Il Pentagono non ha intenzione di distruggere il missile cinese fuori controllo

Il capo del Pentagono Lloyd Austin ha sottolineato giovedì che non c’è alcun piano per distruggere il missile cinese, che dovrebbe questo fine settimana restituire un ingresso incontrollato nell’atmosfera, mentre critica a metà Pechino per averne perso il controllo.

Leggi anche: Un missile cinese ritorna incustodito sulla Terra questo fine settimana

“Secondo le ultime stime che ho visto, sarà l’8 o il 9 maggio”, ha detto in conferenza stampa il segretario alla Difesa degli Stati Uniti.

Ha aggiunto: “In questa fase, non abbiamo intenzione di distruggere il missile”. “Speriamo che si trovino in un posto dove non danneggino nessuno, nell’oceano o in un posto simile, lo speriamo”.

La Cina la scorsa settimana ha lanciato il primo dei tre componenti dalla sua stazione spaziale CSS, alimentata da un missile Long March 5B. È il corpo di questo missile che atterrerà nei prossimi giorni e nessuno sa dove.

Dopo aver separato il modulo spaziale, il lanciatore ha iniziato a orbitare attorno al pianeta in un percorso irregolare, perdendo lentamente quota, facendo qualsiasi previsione sul suo punto di ingresso nell’atmosfera, e quindi sul suo punto di caduta, quasi impossibile.

Probabilmente si decomporrebbe entrando nell’atmosfera, lasciando solo limitati detriti da frantumare. E se rimane intero, e il pianeta è composto per il 70% da acqua, ci sono buone probabilità che il missile venga danneggiato in mare, ma senza certezza. Quindi potrebbe entrare in collisione con un’area popolata o su una nave.

Senza nominare le autorità cinesi per nome, Austin ha lasciato intendere che il lancio del missile cinese non era stato pianificato con sufficiente cura.

READ  Saudi Crown Prince Mohammed bin Salman warns Biden

“Questa è la prova del fatto che, per quelli di noi che lavorano nello spazio, c’è – o dovrebbe essere – l’obbligo di operare in modo sicuro e ponderato e di tener conto di tutto questo quando si pianificano le operazioni”, ha aggiunto. .

Non è la prima volta che la Cina ha perso il controllo di un veicolo spaziale al suo ritorno sulla Terra. Nell’aprile 2018, il laboratorio spaziale Tiangong-1 si è disintegrato al suo ritorno nell’atmosfera, due anni dopo che era fuori servizio. Le autorità cinesi hanno negato che il laboratorio fosse sfuggito al loro controllo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.