conoscenza delle presunte azioni del padre e di essere lei stessa coinvolta.

Il giudice istruttore belga Michel Cleese ha chiesto all’Italia di estradare in Belgio la figlia di Pierre Antonio Panzieri e sua moglie, che vivono vicino a Bergamo (Milano, Nord). Si ritiene che fossero a conoscenza delle attività illecite dell’interessato e che, a loro volta, abbiano svolto un ruolo attivo.

L’ex eurodeputato avrebbe accettato tangenti dagli Emirati del Golfo, Qatar e Marocco, in cambio di influenzare le decisioni dell’UE. Il 9 dicembre sono stati effettuati arresti in Italia e in Belgio.

READ  Emmanuel Macron difende un progetto che unisce "fermezza" e "umanità"

La moglie e la figlia di Pier Antonio Panzeri sono state subito dopo agli arresti domiciliari, entrambe soggette a mandato di cattura europeo. Quanto all’ex parlamentare europeo, protagonista del presunto caso di corruzione, è stato arrestato in Belgio.

E già lunedì i giudici bresciani avevano deciso di estradare in Belgio Maria Colleoni, moglie di Antonio Panzieri. Tuttavia, se verrà condannata, dovrà scontare la pena in Italia. Tuttavia, è improbabile che una ragazza che afferma di non essere a conoscenza delle azioni del marito venga presto estradata. I suoi avvocati hanno già indicato che intendono presentare ricorso alla più alta corte italiana. Hanno cinque giorni per farlo.

Soddisfatti gli avvocati della figlia di Pierre Antonio Panzieri per l’esito dell’udienza di martedì, scrive l’Adnkronos. Il loro cliente non ha parlato durante l’udienza, che si è tenuta a porte chiuse.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.