Una nuova specie di uomo preistorico ci è più vicina dei Neanderthal

I Neanderthal alla fine non sarebbero stati i cugini più prossimi degli umani moderni. Gli scienziati che hanno analizzato un teschio fossile ritrovato in Cina affermano che apparteneva a una nuova specie di uomo preistorico, meno distante da noi dei Neanderthal.

Il cranio di Harbin è stato particolarmente ben conservato: è un fossile meglio conservato di questo periodo (la media era glaciale), secondo i ricercatori, che hanno pubblicato il loro lavoro venerdì sulla rivista The Innovation. La sua storia risale a circa 146.000 anni fa.

“Secondo le nostre analisi, il gruppo di Harbin è più strettamente correlato all’Homo sapiens che ai Neanderthal”, Chris Stringer, paleoantropologo del London Museum of Natural History e uno dei coautori dello studio. “Cioè, Harbin ha condiviso con noi un antenato comune più recente dei Neanderthal.”

Il genere Homo comprende molte specie estinte, inclusi i Neanderthal, così come la nostra stessa specie, l’Homo sapiens, l’unica specie che ora vive sulla Terra.

La nuova specie è stata chiamata Homo longi, che letteralmente significa “uomo drago”, e deriva dal nome della provincia in cui è stata trovata.

Il teschio fu scoperto nel 1933 da un uomo impiegato dai giapponesi che poi occupò l’area mentre costruiva un ponte vicino alla città cinese nord-orientale di Harbin.

Comprendendo il valore della sua scoperta e riluttante a cadere nelle mani dei giapponesi, Zijun Ni ha detto all’AFP che l’uomo “ha deciso di nascondere il teschio in un pozzo per molto tempo”.

Dopo aver appreso il suo segreto decenni dopo, i discendenti di quest’uomo hanno finalmente donato il suo teschio alla Hebei GEO University nel 2018.

READ  Dreamhack Fortnite rinviato, il 16 aprile, il torneo si svolgerà a maggio - Breakflip

Il teschio a priori è il teschio di un uomo sulla cinquantina, che appartiene a un gruppo di cacciatori.

Le sue ossa della fronte sono piuttosto grandi, così come il naso, l’orbita quasi quadrata e la mascella superiore. Ma è caratterizzato da zigomi piatti e delicati.

“La combinazione di una volta cranica antica, ma massiccia, e una faccia ampia, ma simile a quella dell’Homo sapiens, è sorprendente”, descrive lo studio. Questo osso è “diverso da ogni altro tipo di umano”.

Si presume che questi umani preistorici fossero alti e sterili barre

“Sulla base delle temperature invernali di oggi ad Harbin, penseresti che abbiano sperimentato un freddo più estremo dei Neanderthal”, afferma Stringer. “Questo potrebbe aver richiesto adattamenti fisici e culturali, ma non possiamo dire di più al momento, poiché non ci sono materiali archeologici associati” a questi resti umani di Longi.

I ricercatori hanno studiato la morfologia del cranio isolando circa 600 tratti distintivi e poi, utilizzando un potente computer, hanno confrontato quelli di altre ossa, al fine di costruire una sorta di enorme albero genealogico.

Secondo loro, apparterrebbero a questa nuova specie anche altri esemplari rinvenuti in Asia (Dali, Jinniushan, Hualongdong, Xiahe).

Oltre 100.000 anni fa, molte specie umane coesistevano sulla Terra in Europa, Africa e Asia, inclusi Homo sapiens e Neanderthal.

Chris Stringer ha insistito sul fatto che questa scoperta “stabilisce un terzo lignaggio umano nell’Asia orientale” insieme agli ultimi due “e mostra l’importanza di questa regione nell’evoluzione umana”.

Una domanda che resta da chiarire è se questa linea sia imparentata con i Denisova, un’altra specie che si è evoluta in questo periodo, scoperta solo di recente grazie alle analisi del DNA.

READ  Missioni Xbox Game Pass: guida della settimana del 20 luglio con 355 punti da guadagnare! | Xbox One

“Penso che sia possibile che questo cranio (di Harbin) fosse un Denisoviano (…), ma ci vorrebbe molto lavoro per dimostrarlo”, ha detto il paleontologo.

Si ritiene che anche gli “Uomini Drago” siano stati in grado di incontrare l’Homo sapiens.

“Se gli Harbin hanno formato un gruppo con i Denisova, sappiamo che in realtà si sono incrociati con i Neanderthal e la nostra specie”, ha detto il ricercatore.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.