L’inquinamento continua a diminuire in tutto il mondo questa settimana

Le nuove infezioni da Coronavirus questa settimana hanno continuato il loro declino iniziato un mese fa, raggiungendo il livello più basso da ottobre: ​​ecco gli importanti sviluppi settimanali nel mondo, tratti dal database Agence France-Presse.

Un indicatore importante, tuttavia, è che il numero di casi diagnosticati riflette solo una frazione del numero effettivo di infezioni e i confronti tra i paesi dovrebbero essere presi con cautela, poiché le politiche dei test differiscono da paese a paese.

Con 412.700 infortuni giornalieri registrati questa settimana, l’indice continua il suo declino iniziato un mese fa, secondo un rapporto dell’AFP che si è fermato giovedì. Le nuove infezioni hanno continuato a diminuire (-16% questa settimana) da quando sono stati registrati 743.000 nuovi casi giornalieri durante la settimana del 5-11 gennaio. Sono scesi al minimo nella settimana dal 17 al 23 ottobre.

In un mese i nuovi inquinamenti sono stati ridotti a livello globale di quasi la metà (-44,5%). Dall’inizio dell’epidemia, l’indice non ha visto un calo così netto e prolungato.

L’epidemiologo Antoine Flahault (Istituto per la salute globale dell’Università di Ginevra) ha osservato “un relativo declino delle epidemie quasi ovunque nel mondo”, ma ha invitato l’Agence France-Presse a “anticipare i rischi di rimbalzo imparando (…) gli errori del passato ”Qualificazioni estremamente veloci per l’estate 2020 in Europa.

Tutte le regioni del mondo hanno visto un rallentamento questa settimana: -24% negli Stati Uniti / Canada, -20% in Africa, -18% in Asia, -15% in Europa, -10% in America Latina / Caraibi e -2% in Medio Oriente.

Il virus si diffonde raramente in Oceania (12 casi al giorno, -14%).

Questa settimana, i due cali più forti sono stati osservati nei paesi in reclusione: Portogallo (-54%, 4.200 nuovi casi al giorno) e Israele (-39%, 4.400). Il Paese ebraico, che domenica ha avviato il processo di progressivo smantellamento, è anche il Paese con le campagne di vaccinazione più avanzate al mondo: il 44% della sua popolazione ha già ricevuto almeno una dose (il 28% ha ricevuto le due dosi).

READ  Italy faces a political crisis amid a pandemic

Spagna (-39%, 18.300 nuovi casi giornalieri), Sud Africa (-37%, 2.600), Colombia (-35%, 6.300) e Giappone (-35%, 1900).

L’Iraq è il Paese in cui l’epidemia è aumentata (+ 81%, 1.800 nuovi casi al giorno), davanti a Giordania (+ 34%, 1.500), Grecia (+ 29%, 1.100), Ecuador (+ 21%, 1.300)) e Ungheria (+ 16%, 1400).

Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di nuove infezioni questa settimana, con 101.800 nuovi casi registrati giornalmente (-24%), davanti a Brasile (45.400, -6%), Francia (18900, -8%), Spagna. (18.300, -39%) e Regno Unito (15.200, -29%). Ma tutti questi paesi sono in declino.

In percentuale della popolazione, ad eccezione dei paesi piccoli, il Montenegro è il paese con il maggior numero di casi questa settimana (606 ogni 100.000 abitanti), davanti alla Repubblica Ceca (482) e Israele (356).

Gli Stati Uniti hanno registrato il maggior numero di morti la scorsa settimana (2.784 al giorno in media), davanti a Messico (1187), Brasile (1058), Regno Unito (754) e Germania (555).

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *