Taiwan | La Cina promette tolleranza zero per i “separatisti”

(Pechino) La Cina ha promesso, mercoledì, di non lasciare “spazio di manovra” ai sostenitori dell’indipendenza di Taiwan, sottolineando che l'”uso della forza” per riconquistare l’isola è ancora sul tavolo come “ultima risorsa”.

Inserito alle 7:14

Ludovico Eret
Agenzia media francese

Questo nuovo avvertimento arriva dopo le intense esercitazioni militari cinesi svolte nei giorni scorsi intorno all’isola, in risposta alla visita a Taipei, della terza americana in classifica, Nancy Pelosi.

Pechino ha visto la residenza del presidente della Camera dei Rappresentanti come una provocazione, poiché gli Stati Uniti hanno promesso di non avere una relazione formale con il territorio dell’isola rivendicato dalla Cina.

L’Ufficio per gli affari di Taiwan, un’agenzia governativa cinese, ha pubblicato mercoledì un “libro bianco” in cui spiega in dettaglio come Pechino intende prendere il controllo dell’isola, anche attraverso incentivi economici.

“Siamo pronti a creare un ampio spazio (per la cooperazione) per raggiungere la riunificazione pacifica”, afferma il documento.

Ma non lasceremo spazio ad azioni separatiste volte alla falsa indipendenza di Taiwan. »

La Cina considera Taiwan, con una popolazione di circa 23 milioni di abitanti, come una delle sue province, che non è ancora riuscita a riunificarsi con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese (1949).

Per sette decenni, l’esercito comunista non è stato in grado di occupare l’isola, che è rimasta sotto il controllo della Repubblica di Cina, il regime che un tempo governava la Cina e ora governa solo Taiwan.

“Linee rosse”

“Non ci impegniamo a rinunciare all’uso della forza”, afferma il Libro bianco di Pechino, il primo sull’argomento dal 2000, prima di esporre le sue osservazioni.

READ  Gabi Pettito è morta soffocata

“La forza può essere usata come ultima risorsa, in caso di forza maggiore. Dovremo prendere misure drastiche di fronte alle provocazioni dei separatisti o delle forze esterne, se superano i nostri limiti”.

Il Libro bianco promette anche prosperità economica dopo la “riunificazione”.

Quindi la Cina suggerisce di rafforzare i legami culturali, in termini di sicurezza sociale e sanitaria o addirittura di promuovere una migliore “integrazione” economica.

Il testo prometteva che “con una patria forte e affidabile, i cittadini taiwanesi saranno più forti, più fiduciosi, più sicuri e più rispettati sulla scena internazionale”.

Alcuni giovani taiwanesi, soprattutto negli ultimi anni, hanno iniziato a sviluppare un’identità diversa da quella della Cina continentale.

Un fenomeno incoraggiato dal Partito Democratico Progressista (PDP, pro-indipendenza) del presidente taiwanese Tsai Ing-wen, salito al potere nel 2016.

A differenza del precedente governo, la sig.io Tsai rifiuta di considerare Taiwan e la Cina continentale come parte di “una Cina”. Una situazione che ha notevolmente deteriorato i rapporti con Pechino.

Nonostante le attuali tensioni, mercoledì il politico dell’opposizione taiwanese Andrew Hsia Lee-Yan si è recato nella Cina continentale dove, dopo la quarantena, deve incontrare imprenditori e studenti dell’isola.

Il capo della diplomazia ed ex capo dell’organismo taiwanese responsabile delle questioni relative alla Cina continentale, il signor Hsia è il vicepresidente del Kuomintang Party (KMT), un altro importante partito taiwanese, che è contrario all’indipendenza e sostiene relazioni pragmatiche. con Pechino.

Visita controversa

Il partito presidenziale di Taiwan mercoledì ha denunciato “non solo scegliere il momento male” ma “inoltre, è un insulto al nostro esercito, che non risparmia sforzi per proteggere il nostro Paese”.

Questa visita “manda un brutto messaggio alla comunità internazionale”, da parte sua, ha denunciato Tsai Ing-wen davanti ai membri del suo partito.

READ  Zelensky accenna a un "approccio radicalmente diverso" a Mosca nei colloqui

La Cina considera il partito del presidente taiwanese un “separatista”, ma anche chiunque si batta apertamente per l’indipendenza o l’indebolimento dell’identità cinese dei taiwanesi.

L’esercito cinese ha condotto la sua più grande esercitazione militare di sempre intorno a Taiwan negli ultimi giorni. Doveva finire domenica, ma è continuato questa settimana.

E l’esercito ha finalmente annunciato, mercoledì, che “tutti i compiti sono stati completati”, riferendosi alla loro fine.

Taiwan ha tenuto le proprie esercitazioni martedì per provare una risposta a un attacco cinese.

Tsai Ing-wen e DPP […] Taiwan si sta spingendo verso l’abisso del disastro. Finiranno inchiodati al repertorio della storia! In una dichiarazione mercoledì, Tan Kefei, portavoce del ministero della Difesa cinese, ha criticato.

Le relazioni (tra Pechino e Taiwan) affrontano nuovamente due opzioni per il futuro. Spetta alle autorità di Taiwan prendere la decisione giusta sulla direzione da prendere. »

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.