Testimonianza davanti al pubblico ministero Joe Biden rifiuta di fornire la registrazione ai repubblicani

Testimonianza davanti al pubblico ministero  Joe Biden rifiuta di fornire la registrazione ai repubblicani

(Washington) – Joe Biden ha annunciato giovedì di essersi rifiutato di consegnare la registrazione della sua testimonianza davanti al procuratore speciale, la descrizione di quest’ultimo, soprattutto tra i suoi oppositori, ha scatenato una marea di commenti sulla memoria e la salute mentale dell’81enne -anni. Presidente degli Stati Uniti di un anno.




Robert Hoare, il pubblico ministero in questione, ha raccomandato nel suo rapporto di 388 pagine di febbraio l’impeachment di Joe Biden nel caso di aver nascosto documenti riservati. Ma ha parlato di “un uomo anziano con una cattiva memoria” e ha fatto commenti “inappropriati”, secondo la Casa Bianca.

In quest’anno elettorale, quando Biden affronterà Donald Trump a novembre, le commissioni parlamentari controllate dai repubblicani hanno chiesto che la registrazione fosse loro resa disponibile.

Su raccomandazione del procuratore generale Merrick Garland, Biden ha fatto appello alle sue “prerogative di amministratore delegato” per negare questa richiesta, ha scritto il consigliere della Casa Bianca Ed Siskel ai presidenti repubblicani di quei comitati e al Dipartimento di Giustizia.

“La mancanza di una legittima necessità di richiedere queste registrazioni audio espone il tuo potenziale obiettivo: distorcerle e usarle per scopi di parte”, ha scritto Ed Siskel ai presidenti della commissione, Jim Jordan e James Comer.

Da parte sua, Garland ha giustificato la sua raccomandazione di attivare i poteri del potere esecutivo per mantenere la riservatezza di alcune informazioni.

“Abbiamo compiuto sforzi straordinari per garantire che le legittime richieste dei comitati siano soddisfatte, ma questa non è una di queste”, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa del Ministero della Giustizia.

READ  Gli Stati Uniti effettuano attacchi di ritorsione in Iraq e Siria

Ha aggiunto che accogliere questa richiesta avrebbe “danneggiato la nostra futura capacità di condurre indagini sensibili”.

Questo è un argomento respinto dall’altro campo.

disabilità

“Per determinare se il procuratore speciale ha agito con equità nel non perseguire il presidente – nel non raccomandare un processo – il presidente, sono necessari i registri”, ha detto il presidente della commissione giudiziaria Jim Jordan.

Ha sottolineato: “Francamente i testi da soli non costituiscono una prova sufficiente dello stato della memoria del presidente, perché la Casa Bianca ha modificato i testi in passato”.

Si prevede che giovedì i repubblicani di due commissioni della Camera presenteranno risoluzioni per condannare Merrick Garland per aver ostacolato l’autorità investigativa del Congresso dopo che il Dipartimento di Giustizia si è rifiutato di consegnare le registrazioni.

Il procuratore speciale, nominato da Garland nel gennaio 2023, ha concluso nel suo rapporto che Joe Biden “conservava e divulgava consapevolmente documenti riservati dopo aver prestato servizio come vicepresidente quando era un privato cittadino”.

Ma ha ritenuto che “la condanna non sarebbe giustificata”, sostenendo in particolare che la giuria avrebbe concesso il beneficio del dubbio a “un vecchio comprensivo, ben intenzionato e con una cattiva memoria”.

Il pubblico ministero ha sottolineato in particolare che il presidente, durante l’interrogatorio, non ricordava più l’anno della morte del figlio maggiore Bo.

Il campo democratico ha denunciato le dichiarazioni “ingiustificate” e “politicamente motivate”, ma i suoi oppositori repubblicani alla Camera dei Rappresentanti hanno immediatamente sfruttato il rapporto per considerare Joe Biden “non idoneo” a svolgere le sue funzioni.

Durante un’udienza di marzo davanti a due commissioni della Camera, Robert Hoare ha giustificato i suoi commenti sulla sua memoria.

READ  L'uccisione di George Floyd | Trudeau accoglie con favore la sentenza di condanna di Derek Chauvin

Ha sottolineato: “Non ho corretto la mia interpretazione, né ho distorto ingiustamente la reputazione del presidente”.

La nomina del procuratore speciale nel gennaio 2023 ha fatto seguito alla scoperta di documenti segreti risalenti al periodo in cui Joe Biden era vicepresidente (2009-2017), in particolare riguardanti il ​​coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Afghanistan, nella sua residenza a Wilmington, nel Delaware. (Est), anch’esso in un ex ufficio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *