L’Artico | La Russia ostenta il suo modello di base militare anti-NATO

(Land of Alexandra) “Il nemico non passerà!” “Il comandante Ivan Glushenko viene licenziato nel bel mezzo di un luminoso paesaggio bianco. È in questa base ultramoderna, nel profondo dell’Artico russo, che le forze di Mosca si stanno preparando ad affrontare la NATO.


Maxim Popov
France Media

In questa regione strategica ricca di petrolio e gas e che dovrebbe svolgere un ruolo sempre più importante nel commercio globale grazie ai cambiamenti climatici e allo scioglimento dei ghiacci, gli interessi del Cremlino sono in contrasto con quelli di molti altri paesi, Stati Uniti compresi.

Prima del vertice del Consiglio artico, che si terrà giovedì e con la Russia che assume la presidenza di turno, l’esercito russo ha consentito l’accesso a un gruppo di media presso la sua base “artica” nell’arcipelago di Franz Josef.

Qui, a circa 600 chilometri dal Polo Nord, i soldati di Mosca si stabilirono per restare e volevano scoprirlo: in un’area di oltre 14.000 metri quadrati, hanno costruito, sulle rovine di antichi siti sovietici, un complesso in grado di operare in autosufficienza per circa un anno e mezzo.

La base est équipée d’une station d’épuration et de chauffage de l’eau, d’une centrale électrique, mais aussi d’une clinique, d’une salle de sport, d’un cinéma, d’un sauna et d ‘una chiesa. Tutto è collegato a tunnel caldi che consentono a circa 150 soldati di rimanere fuori nel freddo polare, a meno che non sia necessario.

“Nous pouvons comparer ce complexe à une station spatiale, la seule différence étant qu’il ne se trouve pas en orbite mais dans le désert arctique», se félicite le général Igor Tchourkine, l’un des commandants de la flotte du Nord qui occupe Siti.

READ  Il diritto all'aborto | Sabato sono state organizzate centinaia di "Marce delle Donne"

Aereo spia norvegese

A causa dei venti e dell’esposizione a temperature che possono scendere fino a -42 ° C, la base ospita anche un gigantesco aeroporto, da cui due caccia MiG-31 sono decollati a marzo, e hanno potuto attraversare il Polo Nord prima di tornare al arcipelago.

Gli ufficiali di questa struttura militare, situata nell’estremo nord del mondo, hanno anche sfoggiato il loro sistema di difesa costiera, che ha un raggio di 360 chilometri, che ha mostrato la sua “affidabilità” nelle condizioni meteorologiche avverse nell’Artico, secondo il comandante Palabec . Eminov.

Perché in questa regione strategica, le differenze si sono solo intensificate negli ultimi anni tra le forze armate, e sia la Russia che la NATO hanno aumentato il numero di manovre e mostrato pubblicamente le loro ambizioni.

Ivan Glochenko, uno degli ufficiali della base, racconta come i suoi uomini hanno scoperto il giorno prima un aereo da ricognizione norvegese, che si avvicinava da una distanza di cento chilometri senza violare i confini. I russi hanno risposto inviando un aereo ad “accompagnarlo” per qualche ora.

Le forze armate degli Stati Uniti e della NATO erano solite tenere manovre regolari nell’Artico. Non lo vedevamo dalla fine della seconda guerra mondiale “, conferma Alexander Moiseev, comandante della flotta settentrionale.

Parlando da un incrociatore nucleare nel porto di Severomorsk, una città chiusa nell’Artico, ha denunciato le “azioni provocatorie” di Washington nella regione, ei voli dei bombardieri strategici sui confini russi e dei loro sottomarini nel Mare di Barents e al largo della costa. della Norvegia. , Membro della NATO.

La Russia ha notevolmente aumentato la sua presenza militare nella regione negli ultimi anni e la base “Arctic Clover” è solo l’ultimo collegamento. Mosca utilizza il suo ultimo sistema di difesa antiaereo, gli S-400.

READ  Gabi Pettito è morta soffocata

Questo perché il Cremlino spera di diventare la principale potenza militare ed economica lì, approfittando dei vantaggi finanziari del corridoio nord-orientale, una rotta marittima tra l’Europa e l’Asia che si sviluppa con il ritiro dei ghiacci.

Il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov, ha concluso lunedì che l’Artico è una legittima area di influenza per Mosca e ha condannato l ‘”attacco” occidentale nella regione. È previsto un incontro con la sua controparte statunitense giovedì a margine del vertice del Consiglio artico.

Per i soldati di Arctic Clover, le incursioni straniere sono attualmente limitate agli orsi polari. Entro due anni e mezzo, l’agente Sergey Morzayev ha detto di averne incontrati tre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *