L'impatto dell'asteroide potrebbe aver creato un effetto “Terra a palla di neve”.

L'impatto dell'asteroide potrebbe aver creato un effetto “Terra a palla di neve”.

In diversi periodi della sua storia, la Terra è stata quasi interamente ricoperta di ghiaccio, un fenomeno noto come “Terra a palla di neve” che gli scienziati ritengono sia stato causato da un’iniziale esplosione di clima freddo. Ma i processi esatti che portano a queste reazioni positive di raffreddamento sono ancora sconosciuti. Tra le tante ipotesi proposte (aumento dell'albedo, modificazione del ciclo del carbonio, ecc.), un team di ricercatori sembra favorire l'ipotesi dell'impatto di un asteroide, rilasciando enormi quantità di materiale nell'atmosfera e bloccando la radiazione solare.

Questo interesserà anche te

[EN VIDÉO] Il ghiaccio è essenziale per regolare il clima della Terra La glaciologa Heidi Sevestre spiega perché il ghiaccio è così importante per la regolazione del clima globale…

Il modello della “Terra palla di neve” descrive la Terra come quasi interamente ricoperta di ghiaccio, con temperature medie molto più basse di quelle odierne, con ghiaccio rimasto solo ai poli. Questo modello nasce dall'osservazione di depositi di origine glaciale in aree anticamente situate a basse latitudini. Grazie a questi depositi, le cui aree di composizione sono state stimate attraverso misurazioni paleomagnetiche, gli scienziati hanno individuato due episodi principali di fenomeni estremi. GlaciazioneGlaciazione : Il primo avvenne circa 2,25 miliardi di anni fa, durante l'era proterozoica inferiore, e il secondo avvenne tra 720 e 635 milioni di anni fa, durante un periodo chiamato era criogenica.

Molteplici origini possibili

Durante questi episodi, la Terra era ricoperta da uno strato di ghiaccio che arrivava fino alle latitudini tropicali – alcuni scienziati ritengono addirittura che a volte la Terra potesse essere completamente ghiacciata, anche ai tropici. Se esistono diverse ipotesi per spiegare queste condizioni climatiche estreme e temporanee, sembrano tutte concordare sullo stesso punto: il fenomeno della “Terra palla di neve” è causato dalla fuoriuscita di un clima inizialmente freddo. Secondo questo principio, una diminuzione delle temperature medie porta all’espansione delle superfici ghiacciate in tutto il globo. Tuttavia la presenza di ghiaccio in superficie ne aumenta l’efficacia BianchezzaBianchezzaCiò significa che la superficie riflette maggiormente i raggi solari e quindi ne trattiene di meno CaloreCalore. Segue poi A Feedback in loopFeedback in loop Positivamente, poiché l'espansione delle superfici ghiacciate porta ad una diminuzione delle temperature, che a sua volta porta ad un aumento delle superfici ghiacciate… un gruppo di massemasse Continentale al livello dei tropici (che ricevono di più Radiazione solareRadiazione solare Dalle regioni polari) come avvenne durante refrigeratorefrigeratoQuesto fenomeno sembra essere facilitato dall'atrofia, poiché i continenti hanno un'albedo più elevata rispetto agli oceani.

READ  Vincitore della Medaglia d'Argento in Capellier dell'Accademia delle Arti, delle Scienze e delle Lettere

Ogni oggetto riflette parte della radiazione solare che riceve. Più l'oggetto è leggero, più è riflettente: ha un'albedo elevata. ©CEA

Se gli scienziati sembrano concordare sui meccanismi Il riscaldamento globaleIl riscaldamento globale Ciò porta alla fine dei periodi di glaciazioni estreme (episodi vulcanici che portano a grandi cambiamenti). scaricoscarico A Gas serraGas serraCome il Diossido di carbonioDiossido di carbonio o metano), ma le cause del raffreddamento iniziale sono ancora oggetto di dibattito. Tra le tante ragioni proposte troviamo, ad esempio, differenze in Costante solareCostante solare (IL solesole In realtà era un po' meno brillante in passato), e le differenze inRuota in orbitaRuota in orbita Terra, una diminuzione delle concentrazioni di gas serra nell’atmosfera o un’eruzione vulcanica SupervulcanoSupervulcanoemissione Polvere atmosfericaPolvere atmosferica In'AtmosferaAtmosfera Bloccare la luce solare. Ma secondo un team di scienziati, l’ipotesi di A invernoinverno L'effetto successivo sembra il più logico: l'effetto di A asteroideasteroide Nell'atmosfera può essere emessa così tanta polvere che la luce solare non può raggiungere la superficie terrestre. Effetto Chicxulub coinvolto nell'estinzione DinosauriDinosauri 66 milioni di anni fa, associato anche ad un improvviso calo della temperatura.

Un impatto gigantesco come l’inizio di un inverno globale?

Sulla base di questo esempio, un team di ricercatori ha sviluppato un modello degli effetti dell'impatto di un asteroide sul clima terrestre. Presentano i loro risultati sulla rivista Progresso della scienza. Per i loro modelli, hanno applicato le loro stime della risposta climatica post-impatto ChicxulubChicxulub A diversi altri scenari preliminari: uno corrisponde ai livelli atmosferici di anidride carbonica preindustriali (prima del 1850), un altro all’Ultimo Massimo Glaciale (circa 20.000 anni fa) e un terzo ricostruisce le condizioni climatiche prevalenti prima dell’impatto di Chicxulub. Periodo CretaceoPeriodo Cretaceo (Con concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica quattro volte superiori ai livelli preindustriali), quest’ultimo ricrea le condizioni climatiche di 720 milioni di anni fa, prima dell’ultimo episodio della “Terra palla di neve”.

READ  Apple risolve il problema di aggiornamento

Secondo le loro simulazioni, l'impatto di un oggetto di dimensioni simili Macchina da corsaMacchina da corsa De Chicxulub potrebbe aver portato ad un effetto “Terra palla di neve”: questo è infatti ciò che hanno osservato nei loro scenari che modellavano le condizioni climatiche dell’Ultimo Massimo Glaciale e dell’Epoca Criogenica (con, in quest’ultimo caso, concentrazioni atmosferiche di CO2 due volte più elevate come carbonio nell’atmosfera). fino ai livelli preindustriali). Tuttavia, negli scenari preindustriali, della fine del Cretaceo e criogenici, caratterizzati da concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica quattro volte superiori ai livelli preindustriali, la Terra non era completamente ricoperta dal ghiaccio.

Pertanto, il loro lavoro suggerisce che l’impatto di un asteroide potrebbe effettivamente portare a una “Terra a palla di neve”, se si verificasse in condizioni di freddo fin dall’inizio. Ma la loro conclusione sarà definitivamente confermata solo dalla scoperta dei corrispondenti antichi crateri, che, se esistessero, potrebbero oggi essere già erosi e scomparsi.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *