Gaza: Hamas accetta la proposta di tregua e Israele bombarda Rafah

Gaza: Hamas accetta la proposta di tregua e Israele bombarda Rafah

Il Movimento di Resistenza Islamico Palestinese (Hamas) ha annunciato lunedì sera di aver accettato la proposta di tregua presentata dai mediatori, dopo l’avvio di un’operazione israeliana per evacuare decine di migliaia di residenti della città di Rafah, nel sud assediato della Striscia di Gaza.

• Leggi anche: Una riunione di ex ostaggi di Hamas e sopravvissuti al genocidio nazista ad Auschwitz

• Leggi anche: L’Unicef ​​avverte di un “disastro imminente” per 600mila bambini a Rafah

Dopo l’annuncio di Hamas, l’esercito israeliano ha effettuato intensi bombardamenti a est dell’affollata città di Rafah, dove i residenti sono stati invitati ad andarsene, secondo l’Agence France-Presse.

L’evacuazione aprirebbe la strada, secondo Israele, ad un’operazione militare di terra a Rafah, alla quale si oppongono molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, principale alleato di Israele, e le organizzazioni internazionali.

Hamas ha annunciato in un comunicato di aver informato l’Egitto e il Qatar, i due paesi mediatori con gli Stati Uniti, di aver “accettato la loro proposta di accordo di cessate il fuoco” con Israele nella Striscia di Gaza, devastata da sette mesi di guerra. .

L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che la proposta è “lontana dalle richieste israeliane”, aggiungendo che Israele invierà una delegazione “per mediare ed esaurire le possibilità di raggiungere un accordo” sulla tregua.

Secondo un alto funzionario di Hamas, Khalil al-Hayya, la proposta prevede tre fasi, ciascuna della durata di 42 giorni, tra cui il completo ritiro israeliano dalla Striscia di Gaza, il ritorno degli sfollati e lo scambio degli ostaggi ancora detenuti a Gaza e i palestinesi. Prigionieri detenuti da Israele ai fini di un “cessate il fuoco permanente”.

Il segretario generale dell’ONU ha invitato Israele e Hamas a “fare gli ulteriori sforzi necessari” per raggiungere una tregua, secondo il suo portavoce.

READ  La Russia afferma di aver intercettato due aerei della NATO sul Mar Baltico
” è tempo “

In Israele, il Families Forum, un’associazione di parenti degli ostaggi, ha stimato che “è giunto il momento per tutte le parti interessate (…) di trasformare questa opportunità in un accordo sulla restituzione di tutti gli ostaggi”.

“Il “sì” di Hamas aumenterà la pressione su Israele (…) affinché raggiunga un accordo”, ha affermato Merav Zonszin, analista dell’International Crisis Group (ICG).

A Rafah, che è diventata un rifugio per più di un milione di persone, la maggior parte delle quali sfollate, lunedì sera si sono viste scene di gioia e spari in aria dopo l’annuncio della tregua da parte di Hamas.

Sabato al Cairo sono iniziati negoziati indiretti guidati da Qatar, Stati Uniti ed Egitto con l’obiettivo di raggiungere una tregua legata alla liberazione degli ostaggi detenuti a Gaza in cambio di prigionieri palestinesi, ma si sono conclusi domenica senza alcun progresso.

  • Ascolta il notiziario Impara tutto in 24 minuti Mentre Alexandre Moranville e Mario Dumont tornano ai momenti chiave della notizia attraverso QUB :


Hamas ha chiesto un cessate il fuoco definitivo mentre Israele si è detto determinato a distruggere il movimento palestinese che detiene il potere a Gaza dal 2007 e che Israele, Stati Uniti e Unione Europea considerano un’organizzazione terroristica.

Nonostante le obiezioni internazionali, Benjamin Netanyahu ha promesso di lanciare un attacco a Rafah, qualunque sia l’esito dei negoziati, e l’esercito israeliano ha sottolineato lunedì che è necessario “distruggere gli ultimi quattro battaglioni” di Hamas.

Da questo punto di vista, ha affermato di aver avviato “un’operazione su scala limitata per evacuare temporaneamente le persone che risiedono a est di Rafah” e ha stimato il numero di persone coinvolte in “circa 100.000”.

“Orrore e panico”

Nei volantini lanciati nei quartieri orientali di Rafah, l’esercito israeliano avvertiva che si stava “preparando ad agire con la forza contro le organizzazioni terroristiche” e chiedeva ai residenti di “evacuare immediatamente nell’area umanitaria ampliata di Al-Mawasi, a una decina di chilometri da Rafah”.

READ  Gli avvocati di Trump abbandonano la sua difesa in un processo di impeachment

“I residenti se ne vanno in uno stato di terrore e panico”, ha detto all’AFP Osama Al-Kahlot, un funzionario della Mezzaluna Rossa palestinese a est di Rafah, aggiungendo che le aree designate ospitano circa 250.000 persone.

Successivamente ha aggiunto che “migliaia” avevano lasciato Rafah orientale.

I residenti hanno riferito all’Agence France-Presse di aver appreso la notizia dopo una notte di raid israeliani. Alcuni raccoglievano i loro averi nelle tende, inzuppate dalla forte pioggia, o li ammassavano nei rimorchi.

Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato che “l’evacuazione di massa” di una parte della popolazione è “impossibile” da effettuare in modo “sicuro”, mentre l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha considerato l’ordine di evacuazione” disumano.”

Washington, Riyadh, Amman e Parigi hanno ribadito la loro opposizione all’attacco a Rafah.

Lunedì, in un’intervista telefonica, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ribadito a Netanyahu la sua “posizione chiara” contro qualsiasi attacco a Rafah, secondo la Casa Bianca.

“inaccettabile”

Questo ordine di evacuazione a Rafah “preannuncia il peggio: più guerra e carestia”. Ciò è inaccettabile”, ha affermato il capo della diplomazia dell’Unione europea, Josep Borrell.

Il Programma Alimentare Mondiale ha recentemente avvertito che il nord della Striscia di Gaza sta affrontando una “vera carestia” che sta avanzando verso i territori palestinesi meridionali.

L’Autorità Palestinese, che ha sede nella Cisgiordania occupata, ha invitato Washington a prevenire un “massacro”.

Dopo l’annuncio di Hamas, l’esercito israeliano, che ha dichiarato di aver colpito più di “50 obiettivi terroristici” a Rafah lunedì, ha affermato di mantenere la sua richiesta di evacuazione.

Secondo l’esercito israeliano, ad Al-Mawasi sono stati allestiti “ospedali da campo, tende e quantità crescenti di cibo, acqua, medicine e altri rifornimenti”.

READ  Venezuela | L'opposizione accusa Maduro di vendere illegalmente riserve auree

Ma i residenti e le organizzazioni umanitarie descrivono aree già densamente popolate o distrutte dopo sette mesi di guerra.

” Dove andare? “

“Io e la mia famiglia, 13 persone, non sappiamo dove andare”, dice Abdul Rahman Abu Jazar, 36 anni. In questa zona manca “lo spazio per allestire tende o scuole per ripararci”.

“L’area è già satura e priva di servizi di base”, ha affermato Jan England, direttore del Norwegian Refugee Council (NRC), una ONG.

Domenica, quattro soldati israeliani sono stati uccisi dai razzi lanciati da Rafah orientale intorno a Kerem Shalom, il principale punto di ingresso degli aiuti umanitari da Israele a Gaza.

Il braccio armato di Hamas ha rivendicato la responsabilità della sparatoria, spingendo Israele a chiudere il valico, mentre gli aiuti internazionali affluivano nella zona assediata.

Lunedì Netanyahu ha detto a Biden che avrebbe assicurato che “il valico di Kerem Shalom sia aperto per l’assistenza umanitaria a coloro che ne hanno bisogno”, secondo la Casa Bianca.

La guerra è scoppiata il 7 ottobre quando i commando di Hamas, infiltratisi da Gaza, hanno lanciato un attacco nel sud di Israele, uccidendo più di 1.170 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un rapporto dell’AFP compilato sulla base di dati ufficiali israeliani. Secondo l’esercito, più di 250 persone sono state rapite e 128 rimangono prigioniere a Gaza, 35 delle quali sono morte.

Secondo il Ministero della Sanità di Hamas, le rappresaglie israeliane hanno finora provocato la morte di 34.735 persone nella Striscia di Gaza, la maggior parte dei quali civili, di cui almeno 52 in 24 ore.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *