La Premier League europea apre i suoi box

La Premier League si è ridotta: l’abbandono dei club inglesi, poi dell’Atletico e poi il fallimento delle tre squadre italiane ha fatto precipitare mercoledì il fallimento di questa competizione dissidente, dopo sole 48 ore di esistenza. Il calcio europeo ora spera di “ricostruire” la sua unità.

Con una trasformazione clamorosa come la sua scissione del lunedì in scena, questo speciale torneo semichiuso, immaginato dai grandi club per sostituire la storica UEFA Champions League, ha perso dieci dei Dodici Separatisti, due giorni dopo il suo lancio!

L’Atletico Madrid, il primo club spagnolo a lasciare, mercoledì mattina ha seguito le orme dei club inglesi. Poi l’Inter ha dato il segnale di ritirare tutti i club italiani. Quindi non resta che Real Madrid e Barcellona non arrendersi in pubblico!

Ciò significa se l’ambizioso tentativo di secessione si è trasformato in un completo fallimento. La Juventus, guidata da Andrea Agnelli, uno dei principali promotori del progetto insieme al presidente del Real Florentino Perez, ha ammesso che la Premier League è ormai “improbabile” che veda la luce.

Alexander Ceferin, presidente della Uefa, ha dichiarato mercoledì che è stato “impressionante realizzare un errore, e questi club hanno commesso un grosso errore”, che ha raddoppiato le minacce contro i separatisti per 48 ore, soprattutto contro Anelli, suo ex amico.

Medio Oriente e Africa trascurano

“Ma ora sono tornati all’ovile e so che hanno molto da offrire non solo per le nostre competizioni, ma anche per tutto il calcio europeo”, ha insistito in un comunicato, dicendo che era pronto a “andare avanti” e “ricostruire l’unità”.

Una mano tesa a questi ricchi club dissenzienti, la cui visione commerciale ha superato in poche ore la massiccia protesta di tifosi, governi, autorità e dei più grandi calciatori.

READ  Krajinovich e Melman sono sopravvissuti

La UEFA potrà contare anche su partner affidabili, nominando mercoledì il presidente del Paris Saint-Germain Nasser Al-Khelaifi presidente della European Club Association (ECA), succedendo ad Andrea Agnelli (Juventus Torino), dimissionario.

Il presidente del Paris Saint-Germain, che è stato già riconfermato martedì come rappresentante dei club europei nel Comitato Esecutivo UEFA, è stato uno dei pochi presidenti di club tra i club più ricchi d’Europa a non partecipare al progetto della Premier League.

Dos au mur, i promotori della Super Ligue ont publié un comunicato appariranno in une mise en pause de leur project, en plein milieu de la nuit en Europe, enonçant qu’ils alleaient «reconsidérer les étapes plus appropriées pour remodeler Il progetto “.

Tuttavia, i club italiani hanno continuato a difendere l’iniziativa, come la Juventus, che si è detta “convinta della correttezza dei presupposti sportivi, commerciali e legali” del progetto. Gli affari della Juventus sono ancora crollati del 13,70% mercoledì alla Borsa di Milano.

Il primo ministro britannico ha particolarmente elogiato l’esito di questa crisi. “Questo è il risultato giusto per i fan, i club e le società di tutto il paese. Dobbiamo continuare a proteggere questo sport nazionale che ci sta a cuore”, ha twittato Boris Johnson.

L’ora della colpa per questi dissidenti pentiti è iniziata. Il proprietario del Liverpool John Henry ha pubblicato un video delle sue scuse, in cui ha detto di essere “l’unico responsabile” della situazione, mentre il suo connazionale Joel Glazer, co-proprietario del Manchester United e l’effimero vicepresidente della Premier League, ha ammesso che lo era ” sbagliato”.

Divisioni

Di notte, anche l’Arsenal ha fatto marcia indietro su Twitter: “Abbiamo commesso un errore e ce ne scusiamo”, ha scritto il club londinese. I giocatori dell’Atletico hanno espresso la loro “soddisfazione” per il ritiro del loro club.

READ  Trump furious not to host golf vs. accountability: New York Times

In attesa di vedere cosa succederà agli ultimi rappresentanti di questa Premier League, Real Madrid e Barcellona, ​​questo sorprendente episodio mette il calcio europeo di fronte alle enormi divisioni che attraversa, tra club ricchi desiderosi di profitti e manutenzione necessaria. Una forma di giustizia e incertezza matematica.

I dissidenti saranno puniti per aver contemplato una simile rivoluzione? Il fix della UEFA Champions League entro il 2024, adottato lunedì, durerà quando non sembra soddisfarli abbastanza, mentre alcuni tifosi lo criticano per la sua difficile lettura?

Ci sono così tante domande che la UEFA, che si riunirà venerdì, dovrà discutere il suo comitato esecutivo, ma ha perso il suo peso negli ultimi anni contro i più grandi.

Con Anthony Lucas a Roma

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *