Uiguri | Washington denuncia le sanzioni “infondate” dalla Cina

(Washington) Sabato, il capo della diplomazia statunitense Anthony Blinken ha denunciato le sanzioni “infondate” prese dalla Cina contro due funzionari statunitensi nel fascicolo uiguri, sottolineando che ciò aumenterebbe solo “l’interesse internazionale” per il “genocidio” nello Xinjiang.


France Media

“I tentativi di Pechino di intimidire e mettere a tacere coloro che difendono i diritti umani e le libertà fondamentali si aggiungono solo al crescente interesse internazionale per il genocidio in corso e i crimini contro l’umanità nello Xinjiang”, ha detto Blinken in una dichiarazione.

La Cina ha annunciato sabato che imporrà sanzioni a due americani, una commissione parlamentare per i diritti umani canadese e canadese, in risposta alle sanzioni imposte da Stati Uniti e Canada questa settimana per il trattamento riservato da Pechino alla minoranza uigura.

Lunedì l’Unione Europea, la Gran Bretagna, il Canada e gli Stati Uniti hanno adottato sanzioni contro diversi membri della gerarchia politica ed economica nello Xinjiang e la Cina ha risposto con sanzioni contro personalità europee e britanniche.

“Siamo solidali con il Canada, il Regno Unito, l’Unione europea e altri partner e alleati in tutto il mondo nel chiedere alla Repubblica popolare cinese di porre fine alle violazioni e agli abusi dei diritti umani. Contro gli uiguri a maggioranza musulmana e membri di altre etnie e minoranze religiose nello Xinjiang e il rilascio di detenuti arbitrari “.

READ  Stati Uniti: un intruso che si imbarca su un aereo ufficiale in una base militare

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *