L’avversario russo Navalny è stato accusato di un nuovo reato punibile con la reclusione

Mercoledì, il dissidente russo Alexei Navalny, già incarcerato per frode, è stato incriminato con un altro reato punibile con tre anni di carcere, ha aggiunto la pressione delle autorità in vista delle elezioni legislative di settembre.

• Leggi anche: Le organizzazioni Navalny sono ufficialmente bandite in Russia

L’accusa arriva dopo mesi di sforzi da parte delle autorità russe per liquidare il movimento di Alexei Navalny, le cui organizzazioni sono state dichiarate “estremiste” dai tribunali e bandite, e molti dei loro associati e parenti sono stati presi di mira in vari casi legali.

L’attivista anticorruzione e Cremlino bête noire Alexe Navalny, 45 anni, è ora accusato di “minare l’identità e i diritti dei cittadini” perché il suo Fondo anticorruzione (FBK) “ha incitato i cittadini a commettere atti illegali”, in particolare “invitandoli partecipare ad assembramenti non autorizzati” con esso”.

Secondo il Comitato investigativo russo, l’opponente e i suoi collaboratori “hanno organizzato la pubblicazione di post sulle loro pagine personali su Internet e sulle pagine di FBK (…) invitando i cittadini russi a partecipare a raduni non autorizzati nel mese di gennaio”, quando diversi manifestazioni a sostegno del sig. Navalny hanno avuto luogo contro il suo arresto.

Gli investigatori hanno affermato che Navalny conosceva in anticipo la natura illegale degli incontri.

Da parte sua, la squadra avversaria su Telegram ha denunciato l’accusa “stupida”, invitando nuovamente i russi a “votare in modo intelligente” a settembre dando il proprio voto al candidato migliore per conquistare il potere in assenza di candidati dalla formazione. Dallo sconto n. 1 al Cremlino.

“Nessuno mina l’identità e i diritti dei cittadini come (il presidente Vladimir) Putin stesso e tutti i suoi scagnozzi”, ha detto sarcasticamente la squadra avversaria.

READ  Il primo scontro a fuoco tra Israele e Hamas dalla tregua a Gaza

“Gli unici diritti che vogliamo violare sono quelli (…) che questi ladri si sono inventati: potere illimitato, possibilità di rubare i nostri soldi dal bilancio e non tenere conto dell’opinione dei cittadini”, ha aggiunto. .

Il movimento di Alexei Navalny ha subito pressioni senza precedenti dal ritorno dell’avversario in Russia a gennaio, dopo diversi mesi di convalescenza in Germania per avvelenamento, accusato dal Cremlino.

Le sue organizzazioni sono state liquidate all’inizio di agosto dopo essere state classificate come “estremiste”, i siti web ad essa collegati sono stati bloccati per ordine delle autorità e molti dei suoi dipendenti sono stati oggetto di varie azioni legali che vanno dalla violazione delle “norme sanitarie” al finanziamento di “organizzazioni estremiste”.

Per l’Occidente e le ONG per i diritti umani, coloro che sminuiscono il sistema russo sono vittime di persecuzioni politiche. Anche europei e americani hanno imposto sanzioni ai funzionari russi.

Alexei Navalny è noto per le sue indagini anticorruzione rivolte alle élite e attualmente sta scontando una pena detentiva di due anni e mezzo in una colonia per frode risalente al 2014, che considera politica.

I suoi alleati hanno denunciato tutte queste misure, ritenendole un ostacolo all’attività dell’opposizione, soprattutto in vista delle elezioni legislative di settembre.

A causa del rischio di reclusione, molti dei parenti di Alexei Navalny hanno lasciato il Paese negli ultimi mesi, mentre la repressione ha colpito anche altri oppositori che volevano candidarsi alle elezioni e media indipendenti.

Queste elezioni si svolgono anche sullo sfondo dell’impopolarità del partito al governo Russia Unita, della stagnazione economica, della stanchezza degli elettori e dei ricorrenti scandali di corruzione.

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *