Uno studio ha rivelato che le dimensioni del cervello umano sono diminuite del 10%.

Uno studio ha rivelato che le dimensioni del cervello umano sono diminuite del 10%.

Secondo un recente studio, il cervello umano si è ridotto di dimensioni, perdendo l’equivalente di un limone, dalla fine dell’ultima era glaciale.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Ecology and Evolution, un team di ricercatori americani ha utilizzato dati su esemplari fossili antichi e moderni per determinare la quantità di perdita di materia grigia avvenuta tra 3.000 e 5.000 anni fa.

Gli scienziati considerano questo periodo un periodo di prosperità per le antiche civiltà del Nord Africa, del Medio Oriente e del Sud America, dove sorsero “società cooperative complesse”.

I ricercatori hanno concluso che il cervello umano è rimasto della stessa dimensione negli ultimi 150.000 anni, con un volume medio di circa 1.450 centimetri cubi, un volume che è diminuito di circa il 10% nelle ultime migliaia di anni.

“Abbiamo perso tessuto cerebrale delle dimensioni di un limone, non stiamo parlando di una fetta piccola”, ha detto al Wall Street Journal Jeremy De Silva, professore di paleoantropologia al Dartmouth College.

“La maggior parte delle persone crede che lo sviluppo del cervello avvenga in modo lineare. Si precipita, raggiunge i plateau e si ferma”, ha spiegato il professore ai media americani, citando la rivista “Geo”.

READ  38 giorni in modalità sopravvivenza Amazon

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *