La Corte d’Appello dell’Arizona sospende le restrizioni all’aborto

(Phoenix) La Corte d’Appello dell’Arizona venerdì ha ribaltato una sentenza del tribunale di grado inferiore che consentiva l’immediato ripristino di una vecchia legge statale che criminalizzava quasi tutte le interruzioni di gravidanza.

Inserito ieri alle 21:42.

Bob Christie
Agenzia di stampa

Con questa decisione, la Corte d’Appello ammette nuovamente l’aborto in Arizona a determinate condizioni. In effetti, per ora, fino a quando non si pronuncia la Corte Suprema statale.

La giuria di tre giudici si è schierata con Planned Parenthood, che ha sostenuto che il giudice del processo non avrebbe dovuto revocare l’ingiunzione pluridecennale che bloccava l’applicazione di questa legge.

In una decisione scritta dal giudice Peter J. La Corte Suprema degli Stati Uniti nel caso Roe v. Wade dal 1973.

Tra queste leggi successive, la più recente è entrata in vigore il mese scorso e vieta l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza.

Lo scorso giugno, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la famosa sentenza che aveva concesso alle donne il diritto costituzionale all’aborto per quasi 50 anni. Quindi il procuratore generale dell’Arizona, il repubblicano Mark Brnovich, ha colto l’occasione per chiedere al tribunale di sospendere l’ingiunzione che impediva l’applicazione della vecchia legge che vieta l’aborto. Il giudice Kelly Johnson ha accettato di intervenire a suo nome il 23 settembre e ha presentato l’ingiunzione due settimane prima.

Le cliniche specializzate hanno smesso di praticare aborti in Arizona dopo la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti, ma molte hanno ripreso le operazioni durante l’estate. Sono stati rassicurati dalla decisione di un giudice federale di sospendere una legge che consente accuse penali contro gli operatori sanitari. Tuttavia, dopo la decisione del giudice Johnson, le cliniche hanno chiuso di nuovo.

READ  Australia | Aree allagate ampliate, con nuove evacuazioni previste

Nel caso della Corte d’Appello, i giudici hanno ritenuto che il giudice abbia errato nel limitare la sua analisi alla sola richiesta del pubblico ministero di annullare l’ingiunzione per l’invalidità della Roe v. valle. A loro avviso, avrebbe dovuto tener conto di tutte le altre leggi che regolano l’aborto dal 1973.

La Corte d’Appello terrà una nuova udienza la prossima settimana per determinare se fissare una tempistica accelerata per ascoltare l’appello completo di Planned Parenthood nel caso.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.