Stupido addio grande vincitore del 46 ° Cesar Awards

(Parigi) Venerdì, il Kaiser è stato incoronato re dell’umorismo acido e dell’assurdità Albert Dupontel Arrivederci, sciocchiAl termine di una serata segnata dalle grida di aiuto del settore culturale e dal desiderio di celebrare la diversità.




Francois Baker
France Media

Sette premi in totale: Albert Dupontel, che ha vinto per la prima volta, a 57 anni, Miglior film, è il più grande vincitore in quel 46H Sullo sfondo della pandemia.

Questa commedia dell’attore e regista, uscito dalla sua assenza venerdì sera all’Olympia, ha vinto anche il Cesar Award come miglior regista, per il ruolo del non protagonista (Nicholas Marie) ed è stata scelta dagli studenti delle scuole superiori.

Forse la grande delusione della serata è Emmanuel Moreh, che ha iniziato come uno dei preferiti con le sue 13 citazioni Le cose che diciamo, le cose che facciamo E lasciato a mani vuote, proprio come François Ozon (Estate 85), Abituato a chiamarlo e … lasciandolo a mani vuote.

FOTO BERTRAND GUAY, agenzia di stampa francese

Laure Calame

Per quanto riguarda gli artisti, Laure Calamy è stata premiata Antonietta in sette Il suo carattere di escursionista alle prime armi, accompagnato da un asino, ha incantato la folla tra gli sposi.

Vento del cambiamento

Sami Bouajila, ha vinto il Cesar Award come miglior attore per FiglioDi Mehdi Barsawi, nel ruolo del padre combattuto. “Ho spesso l’impressione che i ruoli ci scelgano più di quanto scegliamo”, ha detto dopo aver ricevuto il suo premio, spiegando come le riprese nel deserto tunisino gli abbiano ricordato le storie d’infanzia di suo padre.

FOTO DOMINIQUE CHARRIAU, agenzia di stampa francese

Sami Bouajla

Succede a Rushdi Zem, che è stato incoronato lo scorso anno. Presidente di quest’anno di un tanto atteso partito sui temi della diversità, quest’ultimo ha inaugurato i festeggiamenti sottolineando che “la professione sta cambiando.[ait] ».

Anche i primi premi hanno visto subito un cambio di epoca in quanto Jean Pascal Zadi e Fethiye Youssef, due attori neri, hanno incoronato le migliori speranze.

Il primo, Best New Male, è lo scrittore e co-regista (con John Wax) e attore principale per Semplicemente neroCommedia che attacca i cliché razzisti. Questo UFO cinematografico, che secondo lui è “soprattutto l’umanità”, è apparso sugli schermi.

Ricevendo il suo premio, Jean Pascal Zade, ha citato il pensatore Franz Fanon: “Spetta a ogni generazione trovare, realizzare o tradire il suo messaggio”.

FOTO BERTRAND GUAY, Associated Press

Jean Pascal Zade

Per The Césars, istituzione di spicco del cinema francese, a lungo minato da accuse di autostima e offuscamento, terminate lo scorso anno durante l’incoronazione di Roman Polanski, l’appuntamento è molto simbolico.

Tanto più che è arrivata dopo la vittoria di Fathia Youssef, incoronata a soli 14 anni Attraente, Un film sull’adolescenza a Parigi, tra tradizioni familiari poligame senegalesi e reti sociali.

D’altra parte, la parità rimane l’orizzonte lontano nei grafici.

“Siamo completamente nudi”

Oltre a queste domande, la preoccupazione maggiore della serata è stata chiaramente la crisi sanitaria, e il teatro è servito in diverse occasioni come piattaforma per esprimere la disperazione del mondo culturale.

« Nessuna cultura, nessun futuro Sulla pancia, “Ridateci arte, jeans” sul retro: l’attrice Corinne Massiero, il soprannome del Capitano Marlowe sul piccolo schermo, ha fatto impressione togliendosi un costume di pelle d’asino insanguinato e si è ritrovata completamente nuda sul palco per ordine per presentare il premio per il miglior costume.

FOTO BERTRAND GUAY, Associated Press

Corinne Massiero (a sinistra) con la padrona di casa Marina Foss

“Ora, siamo così”, ha detto, completamente nuda, ha usato assorbenti interni nelle orecchie e in particolare vuole supportare la visione intermittente.

READ  Human Rights Watch accusa Israele e Hamas di aver commesso "crimini di guerra" nel conflitto di Gaza

“I miei figli possono andare a Zara e non al cinema … È incomprensibile! Abbiamo bisogno di una volontà politica perché il cinema continui a svilupparsi. Devi assumerti questa responsabilità come ministro”, ha dichiarato anche Stefan Demostier, che ha ottenuto Cesar per il miglior adattamento di La Ragazza Con Il BraccialettoInformazioni sul ministro della Cultura Roselyn Bashlow.

Questa persona, che è presente, ma non nella stanza a causa del protocollo sanitario, ha inviato al suo arrivo un “messaggio di speranza”: “Stiamo costruendo con la Striscia di Gaza le condizioni per la riapertura delle stanze”, ha era assicurato.

46H Il concerto di Cesar è stata anche l’occasione per onorare gli artisti in ritardo, tra cui Jean-Pierre Bakri, scomparso a gennaio. Storia Per ritrovare un po ‘di senso di festa, la squadra di Splendid è stata premiata con la memoria di Cesar.

I vincitori

il miglior film: Arrivederci, sciocchiDi Albert Dupontel

Miglior regista: Albert Dupontel Arrivederci, sciocchi

Miglior attrice: Laure Calamy, in Antonietta in sette

Miglior attore: Sami Bouajila Figlio

Miglior attrice non protagonista: Emily Deakin, vs. Le cose che diciamo, le cose che facciamo

Miglior attore non protagonista: Nicholas Marie, in Arrivederci, sciocchi

Miglior attrice promettente: Fathia Youssef In Attraente

Miglior esordiente: Jean Pascal Zade, in Semplicemente nero

Miglior opera prima: Loro chi sonoScritto da Filippo Meneghetti

Miglior sceneggiatura originale: Albert Dupontel Arrivederci, sciocchi

Miglior modifica dello schermo: Stéphane Demoustier, per La Ragazza Con Il Braccialetto

Miglior musica originale: Rone, per In serata

Miglior film straniero: ubriacoDi Thomas Winterberg

Miglior film d’animazione: JosepDa Uriel

READ  Hungary gives its first vaccine a day before the European Union launch

Miglior film documentario: AdolescentiDi Sebastian Lifshitz

Miglior scenografia: Carlos Conti, per Arrivederci, sciocchi

Miglior costume: Madeleine Fontaine per la buona moglie

Cesare è uno studente delle superiori: Arrivederci, sciocchiDi Albert Dupontel

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *