La guerra tra Israele e Hamas: verso la liberazione di decine di ostaggi in cambio di una tregua?

La guerra tra Israele e Hamas: verso la liberazione di decine di ostaggi in cambio di una tregua?

Sono in corso trattative tra Stati Uniti, Israele e Hamas su un accordo che potrebbe portare ad una prima tregua nel conflitto e al rilascio di decine di ostaggi.

• Leggi anche: I soldati di occupazione ordinano l’evacuazione dell’ospedale Al-Shifa a Gaza entro un’ora

• Leggi anche: Aggiornamento sulla situazione al quarantatreesimo giorno di guerra tra Israele e Hamas

• Leggi anche: Arrivando a Gerusalemme a piedi, le famiglie di ostaggi vogliono “risposte”

Il Washington Post aveva riferito per la prima volta sabato sera che era stato raggiunto un accordo tra le due parti su una tregua di cinque giorni e il rilascio di oltre 50 ostaggi, ma il portavoce della Casa Bianca ha subito indicato in un post sul sito X (ex Twitter ) che le discussioni erano in corso. Ancora in corso.

“Non abbiamo ancora raggiunto un accordo, ma continuiamo a lavorare duramente per raggiungere un accordo”, afferma la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Adrienne Watson.

Secondo le informazioni del Washington Post, che cita fonti vicine alla vicenda, l’accordo agevolato dagli Stati Uniti sarà lungo 6 pagine.

Tutte le parti concordano sulla cessazione delle ostilità per almeno cinque giorni, mentre all’inizio della tregua vengono rilasciati 50 ostaggi e altri in piccoli gruppi ogni 24 ore.

Questa potenziale pausa consentirebbe anche un accesso umanitario duraturo alla Striscia di Gaza dall’Egitto attraverso il valico di frontiera di Rafah.

‘Passo da gigante’

Una potenziale tregua potrebbe avere un impatto significativo sulla sicurezza degli abitanti di Gaza, secondo François Audet, direttore dell’Osservatorio canadese di crisi e umanitario dell’UQAM.

READ  Uno dei fondatori dei talebani a Kabul per colloqui con il governo

“Questo sarà un passo da gigante per proteggere i civili”, ha detto in un’intervista a TVA Nouvelles. È chiaro che la tregua va rispettata. Sapendo che dietro a tutto ciò ci sono gli Stati Uniti, questo è un buon segno che c’è un’enorme pressione internazionale affinché questa tregua abbia luogo”.

Anche se questa tregua non costituisce un cessate il fuoco, Audet ritiene che sarà di buon auspicio.

“È sicuramente un passo avanti verso un possibile cessate il fuoco”, afferma.

Ma per fare questo occorre rispettare questa tregua.

Dice: “Questo tipo di tregua, e l’abbiamo visto in passato ovunque, sia in Afghanistan che in Siria, è una tregua molto fragile”. “Tutte le catene di comando sono coinvolte in questo”.

E continua: “A livello di Hamas ea Gaza, ci sono diversi gruppi coinvolti e non necessariamente nella stessa catena di comando”. Pertanto Hamas deve prendere sul serio questa tregua affinché si possa raggiungere un possibile cessate il fuoco”.

Il rilascio degli ostaggi rappresenterebbe una grande vittoria politica per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

“La pressione su Netanyahu è certamente enorme”, dice Udet. “Sarà un grande risultato per lui.”

Guarda l’intervista completa nel video qui sopra

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *