Colombia: questo ex generale pianta alberi per farsi perdonare più di 300 omicidi

Colombia: questo ex generale pianta alberi per farsi perdonare più di 300 omicidi

L’ex generale colombiano Henry Torres siede su una piccola panchina, prendendosi un momento per riposarsi dal suo lavoro. Piantare alberi fa ora parte della sua punizione per i 303 omicidi compiuti sotto il suo comando.

• Leggi anche: Gli esperti avvertono che uno dei rari ghiacciai della Colombia è a rischio

“Non stiamo solo ripristinando l’ecosistema, ma stiamo anche cercando di ridurre al minimo i danni che abbiamo causato”, afferma l’ex comandante 61enne responsabile di centinaia di esecuzioni utilizzate dai militari per gonfiare i risultati elettorali. Conflitto armato.

Dopo essere stato licenziato dalle forze armate per questi crimini, indossa abiti da lavoro come qualsiasi impiegato dell’asilo dove lavora, vicino alla capitale Bogotà.




Agenzia di stampa francese

La Colombia sta sperimentando un programma unico di giustizia riparativa, chiamato “Coltivare la pace”, che prevede punizioni alternative alla reclusione per i principali responsabili di crimini di guerra.

A seguito dello storico accordo di pace del 2016 con i guerriglieri delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), questa iniziativa, alla quale hanno partecipato 46 ex soldati, suscita sfiducia tra alcune vittime.

“Piantare alberi… è del tutto insufficiente, è una specie di presa in giro”, dice Margarita Arteaga, il cui fratello è stato ucciso nel 2007 da uomini in uniforme militare, che lo presentavano come un criminale ucciso durante una presunta sparatoria.



Colombia: questo ex generale pianta alberi per farsi perdonare più di 300 omicidi

Agenzia di stampa francese

Tra il 2002 e il 2008, secondo l’Autorità Giudiziaria Speciale per la Pace (JEP), istituita per giudicare i peggiori crimini del conflitto, i militari hanno giustiziato circa 6.400 persone perché presentate come criminali o ribelli.

READ  Incendi boschivi: la Colombia chiede aiuto internazionale

“Stiamo cercando di riconciliare la nostra società dopo una guerra molto pericolosa. “È una cosa molto nuova e molto complessa”, dice il suo presidente, Roberto Vidal.

Sotto il sole, decine di uomini ripuliscono un appezzamento di terreno con i machete prima di ripiantarlo. Tra loro c’è l’ex maggiore Gustavo Soto, che nel 2023 affrontò le famiglie di 85 civili uccisi sotto il suo comando nella provincia di Casanare (centro-est). “È stato molto difficile”, ricorda.



Colombia: questo ex generale pianta alberi per farsi perdonare più di 300 omicidi

Agenzia di stampa francese

Perdite in combattimento

All’inizio degli anni 2000, ha partecipato alla lotta contro l’insurrezione lanciata dal governo di destra di Álvaro Uribe (2002-2010).

L’uomo di 52 anni ha detto, mentre cercava di sradicare una scopa spinosa: “Purtroppo, quello che hanno chiesto erano risultati in termini di perdite in combattimento (…) Questa è stata la nostra valutazione da parte dei dirigenti”.

I due ex soldati, Torres e Soto, furono incarcerati per gli omicidi di cui furono ritenuti responsabili. Il PEC ha poi concesso loro la libertà in cambio della loro testimonianza e della partecipazione a tali iniziative.

Lavorano ogni giorno per cinque ore, sotto la supervisione del PEC, tempo che verrà detratto dalla pena detentiva massima di otto anni che il tribunale imporrà loro.



Colombia: questo ex generale pianta alberi per farsi perdonare più di 300 omicidi

Agenzia di stampa francese

Ma per Margarita Arteaga, i soldati “hanno fatto l’affare della loro vita” approfittando di questo accordo. Suo fratello, artigiano e appassionato di punk, aveva 31 anni nel febbraio 2007 quando arrivò nella città petrolifera di Casanare per cimentarsi nella vendita di gioielli.

Un mese dopo, i soldati lo rapirono in un bar e lo giustiziarono in una zona rurale. Ha chiesto di essere colpito frontalmente, è sopravvissuto ed è finito a terra, sua sorella ha appreso dall’assassino durante un’udienza del JEP nel 2023.

READ  Non dimenticare Lenin, questo tiranno

Un portavoce dell’Associazione Casanare Victims for Peace ha detto: “Posso capire il simbolismo degli alberi, ma questo non costituisce un risarcimento”. In particolare, viene messo in dubbio il fatto che gli autori non abbiano confessato gli atti di tortura a cui sono state sottoposte le loro vittime.

Sono in corso altre due iniziative di giustizia riparativa. In uno, i partecipanti ricostruiscono un centro civico indigeno. Nell’aldilà partecipano ad operazioni di sensibilizzazione sul rischio delle mine terrestri.

Ma per Margarita Arteaga bisogna andare oltre, come organizzare visite alle caserme “per dire ai soldati in addestramento cosa hanno fatto e cosa non dovrebbe succedere”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *