Sci alpino | Henrik Kristoffersen vince a Garmisch

(Garmisch-Partenkirchen) Mercoledì il norvegese Henrik Christophersen ha confermato il suo dominio su Garmisch-Partenkirchen sorvolando lo slalom notturno, la sua terza vittoria sul “Godeberg” come prima di lui il brillante italiano Alberto Tomba, e il suo primo successo stagionale dopo aver ottenuto quello che esisteva da poche settimane.


In condizioni estremamente difficili su neve salata e temperature primaverili nel primo round, Henrik Kristoffersen ha superato la concorrenza di oltre un secondo dopo due sorpassi.

Per scolpire parte della sua piccola sfera di cristallo la scorsa stagione, Christo ha vinto le due gare di slalom disputate a Garmisch-Partenkirchen a fine febbraio 2022, dopo le Olimpiadi. Basti dire che apprezza questo percorso viste le condizioni e le temperature miti.

Vincendo per la terza volta, entra a far parte della leggenda delle zeppe strette, l’italiano Alberto Tomba, l’unico che finora è salito tre volte sui gradini più alti del podio (1993, 1994, 1995) ai piedi del Gudiberg.

“In queste condizioni è molto, molto forte. Nelle condizioni che avevo oggi e nello stato d’animo in cui mi sono trovato non potevo andare a prenderlo”, ha commentato il campione olimpico francese Clément Noel, terzo in gara .

Con la sua prima vittoria stagionale, Kristoffersen ha preso il comando della classifica Specialized, con 220 punti, beneficiando dell’eliminazione nella prima manche del leader pre-gara, il connazionale Lukas Brathen.

L’Autrichien Manuel Feller, deuxième à Garmisch, et le Suisse Daniel Yule, quatrième, passent également devant Braathen, in un classement tres serré allors che il mois di gennaio permettra d’y voir plus clair: cinq nouveaux slaloms sont programmes in moins de trenta giorni.

READ  Coppa del mondo di sci alpino | Sofia Joggia vince la discesa di St. Moritz nonostante le dita rotte

“Non solo un grembiule.”

“Tre secondi posti consecutivi, cinque podi, una vittoria, con il nuovo equipaggiamento, non è poi così male”, ha commentato Kristofferson dopo la gara.

A metà dicembre in Italia è arrivato secondo nello slalom gigante dell’Alta Badia e nello slalom notturno di Madonna di Campiglio, prima di poter finalmente alzare le braccia a Garmisch.

“Ho davvero usato il pettorale nella prima manche”, ha ammesso Kristofferson, che è partito primo su una pista che si è rapidamente deteriorata. Ma nella seconda manche, ha continuato ad estendere il suo vantaggio su Feller a 1 secondo 22.

“Non sono un cattivo pattinatore, quindi non credo sia stato solo il pettorale a permettermi di vincere”, ha aggiunto sorridendo.

La tappa successiva, tempo permettendo, passerà per Adelboden e “Chuenisbärgli”.

Lì tra i sit-up stretti ha vinto due volte, l’ultima delle quali risale a sei anni fa già nel 2017, un anno dopo il suo primo successo nell’Oberland bernese.

L’obiettivo è anche quello di potenziare i mondi di Courchevel-Merbel a metà febbraio.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *