Il Cremlino è “preoccupato” per il secondo giorno di una sbalorditiva incursione armata dall’Ucraina

Il Cremlino è “preoccupato” per il secondo giorno di una sbalorditiva incursione armata dall’Ucraina

Il Cremlino ha espresso “profonda preoccupazione” martedì, secondo giorno di un’operazione per contrastare la più grande incursione armata in territorio russo dai tempi dell’Ucraina, segnata da sbarramenti di artiglieria che hanno costretto diverse località all’evacuazione.

• Leggi anche: Russia: attacchi di droni nella regione al confine con l’Ucraina

• Leggi anche: Ucraina: Wagner Group annuncia il ritiro da Bakhmut entro il 1 giugno

• Leggi anche: Zelensky nega l’affermazione della Russia secondo cui Bakhmut sarebbe stato arrestato

La presidenza russa ha anche riconosciuto la necessità di “esercitare maggiori sforzi” per fronteggiare queste incursioni, mentre il moltiplicarsi degli attacchi alle terre russe mette in discussione la solidità delle difese di Mosca, in un momento in cui Kiev si dice pronta a sferrare un grande attacco.

In Ucraina, dove le autorità hanno negato qualsiasi coinvolgimento nell’operazione rivendicata da gruppi di combattenti russi anti-Putin, martedì il presidente Volodymyr Zelensky si è diretto in prima linea nella regione di Donetsk, teatro di pesanti combattimenti.

Ma ovviamente l’attenzione è concentrata sul lato russo del confine, dopo l’incursione di un gruppo armato nella regione di Belgorod lunedì, che ha spinto le autorità a isolare l’area ed evacuare molte delle località bombardate.

I gruppi russi anti-Putin, impegnati da mesi sul fronte ucraino, hanno rivendicato l’attentato e hanno già effettuato operazioni simili, ma su scala ridotta.

“Quello che è successo (lunedì) provoca profonda preoccupazione e dimostra ancora una volta che i militanti ucraini stanno continuando le loro attività contro il nostro Paese”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Ha aggiunto: “Richiede maggiori sforzi da parte nostra, e questi sforzi continuano, e l’operazione militare speciale (in Ucraina) continua in modo che ciò non accada di nuovo”.

READ  Repubblicani “falsi elettori elettorali” | Trump non è incriminato nel procedimento del Michigan

Il governatore di Belgorod Vyacheslav Gladkov ha affermato che le operazioni di “pulizia” continuano. Non è stato subito chiaro se nella zona fossero ancora in corso scontri o se ci fossero ancora combattenti ucraini.

Secondo lui diverse zone, tra cui la cittadina di Gayvoron, capoluogo dell’omonima provincia, sono state sottoposte a “molti” bombardamenti con pezzi di artiglieria, lanciarazzi multipli e droni.

Anche nove distretti sono stati evacuati, ha detto Gladkov, con almeno 12 civili feriti.

In risposta all’incursione, la Russia ha emesso, lunedì, un decreto sul sistema “antiterrorismo”, misura che rafforza i poteri delle autorità per effettuare operazioni armate e controllare i civili o addirittura evacuare la popolazione. Questo sistema è stato utilizzato in Cecenia dal 1999 al 2009.

Martedì, il comitato investigativo russo incaricato delle principali indagini ha annunciato l’apertura di un’indagine su un “atto terroristico”.

Se ci sono stati altri attacchi nelle ultime settimane in questa regione di confine, sono i primi ad assumere questa portata. Questo attacco dimostra anche la permeabilità dei confini della Russia.

Ha rivendicato l’operazione su un canale Telegram presentandosi come appartenente alla “Legion Freedom for Russia”, un gruppo di russi che combatte sul versante ucraino, che aveva già affermato di essere dietro precedenti incursioni nella stessa zona.

Un altro gruppo simile, il Corpo dei volontari russi, prenderà parte all’operazione.

Da parte sua, Kiev ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’incursione. “Non stiamo conducendo una guerra su terre straniere”, ha confermato martedì il viceministro della Difesa ucraino, Jana Malyar, nel tentativo di rimuovere “una crisi interna russa”.

Con un contrattacco ucraino su vasta scala incombente, il territorio russo è stato negli ultimi mesi e settimane bersaglio di un numero crescente di sabotaggi, attentati e attacchi di droni attribuiti a Kiev ma mai pubblicizzati dall’Ucraina, che preferisce invocare le azioni dei rivoluzionari russi.

READ  Il primo scontro a fuoco tra Israele e Hamas dalla tregua a Gaza

Il presidente russo Vladimir Putin non aveva ancora commentato l’incursione di martedì pomeriggio. Lunedì, il suo portavoce ha detto di essere stato informato della situazione.

Lunedì, il Cremlino ha accusato Kiev di essere dietro questa incursione, al fine di “distogliere l’attenzione” dal sequestro della città di Bakhmut, nell’est dell’Ucraina, da parte delle forze russe.

Questo fine settimana le forze russe hanno affermato di aver catturato l’intera città in rovina, che è stata teatro della battaglia più lunga e sanguinosa del conflitto, con entrambe le parti che hanno subito pesanti perdite.

Il signor Zelensky ha negato di aver perso Bakhmut e ha detto che il suo esercito deteneva ancora una piccola area, pur continuando a spingersi attraverso i fianchi russi a nord ea sud della città.

E lo stato maggiore ucraino ha detto, martedì mattina, che “le battaglie per la città di Bakhmut continuano”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *