Vaccinazione obbligatoria: “Come un campo di rose pieno di spine”, secondo un avvocato

La linea sottile tra legalità e disuguaglianza nella vaccinazione obbligatoria per tutti, secondo May-Claude Gravel, un avvocato specializzato in diritto del lavoro, è stata trasmessa venerdì a TVA Nouvelles.

• Leggi anche: La vaccinazione è ammessa: quali sono le implicazioni per bar e ristoranti?

• Leggi anche: CEGEP e università: nessuna maschera o spazio in classe presso i CEGEP e le università

• Leggi anche: Passaporto di vaccinazione: “Abbiamo visto abbastanza persone soffrire e morire”, supplica il dott. Simon

“È come bilanciare i vantaggi degli obblighi di vaccinazione obbligatoria con gli svantaggi; stiamo parlando di diritto collettivo contro diritto individuale”, ha affermato Claude Gravel.

L’avvocato ha affermato che i governi dovranno quindi studiare il fascicolo con molta attenzione, poiché molte trappole si profilano all’orizzonte.

«È un po’ come un campo di rose», disse il signor Gravel, «e ci sono molti cardi».

Secondo lui, potrebbe essere più giustificato per una parte della società o per chi ha un determinato lavoro, poiché sarà facile dimostrare che è necessario garantire la sicurezza di una persona.

Nel settore privato, spetta all’imprenditore garantire la responsabilità di mantenere un ambiente di lavoro sicuro per tutti, ma in caso di pandemia il compito è più difficile.

“I datori di lavoro hanno la responsabilità di garantire la sicurezza dei propri dipendenti, quindi come possono trattare con i dipendenti che si attengono semplicemente alla vaccinazione rispetto a quelli che non stanno al passo con il flusso”, ha affermato Gravel.

Sfide in tribunale

Negli Stati Uniti, molte grandi aziende hanno iniziato a richiedere le vaccinazioni per i propri dipendenti. La CNN ha persino licenziato tre persone per essersi rifiutate di ricevere una dose.

READ  Un minuscolo appartamento a New York che costa $ 2.100 al mese dà fuoco a Internet

Secondo l’avvocato, i datori di lavoro potrebbero essere tentati di richiedere la prova della vaccinazione come condizione per mantenere un posto di lavoro. Una procedura che potrebbe comunque essere considerata un modo indiretto di ordinare la vaccinazione dei propri dipendenti.

“La scelta della vaccinazione è e dovrebbe essere una scelta libera e volontaria. Pertanto, dal momento in cui un datore di lavoro intraprenderà un percorso tortuoso per raggiungere l’obiettivo della vaccinazione, ciò potrebbe essere contestato”, ricorda l’avvocato.

Tutti i cittadini hanno il diritto di rifiutare la vaccinazione per motivi personali, medici o religiosi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *