C’è stato un lungo silenzio di fronte all’odio verso gli ebrei

C’è stato un lungo silenzio di fronte all’odio verso gli ebrei

Dal 7 ottobre, milioni di ebrei in Israele, qui nel Paese e altrove, sono caduti in una realtà che pensavano appartenesse al passato. Anche se Yom HaShoah e Yom Hazikaron hanno rappresentato per molti l’opportunità di radunarsi attorno alle famose parole “Mai più”, queste parole non dovrebbero rimanere solo un semplice slogan.

Dal peggior massacro che gli ebrei avessero subito dalla seconda guerra mondiale, il fuoco dell’odio per gli ebrei divampò con rinnovato vigore. I recenti dati sui crimini d’odio lo dimostrano. Tuttavia, non è che non lo avessimo previsto.

Da molti anni cerchiamo di avvisare dei movimenti che potrebbero facilmente essere rallentati o fermati. L’antisemitismo sfrenato, alimentato prima da varie cospirazioni, poi il 7 ottobre da culti della morte (aiutati da un gruppo di “utili idioti”) che chiedevano lo sradicamento degli ebrei e della loro patria ancestrale, crebbe e si lasciò espandere.

“Never Again” ha già lasciato il posto a “No Waves”.

Il passato ha dimostrato che il silenzio, complice o meno, così come il rifiuto di affrontare l’odio, non placa il male. In realtà, sta solo rimandando l’inevitabile.

Odio verso gli ebrei e fastidioso silenzio

Negli ultimi mesi abbiamo assistito a Montreal un predicatore estremista che invocava l’uccisione degli ebrei. Abbiamo visto bombardare le scuole ebraiche. Quasi ogni settimana vediamo slogan di odio che glorificano gli attacchi del 7 ottobre. In nome della difesa del popolo palestinese, le strade di Montreal si stanno trasformando in bar aperti all’odio.

Tuttavia, difendendo la barbarie terroristica di un’organizzazione che desidera solo vedere la propria popolazione morire come martiri, che dirotta tutti gli aiuti internazionali ad essa concessi, che usa gli ospedali come luoghi di tortura e di lancio di razzi e che relega le donne a uno status inferiore, non è difendere un’organizzazione di liberazione popolare o difendere la pace di una tenda in mezzo alla città.

READ  Xi ha detto a Blinken che Cina e Stati Uniti dovrebbero essere “partner, non concorrenti”.

Di fronte a tutto ciò, nessuna figura ufficiale o eletta dovrebbe sminuire queste azioni, o addirittura guardarle con occhio soddisfatto nella migliore delle ipotesi, o con complicità nella peggiore. Queste azioni devono essere condannate a voce alta e chiara.

La buona fede come soluzione

Certamente non affrontiamo le stesse minacce delle nostre generazioni precedenti. Dovrebbe quindi essere più facile per tutti noi agire contro l’attuale aumento dell’antisemitismo. Basta avere la volontà. Lo dobbiamo non solo alla memoria dei sei milioni di vittime dell’Olocausto e delle migliaia di vittime del 7 ottobre, ma soprattutto ai nostri figli e a coloro che vivranno nel Quebec di domani.

Tuttavia, non fraintendermi. Ciò che inizia con gli ebrei finirà per influenzare tutti gli abitanti del Quebec. I manifestanti che oggi attaccano la nostra società e Israele stanno attaccando anche la nostra società e il nostro stile di vita occidentale.

Dall’odio per gli ebrei all’odio per il Quebec c’è solo un passo: è tempo che l’intera società se ne renda conto e agisca contro di esso.

sono Yudin, Vicepresidente del Quebec, Centro consultivo per le relazioni ebraico-israeliane (CIJA)

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *