Come Del Arte vuole sedurre la gioventù urbana

Come Del Arte vuole sedurre la gioventù urbana

Dopo la crisi sanitaria, i tempi sono stati duri per il settore della ristorazione. Del Arte, la catena di ristoranti italiani del Gruppo Rennes Le Daf, non fa eccezione. “Non abbiamo recuperato l’affluenza del 2019 e credo che non la riacquisteremo mai”, afferma Philippe Jean, direttore generale del marchio di 200 ristoranti (franchising al 90%). È vero che le abitudini di consumo sono cambiate con l’avvento del lavoro a distanza e lo sviluppo delle vendite online. Nonostante queste tendenze, insieme a un rallentamento delle aperture di ristoranti, si prevede che il fatturato della catena raggiungerà i 285 milioni di euro nel 2023 e si avvicinerà ai livelli pre-coronavirus. Ciò è dovuto principalmente agli aumenti dei prezzi che si sono resi necessari a causa dell’aumento dei costi delle materie prime e dell’energia.

Per Philip Jean è necessario adattarsi a questa nuova situazione. “Nel 2024 Del Arte compirà 40 anni. Se vogliamo regalarci altri 20 anni dobbiamo trasformarci. La soluzione sul tavolo? Lanciare una caffetteria all’italiana, ma anche i posti a sedere e il takeaway” “Nel menu: birra, vino e cocktail a prezzi competitivi (5€ durante l’happy hour), taglieri e pizza da condividere e trasmissione di eventi sportivi. Abbastanza per attirare i consumatori durante tutta la giornata, non solo a pranzo e a cena, ma per attirare una clientela giovane e urbana, amante dell’after-hour”, spiega Sandrine Brohan, direttore marketing: “L’idea è di non voltare le spalle alle famiglie e ai lavoratori che vengono a pranzo durante settimana, ma anche per aprire le porte ai giovani tra i 20 e i 30 anni”.

La differenza di Wren

Il concetto è stato applicato per la prima volta nella periferia di Tours, nel dicembre 2022, e poi nella regione parigina, lo scorso marzo. Adesso è il turno della Bretagna: a Rennes, il ristorante di Place Charles de Gaulle è stato ridisegnato e trasferito nell’ex Bistrot, altro locale del gruppo Le Duff, situato a pochi metri di distanza. L’inaugurazione è prevista per mercoledì 18 ottobre.

READ  Elezioni in Italia: "Il Pd sta buttando il Paese in...

Altri locali – sostenuti da affiliati e non direttamente da Del Arte, a differenza dei primi tre ristoranti – seguiranno nel 2024: Libourne (33), vicino a Bordeaux, a gennaio; Albi a febbraio; Dorlisheim (67), vicino a Strasburgo.

Riscontro positivo

Secondo Del Arte, il nuovo concept sta dando i suoi frutti: sui tour (fatturato di 1,3 milioni di euro), le vendite di vini e cocktail sono aumentate del 30% e il biglietto medio della sezione ristorazione è superiore del 10% rispetto a quello della rete. “A Rennes contiamo su un fatturato annuo di circa 1,7 milioni di euro”, osserva David Le Combes, direttore delle operazioni del Grand Ouest. Se le vendite saranno stabili sul versante della ristorazione, si prevede che i ricavi aggiuntivi raggiungeranno i 300.000 euro grazie al pub.

Questa esposizione di caffè dovrebbe essere creata ovunque? No, risponde il direttore generale: “Non obbligheremo gli affiliati a aprire un bar se non è rilevante”. Nonostante tutto, secondo Philip Gunn, «la maggior parte della rete ci sta pensando». In Bretagna, Del Arte conta 12 stabilimenti, di cui cinque nella regione di Rennes, due a Saint-Brieuc, uno a Plourmel (56) e tre a Brest.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *