[À VOIR] Confusione sull’origine del lampo nel cielo di Kiev

[À VOIR] Confusione sull’origine del lampo nel cielo di Kiev

Un lampo nel cielo sopra Kiev mercoledì ha suscitato confusione sulla sua origine, che l’amministrazione cittadina ha inizialmente attribuito a un satellite della NASA abbattuto, prima che l’agenzia spaziale americana affermasse che non era ancora entrato nell’atmosfera in quel momento.

• Leggi anche: La Casa Bianca annuncia un nuovo invio di aiuti militari all’Ucraina

• Leggi anche: Elon Musk amplifica la disinformazione sul suo social network Twitter

• Leggi anche: L’Ungheria estende il divieto sui prodotti agroalimentari dall’Ucraina

“Intorno alle 22:00 (1900 GMT), il bagliore di un oggetto aereo è stato osservato nel cielo di Kiev”, ha detto il capo dell’amministrazione militare della capitale ucraina, Sergei Popko, su Telegram.

Ha aggiunto: “Secondo le informazioni preliminari, questo fenomeno è il risultato di un satellite della NASA che cade sulla Terra”.

Poco dopo, anche l’aeronautica militare ucraina ha affermato che il lampo era “collegato alla caduta di un satellite/meteora”, pur affermando che questo deve ancora essere chiarito.

E l’agenzia spaziale statunitense ha annunciato all’inizio della settimana che il satellite Resi, che pesa circa 300 chilogrammi, tornerà nell’atmosfera mercoledì a un’ora imprecisata.

Ma in una dichiarazione all’AFP, la NASA ha affermato che il suo satellite Resi non era ancora entrato nell’atmosfera al momento del lampo di luce osservato su Kiev.

READ  La caccia alle zebre è improbabile vicino alla capitale degli Stati Uniti

Il Pentagono ha previsto che Reese “rientrerà nell’atmosfera terrestre intorno alle 20:50 di mercoledì (0050 GMT di giovedì) con una finestra di più o meno un’ora”, ha detto la NASA mercoledì.

L’agenzia ha anche affermato: “Nessun altro satellite della NASA è entrato nell’atmosfera prima di oggi (mercoledì)”.

Un giornalista dell’AFP ha visto un lampo nel cielo, che non è stato seguito da un suono.

Il signor Popko ha sottolineato che l’allarme aereo era stato attivato, spiegando che “la difesa aerea non è entrata in vigore”.

La forza ha aggiunto: “I social media si divertono a pubblicare meme sugli UFO, ma per favore non usare il logo ufficiale dell’Air Force per creare meme”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *