Primo ambasciatore canadese in Cina

(Ottawa) L’ambasciata canadese in Cina avrà presto un nuovo inquilino: il governo Trudeau ha consegnato le chiavi a una diplomatica di carriera, Jennifer May, che sarà la prima donna a ricoprire questa posizione chiave. Una volta sistemate le sue borse, intende visitare lo Xinjiang per vedere con i suoi occhi come vengono trattati gli uiguri lì.

Inserito alle 7:00

Melanie Marquez

Melanie Marquez
Giornalismo

Il diplomatico ha conseguito una laurea presso l’Université Laval, parla un francese impeccabile e ha più di tre decenni di esperienza in missioni canadesi a Hong Kong, Thailandia, Germania, Brasile e Cina.

Dice che qualcuno il cui profilo differisce notevolmente da quello degli ultimi due di Justin Trudeau per questo incarico – John McCallum, un ex ministro liberale, e Dominic Barton, un ex consulente del McKinsey – spera di arrivare a Pechino “il prima possibile”. nell’intervista.

L’origine e i miei occhi sono spalancati. Non siamo nella stessa situazione di tre o quattro anni fa. Abbiamo avuto un’esperienza molto difficile [avec l’emprisonnement des deux Michael]. Quello che cerco è di avere un dialogo diretto, chiaro e franco con la Cina su tutte le questioni.

Jennifer May, ambasciatrice canadese designata in Cina

Problemi come i diritti umani nello Xinjiang, dove Jennifer May intende andare.

“Questo fa parte dei miei piani”, dice.

“Sono stato responsabile dei fascicoli sui diritti umani quando sono stato in Cina tra il 2000 e il 2004. Ho viaggiato in Tibet e in tutto il Paese, ma sfortunatamente non ho avuto l’opportunità di andarci in quel momento”, continua il diplomatico, che anche parla mandarino.

La Camera dei Comuni ha approvato una mozione conservatrice nel febbraio 2021 che riconosceva l’esistenza di un genocidio contro gli uiguri, ma i membri del gabinetto di Trudeau si sono astenuti.

READ  La guerra in Ucraina | Vitali Klitschko chiede più aiuto

Ai primi di settembre, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha pubblicato un rapporto accusando Pechino di “gravi violazioni dei diritti umani” e persino di “crimini contro l’umanità”.. il posto di questa minoranza.

È un rapporto di base. In qualità di ambasciatore in Cina, continuerò a cercare di contrastare queste misure […] e continuare le misure come il divieto di importazione di prodotti che provengono dal lavoro forzato”, commenta la sig.io maionese.

relazioni strette

I disaccordi sulle relazioni sino-canadesi sono stati frequenti negli ultimi anni. Il governo Trudeau voleva avvicinarsi al Regno di Mezzo quando è salito al potere nel 2015, arrivando persino a gettare le basi per un accordo di libero scambio, ma non ne è venuto fuori nulla.

Il caso di Meng Wanzhou, arrestato in Canada per volere degli Stati Uniti, ha avvelenato quella relazione, ha portato all’arresto arbitrario di Michael Kovrig e Michael Spavor e all’imposizione di sanzioni commerciali sulle importazioni di canola e carne bovina.

Di recente, Ottawa ha bloccato l’accesso a Huawei per l’implementazione della rete 5G.

Il governo cinese non era soddisfatto di questo.

“Spetta anche a loro decidere [quelle sera la relation]. Ma discuteremo quando sarà necessario farlo […] Ma, inoltre, coopereremo, ad esempio nel settore ambientale, che è necessario, e penso che i cinesi cercheranno di collaborare con noi su questo tema”, sostiene Jennifer May.

Strategia indo-pacifica

L’ambasciatore designato arriva per la carica di ministro degli Esteri canadese, Melanie Jolly, e sta lavorando all’attesissima strategia indo-pacifica del Canada, che dovrebbe essere nota entro la fine dell’anno, secondo le nostre informazioni.

READ  Putin si lamenta con Erdogan per aver fornito all'Ucraina droni turchi

È chiaro che la Cina, il paese più grande dell’Asia, avrà una posizione chiave nella strategia. Non solo per questo, ma perché è un partner importante per altri paesi della regione”, osserva.

È chiaro che ci sono altri fascicoli che si accumuleranno sull’ufficio dell’ambasciatore nominato, compreso il fascicolo delle divergenze tra la Cina a Taiwan. Su questo, la posizione del Canada non è cambiata: vogliamo una riduzione dell’escalation.

In collaborazione con Joel Dennis Bellavance, Giornalismo

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.