Musica: Benjamin Bewlay, Game, Set and Match

Parigi: Sulla scia del “Grand Prix”, celebre opera, Benjamin Biolay ha pubblicato “Saint-Clair”, un album “Frontal and Rock” immerso nella luce di Sète, una delle sue città preferite dalla “forte identità”.

“Adoro i dittici”, ha ammesso ad AFP, il grande vincitore delle Victoires de la musique 2021, che si è incontrato a Parigi. Nella stessa posizione siede anche sulle copertine di “Grand Prix” (l’artista è un fan della Formula 1) e “Saint-Clair”, il decimo album in programma per venerdì, con il nome tratto da Mont Saint-Clair, punto. Citta incoronazione.

Dopo il ciclo argentino di chi possiede anche una casa a Buenos Aires (album “Palermo Hollywood” e “Volver”) ecco la seconda parte di un periodo elettrico in cui l’amore per gruppi chitarristici come The Strokes si esaurisce.

Questa energia rocciosa è stata amplificata dalla frustrazione causata dalla crisi sanitaria, tra il rinvio del lancio del “Grand Prix” e l’annullamento del previsto primo round per difenderla sul palco.

“La sensazione di essere fuori dai giochi ha innescato un istinto di sopravvivenza quando ho iniziato a riportare le canzoni”, spiega il cantautore, che presto compirà 50 anni.

Il tempo trascorso a provare con i musicisti di teatro del suo dormitorio e poi a suonare quando i concerti sono finalmente ripresi ha spinto “BB” ad abbellire le nuove canzoni nate in studio di “Saint-Clair” con vivace intensità.

creare forza»

“Dopo i 18 mesi di pausa, il chitarrista è cronometrato quando torna in studio; e quando siamo in tour, abbiamo un certo suono, quindi in studio possiamo creare energia senza problemi; la mia voce, per esempio, è caldo, muscoloso.”

READ  Oscar 2021: Migliori nomination per "Mank", "Nomadland" e "Minari"

“Saint-Clair” è ricca di campagna, a cominciare da “Les Joues Roses”. Questo per quanto riguarda il modello. Quanto allo sfondo, il fascino di Sète, “questa città meravigliosa, con un’identità fortissima”, colora parte dei testi.

“Non è un caso che questa città abbia creato tanti artisti, Georges Brassens, Paul Valéry, Jean Vilar, Agnès Varda – Adopted Sitoise – Demi Burton – il rapper che adoro – i fratelli De Rosa, Compass, nati a Lione, ma cresciuti in Cité si dispiega Beolai.

Sulla copertina di “Saint-Clair”, oltre ai seguaci della scherma navale di Sète (con lance e scudi), vediamo una statua riferita a “Sainte-Rita”, uno dei pezzi. “Lei è la patrona delle cause disperate, la più sorprendente nei pensieri e nelle preghiere dall’emergenza sanitaria”, scivola, ancora arrabbiato per il fatto che il settore notturno non sia stato menzionato nelle prediche ufficiali durante la reclusione.

La censura non condivide»

Sulla Santa, “Santa Clara” è un bellissimo duetto con Clara Luciani che evoca “la fine dell’estate tra gli adulti”. Perché a Beaulay le meditazioni sulla fede si dissociano con il loro presunto lato “pagano”.

Se il tandem con Clara Luciani è emozionante, altre canzoni sono ancora più dure, come “Rends l’Amour!” o “numeri magici”.

“Per quanto riguarda le sceneggiature, la censura non era appropriata per questo album se volevamo qualcosa di frontale, roccioso, sudato”, descrive l’artista.

Numéros Magiques dispone anche di tastiere retro-futuristiche in grado di trasformare le sale da concerto in discoteche. Una specie di estensione “discoteca” di Iggy Pop.

Le micro miniature sono sempre presenti anche in Biolay, come nel titolo “(Un) Ravel”. Un’occasione per onorare i compositori classici “Fore, Debussy, Ravel, Paulinck che furono i Beatles in Francia nel XIX e XX secolo” in un’intervista ai compositori classici.

READ  Un progetto di lusso in Italia spolvera il profilo di Crystal Park a Seraing

E per il resto, dove si può piantare il prossimo album? Ci sono diversi percorsi. Ma a volte, quando Biolay si rilassa su una spiaggia di Sète ei suoi pensieri vagano, Mont Saint-Clair assume le sembianze di “Pan di zucchero a Rio”. Conclude: “Se voglio fare qualcosa lì, devo aspettare fino al lancio di Bolsonaro in modo che i miei amici di musica brasiliana tornino a Rio, perché sono esiliati a Los Angeles”.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.