Il G7 avverte che gli autori di crimini di guerra saranno “responsabili”

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette, in una dichiarazione congiunta giovedì, hanno avvertito gli autori di crimini di guerra commessi in Ucraina, dove l’esercito russo è accusato di aver bombardato la popolazione civile, di essere “responsabili” alla giustizia internazionale.

• Leggi anche: Ucraina: 21 morti nel raid russo, Zelensky chiede aiuto ‘fermare questa guerra’

• Leggi anche: [EN DIRECT] Il 22° giorno di guerra in Ucraina: ecco gli ultimi sviluppi

I capi diplomatici del gruppo guidato dalla Germania di quest’anno hanno accolto con favore “l’indagine in corso e il lavoro di raccolta delle prove, anche da parte del procuratore della Corte penale internazionale” in Ucraina.

In questa dichiarazione, i ministri tedesco, francese, italiano, americano, giapponese, canadese e italiano hanno sottolineato che “coloro che commettono crimini di guerra, compreso l’uso indiscriminato di armi contro i civili, saranno ritenuti responsabili”.

Il procuratore capo della Corte penale internazionale, che sta indagando sulle accuse di crimini di guerra in Ucraina, ha visitato il Paese mercoledì e ha parlato in collegamento video con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il pubblico ministero ha aperto un’indagine sulla situazione in Ucraina il 3 marzo, dopo aver ricevuto il via libera da più di 40 Stati membri della Corte penale internazionale.

La Corte penale internazionale, con sede all’Aia, è stata istituita nel 2002 per processare le persone che sono state perseguite in particolare per crimini di guerra, crimini contro l’umanità o atti di genocidio.

Inoltre, mercoledì la Corte internazionale di giustizia, come la Corte penale internazionale dell’Aia, che è la più alta corte delle Nazioni Unite, ha ordinato l’interruzione immediata dell’offensiva russa in Ucraina.

READ  La partenza di Mario Draghi da presidente farebbe precipitare il Paese nell'incertezza

Nella loro dichiarazione, i ministri del G7 hanno invitato la Russia a “rispettare” questo ordine.

Giovedì il Cremlino ha respinto la decisione. Sebbene le sentenze della Corte internazionale di giustizia siano vincolanti e non possono essere impugnate, la Corte, che basa le sue conclusioni principalmente su trattati e convenzioni, non ha modo di applicarle.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.